Inizio della pagina -
Logo dell'Università degli Studi di Milano-Bicocca
|
Visita la Versione ad elevata leggibilità
|
Vai al Contenuto della pagina
|
Vai alla Fine dei contenuti
|
Vai al Menu Principale
|
Vai alla Barra di navigazione (sei in)
|
Vai al Menu di navigazione (albero)
|
Vai alla Lista dei comandi
|
Vai alla Lista degli approfondimenti
|
Vai al Menu inferiore
|
|Lista dei comandi|
Corsi di specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità
Che cosa è il corso di specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità

Il corso di specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità, istituito ai sensi dell'art. 13 del D.M. del 10 settembre 2010, n. 249, è un percorso formativo per l'acquisizione delle competenze didattiche atte a favorire l'integrazione scolastica degli alunni con disabilita' secondo quanto disposto dalla legge del 5 febbraio 1992, n. 104 e successive modificazioni e integrazioni.

A conclusione del corso il candidato che supera, con esito favorevole, l’esame finale, consegue il diploma di specializzazione per l’attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità che consente l’iscrizione negli elenchi per il sostegno ai fini delle assunzioni a tempo indeterminato ed a tempo determinato sui relativi posti disponibili

E' un corso della durata minima di almeno 8 mesi che prevede l'acquisizione di 60 CFU suddivisi in:

  • 36 cfu - insegnamenti disciplinari (M-PED/03, M-PED/01, M-PSI/04, IUS/09, MED/39)
  • 9 cfu - laboratori
  • 6 cfu - tirocinio diretto
  • 3 cfu - tirocinio indiretto
  • 3 cfu - tirocinio indiretto con le TIC
  • 3 cfu - prova finale

Corrispondenti al seguente impegno orario:

  • 288 ore di lezione degli insegnamenti disciplinari
  • 180 ore di laboratorio
  • 225 ore di tirocinio indiretto e diretto
  • 75 ore di tirocinio indiretto con le TIC

Il Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca ai sensi dell'art. 13, comma 3, del D.M. del 10 settembre 2010, n. 249. definisce annualmente con proprio decreto la programmazione degli accessi al corso di specializzazione.

Ad oggi sono stati attivati due cicli, il primo nell'Anno Accademico 2014-2015 ed il secondo nell'Anno Accademico 2015-2016.

Il terzo ciclo è subordinato all'emanazione del decreto di attivazione da parte del Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca.

Chi può accedere al Sostegno

I corsi sono riservati a docenti in possesso dell'abilitazione all'insegnamento per il grado di scuola per il quale si intende conseguire la specializzazione per le attività di sostegno.

Modalità di accesso

Gli accessi al corso di specializzazione sono a numero programmato secondo le specifiche indicazioni adottate con Decreto del Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca ai sensi dell'art. 5, comma 1, del D.M. del 10 settembre 2010, n. 249.

La prova di accesso, ai sensi dell'art. 6, comma 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, del D.M. del 30 settembre 2011 mira a verificare, unitamente alla capacita' di argomentazione e al corretto uso della lingua, il possesso, da parte del candidato, di:

  • competenze didattiche diversificate in funzione del grado di scuola;
  • competenze su empatia e intelligenza emotiva;
  • competenze su creativita' e pensiero divergente;
  • competenze organizzative e giuridiche correlate al regime di autonomia delle istituzioni scolastiche

è predisposta dall'Ateneo e si articola in:

  • un test preliminare, con l'attribuzione di un massimo di 30 punti:
  • è una prova a risposta chiusa con 5 opzioni di risposta;
  • almeno 20 domande sono volte a verificare le competenze linguistiche e la comprensione dei testi in lingua italiana;
  • ha la durata di 2 ore;
  • comprende un numero di domande pari a 60;
  • la risposta corretta a ogni domanda vale 0,5 punti, la risposta non data o errata vale 0 punti;
  • la prova è superata conseguendo una votazione maggiore uguale a 21/30.
  • sono ammessi alla prova scritta i candidati collocatosi in graduatoria fino alla posizione pari al doppio dei posti disponibili per gli accessi.
  • una prova scritta, con l'attribuzione di un massimo di 30 punti:
  • consta di domande a risposta aperta relative alle tematichie previste dell'art. 6, comma 1, del D.M. del 30 settembre 2011;
  • per essere ammesso alla prova orale il candidato deve conseguire una votazione maggiore uguale a 21/30.
  • una prova orale, con l'attribuzione di un massimo di 30 punti:
  • verte sui contenuti delle prove scritte e su questioni motivazionali;
  • è superata se il candidato riporta una votazione maggiore uguale a 21/30;
  • il superamento della prova orale è condizione imprescindibile per l'accesso al corso di specializzazione.

