Inizio della pagina -
Logo dell'Università degli Studi di Milano-Bicocca
|
Visita la Versione ad elevata leggibilità
|
Vai al Contenuto della pagina
|
Vai alla Fine dei contenuti
|
Vai al Menu Principale
|
Vai alla Barra di navigazione (sei in)
|
Vai al Menu di navigazione (albero)
|
Vai alla Lista dei comandi
|
Vai alla Lista degli approfondimenti
|
Vai al Menu inferiore
|
|Lista dei comandi|
Stampa
Sei in: Home > Tasse
Tasse
LA RIFORMA

Il nuovo sistema di contribuzione, recependo e modificando in senso favorevole agli studenti le indicazioni contenute nello "Student Act" (di cui alla Legge n. 232 del 11 dicembre 2016), si pone l’obiettivo di facilitare l’accesso agli studi e premiare gli studenti che progrediscono con regolarità nel loro percorso universitario.

Il nuovo sistema, abbandonata la logica della progressività per scaglioni in favore della progressività lineare, rafforza la tutela del reddito anche con valori ISEE medi e medio-alti.

Con il nuovo sistema, l’aliquota contributiva cresce in modo lineare dai 13.000 euro di ISEE fino al tetto di 76.000 euro, a partire dal quale i contributi raggiungono le quote massime. In ogni caso, anche con ISEE massimo, l’aliquota resta ampiamente inferiore al 7 per cento (dal 5,1% al 6,1%, a seconda del corso di studi) indicato dalla legge.

Al fine di facilitare l’accesso agli studi e premiare gli studenti che cercano di progredire regolarmente nel loro percorso, il sistema prevede che per tutti gli studenti che si iscrivono al primo anno, per tutti gli studenti che si iscrivono al secondo anno dopo aver conseguito almeno 10 crediti al primo, e per tutti gli studenti che si iscrivono al terzo anno o successivi (fino a un anno oltre la durata del corso di studi) dopo aver conseguito almeno 25 credito l’anno precedente, si applica uno sconto del 9 per cento sul contributo universitario dovuto.

Infine, per incentivare l'afflusso di studenti stranieri ai corsi di laurea internazionali erogati dall'Università interamente in lingua inglese, è previsto che tutti gli studenti di con prima cittadinanza non italiana e con titolo di accesso conseguito all'estero:

  1. hanno contributo unico per l'immatricolazione al primo anno pari a 0 €;
  2. hanno contributo unico per l'iscrizione a un qualsiasi anno accademico successivo al primo pari a 600 € per Marine Sciences, Materials Science, International Medicine & Surgery, e pari a 500 € per International Economics e per Applied Experimental Psychological Sciences.

Le tasse universitarie si pagano in due rate: la prima, divisa in prima rata acconto al momento dell’immatricolazione o dell’iscrizione e prima rata conguaglio entro il 15 gennaio 2018, la seconda entro il 15 maggio 2018.

Prima Rata

L’importo della prima rata acconto, fisso per tutti i corsi di studio, si compone delle voci seguenti:

  • tassa regionale per il diritto allo studio: € 140,00
  • imposta di bollo: € 16,00
  • Totale: € 156,00

L’importo della prima rata conguaglio (variabile) si compone delle voci seguenti:

  • Contributo unico universitario: pari al 30% dell’ammontare del contributo complessivamente dovuto (calcolato come di seguito indicato sulla base del valore ISEE per le prestazioni per il diritto allo studio universitario).

          Ove il contributo unico universitario complessivamente dovuto sia inferiore o uguale ad € 400,00 verrà addebitato interamente in questa rata. Per gli studenti che non avranno presentato l’ISEE verrà addebitato il 30% del contributo massimo previsto dall’area di contribuzione di appartenenza del corso di studio frequentato.

 

  • Totale: variabile tra:

Area di appartenenza dei Corsi di Studio

Studenti meritevoli ex art. 4 Regolamento di contribuzione

Studenti non meritevoli

A

   Euro 0,00 ed Euro 963,60

Euro 0,00 ed Euro 1.059,00

B

Euro 0,00 ed Euro 1.157,40

Euro 0,00 ed Euro 1.272,00




Modalità di pagamento


Il pagamento delle tasse universitarie (prima acconto, prima rata conguaglio e seconda rata) sarà interamente on line.
I bollettini di versamento MAV, pagabili presso gli sportelli di tutti gli Istituti bancari italiani, si dovranno stampare direttamente dai servizi di Segreterie On Line al termine delle procedure di immatricolazione o di rinnovo iscrizione.
Salvo richieste specifiche, non è prevista la consegna delle ricevute dei versamenti, che verranno trasmessi direttamente all'Università dagli Istituti bancari.

