Inizio della pagina -
Logo dell'Università degli Studi di Milano-Bicocca
|
Visita la Versione ad elevata leggibilità
|
Vai al Contenuto della pagina
|
Vai alla Fine dei contenuti
|
Vai al Menu Principale
|
Vai alla Barra di navigazione (sei in)
|
Vai al Menu di navigazione (albero)
|
Vai alla Lista dei comandi
|
Vai alla Lista degli approfondimenti
|
Vai al Menu inferiore
|
|Lista dei comandi|
Gestione imballaggi e RAEE
Procedura di smaltimento RAEE - Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche
Servizio Prevenzione e Protezione

Chiunque abbia necessità di smaltire un'apparecchiatura elettrica ed elettronica deve procedere come qui di seguito riportato:

fase A -Richiesta di smaltimento

Se l'apparecchiatura o il componente da smaltire è un bene che rientra nell'applicazione della procedura di gestione dei beni mobili di Ateneo

Provvedere a:

  1. comunicazione al Centro Servizi Dipartimentale/Scuola/Area amministrativa
  2. deliberazione di Dipartimento e/o richiesta di disinventariamento
  3. invio richieste di ritiro beni con delibera protocollata su Archiflow all’Area Risorse Finanziarie e Bilancio - Settore Economato e Patrimonio Mobiliare patrimonio@unimib.it

Una volta che il bene è stato disinventariato o se l'apparecchiatura o il componente da smaltire non è un bene che rientra nell'applicazione della procedura di gestione dei beni mobili e disinventariamento di Ateneo previa verifica dell’effettiva assenza di regole derivanti dal Regolamento di Ateneo per la gestione dei Beni Mobili

Provvedere a:

inviare comunicazione tramite mail all’ufficio Patrimonio patrimonio@unimib.it dove sia indicato:

  1. elenco dei beni da smaltire,
  2. la tipologia dei beni,
  3. collocazione,
  4. nominativo della persona incaricata di seguire la pratica di smaltimento

alla mail allegare se possibile una foto del bene/dei beni stessi.

L’Ufficio Patrimonio, effettuati gli opportuni controlli, inoltrerà la comunicazione al Servizio Prevenzione gestione.rifiuti@unimib.it e per conoscenza al Centro Servizi di riferimento.

Fase B-Conferimento e smaltimento rifiuto

  1. Il Servizio Prevenzione e Protezione procederà alle comunicazioni con l’azienda di smaltimento e ad accordare le modalità effettive di smaltimento con la persona referente segnalata nella richiesta
  2.  Alla data concordata per lo smaltimento, alla presenza dell’Ufficio Patrimonio, sarà firmata una ricevuta di ritiro e/o fornita copia di Formulario di rifiuto, da utilizzarsi per la registrazione dello scarico sul programma di gestione del patrimonio mobiliare (data della registrazione di scarico dei beni dovrà coincidere con la data del ritiro).
  3. Tutta la documentazione riguardante lo smaltimento (formulari, registrazione ecc.) dovrà essere inviata al Servizio Prevenzione e Protezione.
  4.  Il Servizio Prevenzione e Protezione autorizzerà successivamente il pagamento delle fatture, effettuati i controlli specifici di competenza.  L’Area Risorse Finanziarie e Bilancio – Ufficio Uscite provvederà al pagamento delle fatture e all’eventuale recupero delle somme a carico dei Dipartimenti.

ATTENZIONE! Tutti i beni/rifiuti derivanti da attività di laboratorio da inviarsi a smaltimento dovranno essere oggetto di apposita dichiarazione del Direttore o Responsabile di Laboratorio di assenza di contaminazioni di tipo chimico-fisico-biologico.

Circolare Procedura di gestione di rifiuti derivanti da imballaggio o da apparecchiature obsolete e non più in uso

 

Servizio Prevenzione e Protezione

Milano, li 14 settembre 2009

A TUTTI I PRESIDI DI FACOLTA'
AI DIRETTORI DI DIPARTIMENTO
AI RESPONSABILI DELL'ATTIVITA' DIDATTICA E DI LABORATORIO
AI DIRETTORI DELLE SCUOLE
AI DIRIGENTI E RESPONSABILI DI DIPARTIMENTI E AREE AMMINISTRATIVE E DI SERVIZIO

      
e p.c.         A TUTTO IL PERSONALE

Oggetto: Procedura di gestione di rifiuti derivanti da imballaggio o da apparecchiature obsolete e non più in uso.

