Inizio della pagina -
Logo dell'Università degli Studi di Milano-Bicocca
|
Visita la Versione ad elevata leggibilità
|
Vai al Contenuto della pagina
|
Vai alla Fine dei contenuti
|
Vai al Menu Principale
|
Vai alla Barra di navigazione (sei in)
|
Vai al Menu di navigazione (albero)
|
Vai alla Lista dei comandi
|
Vai alla Lista degli approfondimenti
|
Vai al Menu inferiore
|
|Lista dei comandi|
Regolamento del Programma "Visiting Scholars and Students"

 

ART. I

È emanato il Programma “Visiting Scholars and Students” dell’Università degli Studi di Milano - Bicocca nel testo che segue

Sommario del documento:

  1. Titoli attribuibili a Visiting Professors, Researchers e Students.
  2. Servizi offerti ai Visiting Scholars e Students.
  3. Modalità di accoglienza e ricadute sull’Ateneo.
1. Titoli attribuibili a Visiting Professors, Researchers and Students

a) Honorary Scholar
Si tratta di un titolo onorifico attribuito dal Rettore a ospiti esimi che, seppure non svolgano direttamente attività di ricerca o di insegnamento, hanno contribuito o continuano a incentivare progetti internazionali e nazionali, dando prestigio e reputazione all’Ateneo. Solitamente è attribuibile – con medaglia – a personalità del mondo della cultura, capi di Stato, ecc. Il titolo differisce dunque dalla laurea honoris causa.

b) Visiting Professor
Il titolo di “Visiting Professor” è attribuibile all’ospite (italiano e straniero) che nell’istituzione di appartenenza ricopra un analogo ruolo accademico, ovvero che sia “full or associate professor”.
Il Visiting Professor è un professore che oltre a svolgere attività di ricerca, partecipa alla didattica del dipartimento, con seminari o corsi.
Il titolo di Visiting Professor può essere attribuito anche a esimie personalità del mondo delle professioni e della cultura.
L’ospite potrà essere invitato nell’ambito di un progetto didattico e/o scientifico di interesse comune alle Parti, oppure potrà fare direttamente domanda al Direttore di Dipartimento o a un docente dagli analoghi interessi scientifici, che valuterà la proposta.
La candidatura - sostenuta da un docente che fungerà poi da referente per l’ospite - dovrà essere approvata dal Consiglio di Dipartimento, dopo un’attenta valutazione della richiesta, del CV e della lista delle pubblicazioni.
Il Visiting Professor deve lavorare presso il Dipartimento prescelto per almeno 1 mese (svolgendo attività di insegnamento/ ricerca per non meno di 24 ore, pari a 3 CFU), anche se in modo non continuativo.
Il Visiting Professor sarà invitato a partecipare alle varie attività del Dipartimento, collaborando coi colleghi e interagendo con gli studenti.
Le informazioni relative all’ospite e alla sua permanenza dovranno essere registrate tramite la segreteria amministrativa del Dipartimento in una banca dati d’Ateneo, appositamente istituita.
Nel caso il Visiting Professor svolga e pubblichi una ricerca, frutto della sua permanenza a UNIMIB, dovrà riconoscere nel testo tale occorrenza.
Essendo un titolo d’Ateneo, l’ospite riceverà alla fine della sua permanenza un attestato ufficiale.
La presente proposta per il titolo di Visiting Professor intende in particolar modo sensibilizzare i dipartimenti circa l’importanza di impiegare ospiti stranieri come docenti a contratto, in modo da poter accrescere l’offerta formativa di Ateneo per quanto concerne l’insegnamento di corsi in lingua inglese.

c) Guest Lecturer
È solitamente identificato col “Docente/ Professore a contratto”.

d) Visiting Fellow
Il Visiting Fellow è un full professor (professore ordinario), associate professor (professore associato), assistant professor/ lecturer (ricercatore) o un post-doc fellow (assegnista; sono esclusi i dottorandi, considerati Visiting Students) – in equipollenza col ruolo ricoperto nell’istituzione di appartenenza - che chiedono di essere affiliati a un dipartimento per un certo periodo di tempo, soprattutto per interessi di ricerca, come nel caso dei periodi di sabbatico.
Nel caso l’ospite non sia direttamente invitato da un membro di UNIMIB, dovrà inoltrare una richiesta formale di ospitalità a un collega che abbia analoghi interessi scientifici, oppure direttamente al Direttore di Dipartimento. La candidatura dovrà essere poi approvata dal Consiglio di Dipartimento.
Il Visiting Fellow potrà riferirsi a un docente di Dipartimento, che gli/le fornisca informazioni necessarie per lo sviluppo della ricerca e per contattare i colleghi.
Nonostante non siano previste specifiche attività didattiche, tuttavia il Visiting Fellow dovrà svolgere almeno una lezione o un seminario, rivolti a studenti e/o docenti.
Le informazioni relative all’ospite e alla sua permanenza dovranno essere registrate tramite la segreteria amministrativa del Dipartimento su una banca dati d’Ateneo, appositamente istituita.
Nel caso il Visiting Professor svolga e pubblichi una ricerca, frutto della sua permanenza a UNIMIB, dovrà riconoscere nel testo tale occorrenza.
Essendo un titolo d’Ateneo, l’ospite riceverà alla fine della sua permanenza un attestato ufficiale.

