Inizio della pagina -
Logo dell'Università degli Studi di Milano-Bicocca
|
Visita la Versione ad elevata leggibilità
|
Vai al Contenuto della pagina
|
Vai alla Fine dei contenuti
|
Vai al Menu Principale
|
Vai alla Barra di navigazione (sei in)
|
Vai al Menu di navigazione (albero)
|
Vai alla Lista dei comandi
|
Vai alla Lista degli approfondimenti
|
Vai al Menu inferiore
|
|Lista dei comandi|
Regolamento per l'attribuzione di assegni destinati all'incentivazione delle attività di tutorato, didattiche-integrative, propedeutiche e di recupero
Articolo 1
Il presente regolamento disciplina le modalità con cui il Senato Accademico ripartisce tra le Facoltà lo stanziamento previsto dall'art. 2 del D.M. 198/2003, destinato alla istituzione di assegni per l'incentivazione delle attività di tutorato, didattiche-integrative, propedeutiche e di recupero, individua le priorità delle iniziative da attivare e definisce i criteri per l'attribuzione degli assegni. Il presente regolamento definisce anche le modalità di attribuzione delle attività di tutorato in presenza di progetti specifici e utilizzando fonti di finanziamento diversi dallo stanziamento previsto dall'art. 2 del D.M. 198/2003.
Articolo 2

Gli assegni di cui all'articolo precedente sono destinati, ai sensi dell'art. 1, comma 1, lettera b) della legge n. 170/2003, agli studenti in corso, capaci e meritevoli, iscritti ai corsi di laurea specialistica, alle scuole di specializzazione per le professioni forensi, alle scuole di specializzazione per gli insegnamenti della scuola secondaria e ai corsi di dottorato di ricerca.

Per i corsi di laurea specialistica a ciclo unico gli assegni sono destinati agli studenti iscritti in corso al quarto anno e successivi.

Gli assegni sono compatibili con la fruizione delle borse di studio di cui all'art. 8 della legge n. 390/1991.

Articolo 3

Il Senato Accademico determina per ogni anno, la quota dello stanziamento previsto dall'art. 2 del D.M. 198/2003 da attribuire a ciascuna  Facoltà in proporzione al numero ponderato degli studenti in corso iscritti ai corsi di laurea e ai primi tre anni dei corsi di laurea specialistica a ciclo unico, fatta salva la possibilità di riservarne una quota per attività ritenute di interesse comune per l'Ateneo.

Le Facoltà sulla base della quota assegnata ai sensi del precedente comma, nonché sulla base di altri finanziamenti a loro disposizione approvano un programma di utilizzo dei fondi indicando il numero degli assegni che intendono attivare e  precisando per ognuno il tipo di attività richiesta, il corso di laurea specialistica o scuola di specializzazione o corso di dottorato di ricerca a cui gli aspiranti assegnisti devono essere iscritti, la durata e l'importo.

Articolo 4
Il Senato Accademico individua, tra le attività di tutorato (di cui all'art. 13 della Legge 341/1990), didattiche-integrative, propedeutiche e di recupero quelle da incentivare prioritariamente in base a obiettivi definiti annualmente e rispondenti alle esigenze delle singole Facoltà.
Articolo 5

Le selezioni saranno effettuate tenendo conto della congruità delle competenze possedute dal candidato in relazione all'attività da svolgere e secondo i seguenti criteri:

a) studenti regolarmente iscritti alla data di scadenza del bando, all'Università degli Studi di Milano-Bicocca, a lauree specialistiche; il punteggio è determinato dalla somma del voto di laurea espresso in centodecimi e della media ponderata dei voti rapportata al numero dei crediti acquisibili a secondo dell'anno di iscrizione;

b) studenti regolarmente iscritti alla data di scadenza del bando, all'Università degli Studi di Milano-Bicocca, a corsi di laurea specialistica a ciclo unico; il punteggio è determinato dalla media ponderata dei voti rapportata al numero di crediti acquisibili a seconda dell'anno di iscrizione;

c) studenti regolarmente iscritti alla data di scadenza del bando, all'Università degli Studi di Milano-Bicocca, alla scuola di specializzazione per le professioni forensi di Milano e alle scuole di specializzazione per gli insegnamenti della scuola secondaria, SILSIS - Sezione di Milano; il punteggio è determinato dalla somma del voto di laurea specialistica espresso in centodecimi e della media ponderata dei voti rapportata al numero di crediti acquisibili a secondo dell'anno di iscrizione;

d) studenti regolarmente iscritti alla data di scadenza del bando, all'Università degli Studi di Milano-Bicocca, a un dottorato di ricerca; il punteggio è determinato dal voto di laurea specialistica o laurea vecchio ordinamento.