In seguito a verifica della presenza continua in aree comuni e depositi dell'Ateneo di rifiuti provenienti da imballaggio e di attrezzature di vario tipo, non più in uso, si invia la presente Circolare per una migliore e più efficiente gestione degli stessi.

 

  1. Si rammenta che i rifiuti di imballaggio sono normati dal Testo Unico in materia ambientale (D.Lgs.152/2006 artt.221 e segg.) il quale prevede l'obbligo di smaltimento per i produttori e rivenditori di qualsiasi bene che comprenda imballaggi, a carico degli stessi, ed in collaborazione con le Amministrazioni pubbliche e con i Consorzi obbligatori, ai quali le aziende aderiscono , della gestione e dello smaltimento.
  2. Conseguentemente, soprattutto gli imballaggi e qualsiasi altro materiale che derivi dall'acquisto di beni durevoli o altro, deve essere gestito dal rivenditore o dal produttore del bene che dovesse consegnare la merce ai Dipartimenti e alle Aree interessate, normalmente con la presa in carico diretta nel momento della consegna del bene in seguito al suo disimballaggio.
  3. Nel caso questo non accadesse per motivi di vario genere è buona prassi procedere con la richiesta, anche successiva alla consegna, fatta alla stessa Azienda.
  4. Se l'azienda non se ne facesse carico o comunque non si concordasse tale intervento, si rammenta che gli imballaggi "normali", cioè non di grandissima dimensione e di cartone o materiali simili, possono essere smaltiti anche con la raccolta differenziata effettuata dall'Amsa presso le nostre sedi, chi se ne occupa normalmente sono gli operatori delle imprese di pulizia, ai quali è buona consuetudine far presente questa necessità quando accadesse per farli posizionare nelle zone di raccolta esterne alle sedi, anche tramite avviso al Referente di tale contratto, sig. Onofrio Angiulli, dell'Area Ris.
  5. Se anche questo non fosse possibile per motivi di diverso genere, contattare preventivamente il Servizio Prevenzione (servizio.prevenzione@unimib.it - 6065-6075-6188) che procederà a chiedere lo smaltimento o tramite azienda già in contratto per questa attività o chiederà uno smaltimento di tali imballaggi attraverso il servizio di trasporto e facchinaggio gestito dall'Area Ris (Giuseppe Cascarano - servizilogistici.ris@unimib.it) che dovrebbe provvedere al conferimento in piazzola o piattaforma ecologica.
  6. Per quanto concerne le apparecchiature obsolete è in corso di applicazione nuova normativa (D.Lgs.151/05)inerente i Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche, la quale prevede in futuro obbligatorietà del conferimento di tali Rifiuti ai rivenditori o aziende produttrici in occasione di acquisto di apparecchiature omologhe e simili.
  7. Nel frattempo occorre: 
    • Verificare la non pericolosità delle stesse ai fini del loro smaltimento e l'assenza di qualsiasi fonte di pericolo per movimentazione. spostamento, ecc.ecc.
    • Contattare il Servizio di Prevenzione e Protezione, o tramite mail o direttamente ai numeri sopra indicati,per una consulenza inerente la possibilità di smaltire le stesse tramite i Contratti in atto in Ateneo per la gestione dei Rifiuti speciali e/o pericolosi.
    • Il Servizio gestirà, in collaborazione con i Dipartimenti e le Aree interessate, le fasi di classificazione e smaltimento di tali Rifiuti, il costo dell'operazione sarà a carico dei Dipartimenti e Aree interessate.

 

Questa procedura verrà anche pubblicata sul sito web di Ateneo alla pagina del Servizio Prevenzione e Protezione.

   
Si ringrazia per la cortese attenzione, si resta a disposizione per chiarimenti.

Caterina dr.sa GIULIANI
Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione

 


  
Nessun approfondimento presente per questa pagina
© 2005-2016 Università degli Studi di Milano-Bicocca -
Piazza dell'Ateneo Nuovo, 1 - 20126, Milano • tel. 02 6448 1 • Casella PEC: ateneo.bicocca@pec.unimib.it • P.I. 12621570154 • Amministrazione trasparente
- ultimo aggiornamento di questa pagina 27/05/2015