Ulteriori punti possono essere attribuiti per titoli culturali e professionali, ai sensi dell'art. 6, comma 8, del D.M. del 30 settembre 2011, per un massimo di 10 punti.

La graduatoria degli ammessi al corso di specializzazione, ai sensi dell'art. 6, comma 9 e 10 , del D.M. del 30 settembre 2011, è formata sommando, ai punteggi conseguiti dai candidati nel test preliminare, nella prova scritta e nella prova orale, il punteggio attribuito all’esito della valutazione dei titoli dai medesimi presentati. In caso di parità di punteggio finale, prevale il candidato che abbia una maggiore anzianità di servizio di insegnamento sul sostegno nelle scuole ovvero, nel caso si tratti di candidati che non abbiano svolto il predetto servizio, prevale il candidato più giovane.

Iscrizione in sovrannumero

Sono AMMESSI a partecipare al corso di specializzazione in sovrannumero e senza svolgere i test d'accesso, ai sensi dell'art.3 , comma 1 e 2 del D.M. del 10 novembre 2014, n. 832:

  • I candidati inseriti nelle graduatorie di merito del I ciclo dei percorsi di specializzazione sul sostegno, ma non collocatisi in posizione utile ai fini della frequenza del relativo percorso;
  • I candidati che, per qualsiasi motivo, abbiano sospeso la frequenza dei percorsi di specializzazione per le attività di sostegno, possono a domanda riprendere la frequenza del percorso in un ciclo successivo, col riconoscimento dei crediti già acquisiti.
Incompatibilità

La frequenza dei corsi di specializzazione è incompatibile, ai sensi dell'art. 3, comma 6, del D.M. del 10 settembre 2010, n. 249, con:

  • Dottorato di Ricerca;
  • qualsiasi altro corso che dà diritto all'acquisizione di crediti formativi universitari o accademici, in Italia e all'estero, da qualsiasi ente organizzati.
Frequenza delle Attività

Ai sensi dell'art.2 Allegato C del D.M. del 30 settembre 2011:

  • Le assenze sono  accettate  nella  percentuale  del  10%  di  ciascun insegnamento.  Il  monte  ore  relativo  sara'   recuperato   tramite attivita' on-line, predisposte dal titolare dell'insegnamento;
  • Per il tirocinio e i laboratori vige l'obbligo integrale di frequenza delle attivita' previste, senza riduzioni ne' recuperi;
Esame finale di abilitazione

Al termine del corso di specializzazione si svolge l’esame di abilitazione che ne costituisce parte integrante, ai sensi dell'art. 9, comma 1, 2, 3, 4 e 5, del D.M. del 30 settembre 2011 e che consiste in:

  • un elaborato di approfondimento teorico a scelta del candidato volto a dimostrare la completa padronanza dell'argomento scelto e gli aspetti applicativi in ambito scolastico;
  • una  relazione  sull'esperienza  professionale  di  tirocinio consistente  in  una  raccolta   di   elaborazioni,   riflessioni   e
    documentazioni;
  • un prodotto multimediale finalizzato alla  didattica  speciale con l'uso delle tecnologie della  comunicazione  e  dell'informazione
    (T.I.C.).

La commissione d'esame è composta dal direttore del corso, che la presiede, da due docenti che hanno svolto attività nel corso nominati dalla competente autorità accademica, nonché  da un esperto sulle tematiche dell'integrazione dei disabili e da un dirigente tecnico o da un dirigente scolastico designati dal dirigente preposto all'ufficio scolastico regionale.

L'esame finale si intende superato da parte  di  quei  candidati che hanno conseguito una valutazione non inferiore a 18/30.

La  valutazione  complessiva  finale,  espressa  in  trentesimi, risulta dalla media aritmetica  tra il punteggio  ottenuto nell'esame di abilitazionei  e la media dei punteggi  ottenuti nelle  valutazioni  degli esami di profitto del corso. 

La  valutazione complessiva finale e' riportata nel titolo di specializzazione.

Decreti relativi al corso di specializzazione

  
Nessun approfondimento presente per questa pagina
© 2005-2014 Università degli Studi di Milano-Bicocca -
Piazza dell'Ateneo Nuovo, 1 - 20126, Milano • tel. 02 6448 1 • Casella PEC: ateneo.bicocca@pec.unimib.it • P.I. 12621570154 • Amministrazione trasparente
redazioneweb@unimib.it - ultimo aggiornamento di questa pagina 17/03/2016