Articolo 6

Il Preside di Facoltà emana i bandi per la selezione degli studenti capaci e meritevoli iscritti ai corsi di laurea specialistica, ai corsi di dottorato e alle scuole di specializzazione, ai quali conferire, per ciascun anno accademico, gli assegni di cui al precedente art. 1.

Il Rettore bandisce le selezioni per attribuire gli assegni destinati alle attività di interesse generale per l'Ateneo di cui all'art. 3 comma 1.

I bandi possono essere riservati, a seconda delle diverse tipologie di attività da affidare, solo ad alcune delle categorie di studenti indicati nell'art. 2Il Bando deve indicare:

  1. il numero e la ripartizione degli assegni tra i corsi di studio; 2) l'attività da svolgere tra quelle previste al precedente art. 1 per il corso di laurea o per il corso di laurea magistrale (ammissibili solo in caso di assegni di tutorato attivati su finanziamenti diversi da quanto previsto dall'art. 2 del D.M. 198/2003) della Facoltà per il quale l'assegno è conferito;
  2. la durata, il numero di ore da svolgere e l'importo da corrispondere;
  3. i criteri di selezione dei candidati così come previsti al precedente art. 5;
  4. Il termine per la presentazione delle domande da parte degli studenti;
  5. le modalità di pubblicazione dei risultati delle selezione.

Il bando e le graduatorie finali sono pubblicate mediante affissione all'albo ufficiale di Ateneo o delle Facoltà.
Le Facoltà si incaricano della gestione delle procedure di selezione e dell'attribuzione degli assegni di cui al presente articolo.

l termine della selezione, il Preside trasmette all'Area del Personale i risultati della selezione.

Articolo 7

L'impegno degli studenti iscritti ai corsi di laurea specialistica non può essere superiore alle 400 ore per anno e l'importo dell'assegno loro conferito non può superare il limite di 4.000 euro per anno, in conformità a quanto previsto dall'art. 2 comma 4, del Decreto Ministeriale n. 198/2003.

Per gli iscritti alle scuole di specializzazione o ai dottorati di ricerca il compenso previsto è di 15 euro/ora per attività di tutorato per un massimo di 150 ore/anno; di 55 euro/ora per attività didattiche-integrative, propedeutiche e di recupero in aula per non più di 60 ore/anno e di 30 euro/ora per attività didattiche-integrative in laboratorio per non più di 80 ore/anno.

Articolo 8

Lo svolgimento delle attività e la conseguente corresponsione del compenso si interrompe al momento in cui cessa lo stato di studente, di specializzando o di dottorando.

Articolo 9

L'Università Degli Studi di Milano - Bicocca provvede alla copertura assicurativa per infortuni e responsabilità civile verso terzi a favore degli studenti impegnati nelle attività previste nel presente regolamento.

L'attività degli studenti beneficiari degli assegni è svolta sotto il coordinamento e il controllo dei Presidi di Facoltà o dei Coordinatori dei corsi di studio.

Agli assegni di cui al presente articolo si applicano, in conformità a quanto stabilito dall'art. 1 comma 3 della Legge 170/2003, le disposizioni dell'articolo 10-bis del Decreto Legislativo 15 dicembre 1997 n. 446, nonché quelle dell'articolo 4 della legge 13 agosto 1984 n. 476 e successive modificazioni ed in materia previdenziale quelle dell'articolo 2 commi 26 e seguenti della legge 8 agosto 1995 n. 335 e successive modificazioni.


  
Nessun approfondimento presente per questa pagina
© 2005-2016 Università degli Studi di Milano-Bicocca -
Piazza dell'Ateneo Nuovo, 1 - 20126, Milano • tel. 02 6448 1 • Casella PEC: ateneo.bicocca@pec.unimib.it • P.I. 12621570154 • Amministrazione trasparente
- ultimo aggiornamento di questa pagina 17/02/2009