Il MAV è pagabile anche attraverso i circuiti bancomat e i servizi di home banking abilitati oppure con carta di credito online tramite il servizio PagoFacile della Banca Popolare di Sondrio.

Per i pagamenti effettuati tramite home banking o carta di credito è necessario verificare attentamente le politiche e gli orari di accettazione delle disposizioni MAV e le eventuali commissioni applicate da questi servizi, consultando le informative PSD disponibili presso le filiali o i siti internet degli stessi.
In particolare si ricorda che molte banche non eseguono immediatamente i pagamenti disposti limitandosi alla sola presa in carico. In tale ipotesi l'operazione solitamente avrà data di esecuzione pari al giorno lavorativo seguente e, qualora questo sia successivo alle scadenze imposte, verrà richiesto il contributo aggiuntivo per ritardato pagamento.

Per maggiori informazioni vedi il sito web d’Ateneo, www.unimib.it, in Gestione Carriere (Segreterie studenti), Pagare le tasse.


Quando si paga

  • Prima rata acconto: all'atto dell'immatricolazione o del rinnovo iscrizione. La scadenza è il 02 ottobre 2017.

N.B.: Per gli immatricolati ai corsi ad accesso programmato la prima rata acconto dovrà essere pagata entro le scadenze pubblicate a margine delle graduatorie di ammissione.

  • Prima rata conguaglio: la scadenza è il 15 gennaio 2018.

N.B.: Gli studenti immatricolati (1° anno) in difetto del pagamento della 1^ rata conguaglio alla data del 31 gennaio 2018 decadranno automaticamente dall’immatricolazione. Gli studenti iscritti (anni successivi al primo) in difetto di pagamento della prima rata di conguaglio al 31 gennaio 2018 avranno la carriera bloccata, e non potranno procedere ad alcun avanzamento di carriera accademica.

Attenzione: per gli iscritti/immatricolati successivamente alla data del 15 gennaio 2018, la prima rata acconto e la prima rata conguaglio dovranno essere versate in unica soluzione.

 

Cosa succede se si paga in ritardo

In caso di immatricolazioni a corsi ad accesso programmato il pagamento non può essere effettuato in ritardo.

Il pagamento effettuato dopo le scadenze comporta un incremento del dovuto secondo percentuali crescenti in una misura commisurata al ritardo del pagamento rispetto alla scadenza, come segue:

 10% del dovuto per ritardati pagamenti fino a sessanta giorni;

 15% del dovuto per ritardati pagamenti oltre il sessantesimo giorno.

Seconda Rata

L’importo della seconda rata (variabile) si compone delle voci seguenti:

  • Saldo del contributo unico universitario dovuto: pari al restante 70% dell’ammontare del contributo complessivamente dovuto (calcolato come di seguito indicato sulla base del valore ISEE per le prestazioni agevolate per il diritto allo studio universitario).
  • Totale: variabile tra:

 

Area di appartenenza dei Corsi di Studio

Studenti meritevoli ex art. 4 Regolamento di contribuzione

Studenti non meritevoli

A

Euro 0,00 ed Euro 2.248,40

Euro 0,00 ed Euro 2.471,00

B

Euro 0,00 ed Euro 2.700,60

Euro 0,00 ed Euro 2.968,00

 

 

Quando si paga

 

La scadenza è il 15 maggio 2018


Modalità di pagamento


Il pagamento della seconda rata deve essere effettuato con un bollettino MAV, pagabile presso gli sportelli anche automatici (BANCOMAT) di tutti gli Istituti bancari, che sarà possibile visualizzare e stampare direttamente nella pagina "Pagamenti" presente nell'Area riservata dei servizi di Segreterie On Line.

Il MAV è pagabile anche attraverso i circuiti bancomat e i servizi di home banking abilitati oppure con carta di credito online tramite il servizio PagoFacile della Banca Popolare di Sondrio.