e) Erasmus Professor and Researcher
Il titolo di Erasmus Professor o Researcher è attribuibile all’ospite europeo in relazione al ruolo ricoperto nell’istituzione di appartenenza (full professor, associate professor, lecturer/assistant professor). Livello minimo: post-graduate.
È un docente europeo che insegna a UNIMIB nell’ambito del programma Erasmus Plus.
Il programma di docenza deve essere della durata minima di 8 ore.
Il referente Erasmus di Dipartimento – in collaborazione coi responsabili dei diversi corsi di laurea – monitorerà le attività degli ospiti.
La presenza dell’ospite dovrà essere registrata dall’addetto amministrativo sulla banca dati d’Ateneo, appositamente istituita.
È un titolo di Dipartimento connesso a previ accordi con università europee, per cui la visita del docente necessita della comunicazione al Consiglio di Dipartimento.

f) Joint Project Professor and Researcher
Il titolo di Joint Project Professor/Researcher è attribuibile all’ospite in rapporto al ruolo accademico ricoperto nell’istituzione di appartenenza, come sopra. Livello minimo: post-graduate.
Si tratta di Scholars che fanno visite brevi per promuovere accordi, svolgere seminari e conferenze, contribuire ad attività di ricerca, partecipare a delegazioni.
La presenza dell’ospite dovrà essere registrata dalla segreteria amministrativa di Dipartimento sulla banca dati d’Ateneo, così come per gli altri titoli.
È un titolo che si riferisce alle attività di ricerca e cooperazione svolte dai singoli docenti e ricercatori, per cui non necessita dell’approvazione del Consiglio di Dipartimento, bensì soltanto di una comunicazione al Consiglio da parte del collega interessato.

g) Senior professor
Sono quei professori universitari italiani e stranieri che si sono ritirati dall’insegnamento attivo, ma che intendono continuare a collaborare con l’Ateneo per lo sviluppo di nuovi progetti di ricerca, per il fund raising, la didattica avanzata, la supervisione di ricerche, il trasferimento di conoscenze, il rafforzamento di reti nazionali e internazionali, ovvero che si impegnino in attività finalizzate al consolidamento della reputazione scientifica di UNIMIB e al finanziamento di nuovi progetti.
Il senior professor è un titolo d’Ateneo.
Sono esclusi i professori emeriti che già godono di un titolo d’Ateneo e di un riconoscimento ministeriale.

h) Visiting Students
Sono Visiting Students studenti di laurea triennale, magistrale, a ciclo unico, di corsi di master, dottorato e free movers, che intendono trascorrere periodi di ricerca o di studio presso il nostro Ateneo, sulla base di accordi firmati da docenti con le loro istituzioni d’origine, oppure per iniziativa personale.
Sono Erasmus Students, studenti connessi ai diversi programmi internazionali di didattica e di ricerca, finanziati dalla Commissione Europea.

2. Servizi offerti a Visiting Scholars and Students

a) Per docenti e ricercatori
Una volta assegnato uno dei titoli sopra indicati, attraverso un docente di riferimento, il Dipartimento interessato deve garantire all’ospite i seguenti servizi:
- Utilizzo di una postazione o di un ufficio in condivisione, dotato di telefono, computer e stampante presso il Dipartimento ospitante, per la durata della permanenza concordata e relativamente alle risorse disponibili. Nel caso della mancanza di uno spazio in Dipartimento, l’Ateneo si impegnerà a trovare un ufficio adeguato.
- Disponibilità di un docente a fungere da referente didattico-scientifico e di un amministrativo che sappia fornire le eventuali informazioni pratiche necessarie all’ospite.
- Accesso alla biblioteca, alle mense e ai servizi offerti al personale UNIMIB, inclusa la mail.personale@campus.unimib.it, solo però per chi si fermerà per un periodo congruo.
- Assicurazione infortuni e R/C terzi, previo pagamento del premio nominativo stabilito nella polizza di Ateneo.
- Possibilità di alloggiare presso le foresterie CIDIS.
- Attestato di presenza presso UNIMIB.

b) Per Erasmus students
A fronte degli impegni sottoscritti nella Erasmus Charter for Higher Education, fondati su criteri di reciprocità, l’Ateneo dovrà garantire allo studente Erasmus Plus:
- Iscrizione a UNIMIB per tutto il periodo di permanenza.
- Possibilità di avere un docente tutor/ mentor.
- Attivazione badge di UNIMIB.
- Accesso alla biblioteca, alle mense e ai servizi offerti agli studenti UNIMIB, inclusa la mail.personale@campus.unimib.it
- Assicurazione infortuni e R/C terzi, previo pagamento del premio nominativo stabilito nella polizza di Ateneo.
- Corsi gratuiti di lingua italiana.
- Alloggio presso le residenze CIDIS con cofinanziamento mensile di 100 € a carico di UNIMIB.
- Certificazione delle attività svolte a UNIMIB.

