Inizio della pagina -
Logo dell'Università degli Studi di Milano-Bicocca
|
Visita la Versione ad elevata leggibilità
|
Vai al Contenuto della pagina
|
Vai alla Fine dei contenuti
|
Vai al Menu Principale
|
Vai alla Barra di navigazione (sei in)
|
Vai al Menu di navigazione (albero)
|
Vai alla Lista dei comandi
|
Vai alla Lista degli approfondimenti
|
Vai al Menu inferiore
|
|Lista dei comandi|
Regolamento per l'attribuzione dei finanziamenti a progetti di singoli e/o giovani ricercatori

Il Rettore:

VISTO il D.M. 4 dicembre 1997 n. 1451, concernente i criteri per l'attribuzione alle Università
delle risorse disponibili sui fondi per la ricerca e per le grandi attrezzature scientifiche e per i progetti di rilevante interesse nazionale;

VISTO il D.M. 3 dicembre 1998 n. 811, riguardante il cofinanziamento di programmi di ricerca di interesse nazionale proposti dalle Università e dagli osservatori astronomici, astrofisici e vulcanologici;

VISTA la nota del Ministero dell'Università e della Ricerca Scientifica n. 1707/98, che disciplina le modalità di finanziamento di progetti di ricerca condotti da singoli e/o giovani ricercatori;

VISTE le delibere del Senato Accademico dell'11.12.2000 e del Consiglio di Amministrazione del 15.12.2000;

DECRETA

l'emanazione del seguente :

Regolamento per l'attribuzione dei finanziamenti a progetti di singoli e/o giovani ricercatori

Art. 1 - (Finalità)

1. Il presente regolamento disciplina le modalità per l'attribuzione del finanziamento destinato a giovani ricercatori, come da nota ministeriale n. 1707/98, per il "PROGETTO GIOVANI RICERCATORI" del Ministero dell'Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica.

Art. 2 - (Richiedenti e beneficiari)

1. I richiedenti e beneficiari sono giovani ricercatori - singoli o in gruppo -, e cioè : ricercatori universitari non confermati, dottorandi di ricerca, dottori di ricerca, titolari di borsa post-dottorato e titolari di assegni di ricerca che non abbiano compiuto i 35 anni alla scadenza del termine per la presentazione della domanda, e che non facciano parte di unità operative finanziate nell'ambito dei programmi di interesse nazionale nell'anno di riferimento del finanziamento.

Art. 3 - (Finanziamento)

1. L'intervento prevede una disponibilità finanziaria globale definita annualmente dal MURST, con eventuale integrazione sul bilancio dell'Ateneo approvato dal Consiglio di Amministrazione, sentito il Senato Accademico.
2. I finanziamenti ai singoli progetti di ricerca verranno assegnati dal Senato Accademico sulla base delle proposte formulate dalle Commissioni, così come indicato nel successivo art. 5.
La somma di cui al comma 1 del presente articolo viene ripartita dal Senato Accademico in due quote, l'una riservata a progetti che prevedono attività riguardanti le aree disciplinari dei settori umanistici (da 10 a 14), l'altra riservata a progetti che prevedono attività riguardanti le aree disciplinari dei settori scientifici-tecnologici (da 1 a 9). Le due quote vengono definite in misura proporzionale al numero di docenti di I e II fascia e ricercatori afferenti alle aree stesse.
3. Il finanziamento messo a disposizione per ogni singolo progetto di ricerca deve rispettare il limite massimo di L. 20.000.000.

Art. 4 - (Modalità e termini di presentazione delle domande)

1. Il proponente responsabile deve presentare un progetto di ricerca autonomo e innovativo.
Il progetto di ricerca ha durata annuale.
2. Le domande in carta libera, oltre ai dati anagrafici ed ai titoli acquisiti (diploma di laurea, dottorato, ecc.), devono indicare :
a) la qualifica e l'eventuale struttura di afferenza del proponente la ricerca;
b) la struttura dell'Università presso la quale si intende svolgere la ricerca;
c) eventuali altri giovani ricercatori che partecipano al progetto e loro qualifiche;
d) un breve curriculum e le pubblicazioni scientifiche del proponente la ricerca e degli eventuali altri giovani ricercatori; che partecipano al progetto
e) i presupposti, la descrizione e l'obiettivo della ricerca, indicandone l'originalità, il contenuto innovativo e le attrezzature disponibili;
f) il preventivo analitico di spesa, dal quale si evinca l'impiego delle risorse per gli esclusivi fini della ricerca. Sono escluse spese volte all'acquisizione di beni inventariabili;
g) la dichiarazione di non far parte di unità operative finanziate nell'ambito dei programmi di interesse nazionale.
3. Le domande, indirizzate al Magnifico Rettore, devono essere corredate dal consenso del Direttore del Dipartimento/Istituto interessato ad ospitare, in caso di approvazione del progetto, i proponenti dello stesso e a mettere a disposizione le attrezzature necessarie per l'esecuzione delle ricerche.
Le stesse devono essere presentate entro 30 giorni dalla data di emissione dello specifico bando.

Art. 5 - (Valutazione delle domande)

1. Per ciascuna delle aree disciplinari di cui all'art. 3, 2° comma, la Commissione Giudicatrice è costituita dai membri dei Comitati d'Area relativi. Le funzioni di presidente sono assunte dal Presidente di Comitato d'Area più anziano in ruolo. Le domande dei candidati sono valutate entro 60 giorni dalla data di scadenza di presentazione delle domande .
2. Ciascuna Commissione effettua una valutazione comparativa dei progetti presentati, anche sulla base dei titoli e delle pubblicazioni dei proponenti.
3. La Commissione redige un verbale riportante un elenco dei progetti approvati, con l'indicazione dei relativi finanziamenti, nel rispetto delle disponibilità complessive di cui al precedente articolo 3.
La proposta della Commissione viene sottoposta all'approvazione del Senato Accademico.

Art. 6 - (Relazione finale)

1.Ogni beneficiario di finanziamento è tenuto a presentare, entro 3 mesi dalla conclusione del progetto di ricerca, un rapporto finale con i risultati della ricerca stessa.
2.Il titolare dei fondi, finalizzati alla realizzazione del progetto, è il proponente responsabile. I fondi sono assegnati al Dipartimento/Istituto indicato nella proposta.

Art. 7 - (Spedizione al Murst)

L'elenco dei progetti selezionati, con l'indicazione dei risultati prodotti, nonché della qualifica e dell'età dei ricercatori coinvolti, sarà annualmente trasmesso al MURST dai competenti uffici dell'Ateneo.

Art. 8 - (Norme transitorie)

In prima applicazione del presente regolamento le domande di finanziamento dovranno pervenire all'Ufficio Regolamenti ed Elezioni entro il 15.02.2001.

Il Rettore
(Prof. Marcello Fontanesi)

Reg. il 18.12.2000
Al n. 1182


  
Nessun approfondimento presente per questa pagina
© 2005-2016 Università degli Studi di Milano-Bicocca -
Piazza dell'Ateneo Nuovo, 1 - 20126, Milano • tel. 02 6448 1 • Casella PEC: ateneo.bicocca@pec.unimib.it • P.I. 12621570154 • Amministrazione trasparente
- ultimo aggiornamento di questa pagina 28/11/2005