Per i pagamenti effettuati tramite home banking o carta di credito è necessario verificare attentamente le politiche e gli orari di accettazione delle disposizioni MAV e le eventuali commissioni applicate da questi servizi, consultando le informative PSD disponibili presso le filiali o i siti internet degli stessi.
In particolare si ricorda che molte banche non eseguono immediatamente i pagamenti disposti limitandosi alla sola presa in carico. In tale ipotesi l'operazione solitamente avrà data di esecuzione pari al giorno lavorativo seguente e, qualora questo sia successivo alle scadenze imposte, verrà richiesto il contributo aggiuntivo per ritardato pagamento.

 

Cosa succede se si paga in ritardo
Il pagamento effettuato dopo il 15 maggio 2018 comporta un incremento dei contributi secondo percentuali crescenti in una misura commisurata al ritardo del pagamento rispetto alla scadenza, come segue:

10% del dovuto per ritardati pagamenti fino a sessanta giorni;

15% del dovuto per ritardati pagamenti oltre il sessantesimo giorno.

Calcolo del contributo unico universitario dovuto

L’ammontare del contributo unico universitario dovuto è calcolato sulla base della condizione economica del nucleo familiare dello studente. Il contributo massimo applicabile a ciascun studente, ex art. 5 del regolamento in materia di contribuzione studentesca, è:

 

Area di appartenenza dei Corsi di Studio

Studenti meritevoli ex art. 4 Regolamento di contribuzione

Studenti non meritevoli

A

Euro 3.212,00

Euro 3.530,00

B

Euro 3.858,00

Euro 4.240,00

 

Il contributo massimo è dovuto per valori di ISEE, per le prestazioni agevolate per il diritto allo studio universitario, pari o superioread Euro 76.000,00. E altresì dovuto dagli studenti che non presenteranno l'ISEE, per le prestazioni agevolate per il diritto allo studio universitario, entro le scdenze fissate dall'Ateneo. 

Come si valuta la condizione economica

La condizione economica del nucleo familiare degli studenti viene valutata sulla base dell'ISEE PER LE PRESTAZIONI AGEVOLATE PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO.

Per informazioni dettagliate sulle modalità per richiedere l’attestazione ISEE per le prestazioni agevolate per il diritto allo studio universitario, si rinvia alla sezione Tasse del sito dell'Università, www.unimib.it.


Area di contribuzione dei corsi di studio

Area A: 

Corsi di studio in: Analisi dei processi sociali; Applied experimental psychological sciences; Biostatistica; Economia del turismo; Economia delle banche, delle assicurazioni e degli intermediari finanziari; Economia e amministrazione delle imprese; Economia e commercio; Economia e finanza; Economia, statistica e informatica per l'azienda; Giurisprudenza; International economics - Economia internazionale; Management e design dei servizi; Marketing e mercati globali; Marketing, comunicazione aziendale e mercati internazionali; Programmazione e gestione delle politiche e  dei servizi sociali; Psicologia clinica e neuropsicologia nel ciclo di vita; Psicologia dei processi sociali, decisionali e dei comportamenti economici; Psicologia dello sviluppo e dei processi educativi; Scienze dei servizi giuridici; Scienze del turismo e comunità locale; Scienze dell'economia; Scienze dell'organizzazione; Scienze e tecniche psicologiche; Scienze economico-aziendali; Scienze psicosociali della comunicazione; Scienze statistiche ed economiche; Servizio sociale; Sociologia; Statistica e gestione delle informazioni; Turismo, territorio e sviluppo locale.

Area B:

Corsi di studio in: Astrofisica e fisica dello spazio; Biologia; Biotecnologie; Biotecnologie industriali; Biotecnologie mediche; Comunicazione interculturale; Data science, Fisica; Fisioterapia; Formazione e sviluppo delle risorse umane; Igiene dentale; Infermieristica; Informatica; Marine sciences – Scienze marine; Matematica; Materials science; Medicina e chirurgia; Medicine end surgery; Odontoiatria e protesi dentaria; Ostetricia; Ottica e optometria; Scienza dei materiali; Scienze antropologiche ed etnologiche; Scienze biologiche; Scienze della formazione primaria; Scienze dell'educazione; Scienze e tecnologie chimiche; Scienze e tecnologie geologiche; Scienze e tecnologie per l’ambiente; Scienze e tecnologie per l'ambiente e il territorio; Scienze infermieristiche ed ostetriche; Scienze pedagogiche; Tecniche di laboratorio biomedico; Tecniche di radiologia medica, per immagini e radioterapia; Teoria e tecnologia della comunicazione; Terapia della neuro e psicomotricità dell'età evolutiva.