3. Modalità di accoglienza e ricadute sull’Ateneo

Ogni Visiting Scholar che non fosse cittadino dell’Unione Europea, prima di essere accettato a UNIMIB, dovrà assicurarsi che non ci siano problemi per l’ottenimento del visto di ingresso e del permesso di soggiorno in Italia, tramite il visto rilasciato dalle autorità competenti.

Una volta approvata la proposta per l’attribuzione di titoli ai Visiting Scholars, l’Ateneo dovrà pubblicare in inglese sul sito un documento che indichi il programma e ne spieghi lo spirito e gli obiettivi.

Ogni Dipartimento sceglierà autonomamente le modalità più adatte per pubblicizzare lo “UNIMIB Visiting Scholars and Students Program” tramite web e materiali vari, indicando sia le modalità per l’application, sia la possibilità per docenti e ricercatori di trascorrere un sabbatico a UNIMIB.

L’Ateneo dovrà approntare una banca dati e un sistema integrato per la raccolta dati, il monitoraggio in itinere e la valutazione a posteriori dell’operato degli ospiti, in modo tale da poter avere un quadro più esaustivo delle attività scientifiche/ didattiche da loro svolte a UNIMIB.

Il programma intende inoltre poter verificare a posteriori l’eventuale impatto che la presenza degli ospiti ha avuto non solo sull’Ateneo e i singoli Dipartimenti in termini scientifici e didattici, ma anche sulla carriera dell’ospite, accrescendo la reputazione internazionale dell’Ateneo.

ART. II

L’Ateneo si impegna a:
- Mettere a disposizione almeno una postazione per gli international scholars da parte di ogni Dipartimento. Nel caso di mancanza di spazio, l’Ateneo si impegnerà a trovare un ufficio adeguato.
- Indicare un docente referente per l’ospite e far circolazione fra i colleghi di Dipartimento informazioni circa la sua presenza.
- Nominare un amministrativo con compiti relativi al programma di internazionalizzazione, gestendo la parte logistica dell’ospitalità per gli International Scholars e immettendo informazioni relative alla loro presenza e collaborazione nella banca dati d’Ateneo.
- Prevedere una scheda per ogni ospite che contenga le seguenti informazioni-base: Cognome, Nome, Titolo dell’ospite; Università o centro di afferenza, Nazione; Titolo e tipo di attività che svolge presso il Dipartimento d’origine; Titolo e tipo di attività che si intende svolgere presso il Dipartimento ospitante (seminario, lezione, conferenza, ricerca, progetti di cooperazione); Programma/ Accordo; Data di inizio e fine attività/ occupazione della postazione. Va anche previsto un file dove poter caricare CV e lista delle pubblicazioni degli ospiti.
- Dedicare una sezione della pagina internazionalizzazione di Dipartimento agli ospiti (con rimando alle loro home page), indicandone le loro attività.
- Supervisionare le attività dei Visiting Scholars da parte del referente di Dipartimento.
- Predisporre l’accoglienza di delegazioni.
- Disporre di gadget d’Ateneo da distribuire agli ospiti che, all’occorrenza, potranno essere acquistati dai diversi dipartimenti presso l’Economato.
- Costituire una Commissione Internazionalizzazione di Dipartimento, che promuova l’ampliamento di accordi didattici e scientifici.
- Riportare periodicamente alla Commissione internazionalizzazione d’Ateneo le questioni emerse durante gli incontri con la commissione dipartimentale e viceversa.
- Avere un feed-back da parte dei Visiting Scholar, in modo da verificare una loro possibile fidelizzazione per lo sviluppo di ulteriori progetti didattici e scientifici di interesse comune.

ART. III

Le disposizioni emanate con il presente Decreto entrano in vigore il giorno successivo a quello in cui sono pubblicate all’Albo Ufficiale d’Ateneo.

 


  
Nessun approfondimento presente per questa pagina
© 2005-2016 Università degli Studi di Milano-Bicocca -
Piazza dell'Ateneo Nuovo, 1 - 20126, Milano • tel. 02 6448 1 • Casella PEC: ateneo.bicocca@pec.unimib.it • P.I. 12621570154 • Amministrazione trasparente
- ultimo aggiornamento di questa pagina 28/05/2015