 

Come si calcola il contributo unico universitario dovuto sulla base del valore ISEE

Prima delle riduzioni di cui all’art. 4 del Regolamento in materia di contribuzione studentesca, il contributo unico dovuto da ciascun studente che ha presentato ISEE conforme per le prestazioni agevolate per il diritto allo studio universitario entro le scadenze fissate dall’ateneo è così calcolato:

 

  • Per valori di ISEE per le prestazioni agevolate per il diritto allo studio universitario fino ad € 13.000,00 il contributo universitario è pari ad Euro 200,00
  • Per valori di ISEE per le prestazioni agevolate per il diritto allo studio universitario superiori ad € 13.000,00 il contributo universitario è pari al valore più alto tra Euro 200,00 e:

 

contributo= € [(ISEE/1000)^2]*K

per l'a.a. 2017/2018:

K={0,61 per i corsi di studio di area A}

K={0,73 per i corsi di studio di area B}

 

Se il valore calcolato eccedesse il valore dell'importo massimo dell'area di appartenenza del corso di studio il contributo universitario sarà uguale all'importo massimo indicato nella tabella sopra riportata.


NB: per pagare la contribuzione massima prevista per il proprio corso di studio è necessario avere un ISEE uguale o superiore a 76.000,00 Euro.

 

Riduzioni per merito e riduzioni per accesso agli studi

 Il contributo unico universitario dovuto calcolato come sopra è ridotto, ex art. 4 del Regolamento in materia di contribuzione studentesca, come segue:

  • Il contributo unico dovuto dagli studenti con ISEE per le prestazioni agevolate per il diritto allo studio universitario minore o uguale a € 13.000 è azzerato (contributo = € 0)
  • Il contributo unico dovuto dagli studenti con ISEE per le prestazioni agevolate per il diritto allo studio universitario superiore a € 13.000 è ridotto del 9% (contributo = contributo base x 0,91)

 purché lo studente rientri in una delle seguenti categorie: 

  • Studenti che nel 2017/18 si iscrivono per la prima volta all’Università di Milano-Bicocca;
  • Studenti che nel 2017/18 sono al secondo anno di iscrizione consecutiva all’Università di Milano-Bicocca, e che abbiano conseguito almeno 10 CFU entro il 10 agosto del 2017;
  • Studenti che nel 2017/18 siano iscritti all’Università di Milano-Bicocca da un numero di anni superiore a due e inferiore a N+2 (dove N è la durata normale del corso di studi a cui sono iscritti), e che abbiano conseguito almeno 25 CFU tra l’11 agosto 2016 e il 10 agosto 2017;

Per gli studenti con ISEE superiore a € 13.000 e che abbiano diritto alla riduzione del contributo, qualora il contributo ridotto fosse superiore a (ISEE – 13.000) * 0,07, il contributo dovuto è abbassato a (ISEE – 13.000) * 0,07.

Gli studenti aventi diritto non devono presentare istanza per la riduzione del contributo, che sarà applicata automaticamente dagli uffici preposti, basandosi sui dati di carriera dello studente.

 

 Esempi calcolo tassazione universitaria a.a. 2017/2018

Si propongono di seguito 3 esempi di calcolo delle rate universitarie per 3 differenti valori ISEE per studenti iscritti ad un corso di Area A:

 

1)      ISEE pari a 13.000 Euro:

Prima rata acconto: 156,00 Euro

Contributo universitario dovuto: Euro 200,00*

Prima rata conguaglio: 200,00 Euro*

Seconda rata: 0,00 Euro (non viene emesso alcun mav)

 

* Se lo studente usufruisce delle riduzioni per merito e accesso agli studi, ex art. 4 del Regolamento in materia di contribuzione studentesca, le rate saranno:

 

Prima rata acconto: 156,00 Euro

Contributo universitario dovuto: Euro 0,00

Prima rata conguaglio: 0,00 Euro (non viene emesso alcun mav)

Seconda rata: 0,00 Euro (non viene emesso alcun mav)

 

 

2)      ISEE pari a 25.000 Euro:

Prima rata acconto: 156,00 Euro

Contributo universitario dovuto: (25.000 /1000)2 * 0,61= 381,25 Euro*

Prima rata conguaglio: 381,25 Euro*

Seconda rata: 0,00 Euro (non viene emesso alcun mav)

 

* Se lo studente usufruisce delle riduzioni per merito e accesso agli studi, ex art. 4 del Regolamento in materia di contribuzione studentesca, le rate saranno:

 

Prima rata acconto: 156,00 Euro

Contributo universitario dovuto: (25.000 /1000)2 * 0,61*0,91= 346,94 Euro

Prima rata conguaglio: 346,94 Euro

Seconda rata: 0,00 Euro (non viene emesso alcun mav)

 

 

3)      ISEE pari a 55.000 Euro:

Prima rata acconto: 156,00 Euro

Contributo universitario dovuto: (55.000 /1000)2 * 0,61= 1.845,25 Euro*

Prima rata conguaglio: 553,58 Euro (ossia il 30% del contributo universitario dovuto)

Seconda rata: 1.291,67* Euro (ossia il restante 70% del contributo universitario dovuto)

 

* Se lo studente usufruisce delle riduzioni per merito e accesso agli studi, ex art. 4 del Regolamento in materia di contribuzione studentesca, le rate saranno:

 

Prima rata acconto: 156,00 Euro

Contributo universitario dovuto: (55.000 /1000)2 * 0,61* 0,91= 1.679,18 Euro

Prima rata conguaglio: 503,75 Euro (ossia il 30% del contributo universitario dovuto)

Seconda rata: 1.175,43 Euro (ossia il restante 70% del contributo universitario dovuto)

 

NB: per pagare la contribuzione massima prevista per il proprio corso di studio è necessario avere un ISEE uguale o superiore a 76.000,00 Euro.

 

CONTRIBUTI PER SERVIZI PRESTATI SU RICHIESTA DELLO STUDENTE

 

 

Contributo per richiesta duplicato libretto di tirocinio 100,00
Imposta di bollo per rilascio diploma originale per conseguimento titolo: n. 2 marche da bollo da € 16,00 32,00
Contributo per richiesta rilascio duplicato diploma originale per conseguimento titolo (comprensivo di n. 1 marca da bollo da Euro 16,00) 50,00
Contributo per richiesta  iscrizione ai concorsi per l'accesso ai corsi di studio a numero programmato (*) 10,00
Contributo per richiesta  iscrizione ai concorsi per l’accesso ai corsi di studio a numero programmato espletati in modalità computer based test 25,00
Contributo richiesta duplicato tessera magnetica 20,00
Contributo unico per richieste trasferimenti e passaggi di corso 100,00
Contributo esame di Stato 450,00
Contributo per richiesta di rinuncia al programma di mobilità internazionale Erasmus per studio, effettuata dopo la scadenza del 28 febbraio per esigenze di natura individuale 200,00
Diritto fisso di ricognizione per ciascun anno di interruzione studi 200,00
Contributo unico di sospensione degli studi per l'intera durata della sospensione 200,00
Contributo per richiesta modifica piano di studio (effettuata dai laureandi che non hanno rinnovato l’iscrizione al nuovo anno accademico) 50,00
Contributo per richiesta riconoscimento titolo accademico estero 200,00

 

(*) N.B.: Il Consiglio di Amministrazione ha deliberato, nella seduta del 24 giugno 2008, l’esonero dal pagamento, per i cittadini non comunitari residenti all’estero, del contributo spese per iscrizione ai concorsi per l’accesso ai corsi di studio a numero programmato. Esonero esteso agli studenti stranieri (cittadinanza non italiana e con titolo di accesso conseguito all’estero, iscritti ai corsi erogati interamente in lingua inglese. 


  
Approfondimenti
  • Contatti Immagine Link Esterno
  • Pagamento MAV

    Il pagamento del MAV relativo alle rate universitarie è da oggi possibile tutti i giorni, 24 ore su 24, tramite carta PagoBANCOMAT collegata a Conto Corrente oppure Prepagata.

    Maggiori informazioni

    I tempi bancari per la ricezione della notifica di pagamento del MAV possono essere di alcuni giorni .

    Si raccomanda quindi di provvedere al pagamento con sufficiente anticipo per evitare blocchi amministrativi (ad esempio l'impossibilità a iscriversi agli esami) nell'attesa della ricezione della notifica di pagamento del MAV da parte della banca.


© 2005-2016 Università degli Studi di Milano-Bicocca -
Piazza dell'Ateneo Nuovo, 1 - 20126, Milano • tel. 02 6448 1 • Casella PEC: ateneo.bicocca@pec.unimib.it • P.I. 12621570154 • Amministrazione trasparente
- ultimo aggiornamento di questa pagina 28/11/2016