Inizio della pagina -
Logo dell'Università degli Studi di Milano-Bicocca
|
Visita la Versione ad elevata leggibilità
|
Vai al Contenuto della pagina
|
Vai alla Fine dei contenuti
|
Vai al Menu Principale
|
Vai alla Barra di navigazione (sei in)
|
Vai al Menu di navigazione (albero)
|
Vai alla Lista dei comandi
|
Vai alla Lista degli approfondimenti
|
Vai al Menu inferiore
|
|Lista dei comandi|
Informazioni per l'ingresso e il soggiorno in Italia
Per entrare in Italia

Tutti i cittadini dell'Unione Europea hanno il diritto di entrare e soggiornare liberamente in Italia o in un altro Stato membro diverso da quello di cui hanno la cittadinanza, con modalità differenti a seconda che il periodo di soggiorno sia di durata inferiore o superiore a tre mesi.

Per i cittadini non Europei, l'ingresso nel territorio italiano potrebbe essere subordinato all'esibizione di un visto d'ingresso.

 

Il visto d'ingresso

Il visto d'ingresso è l'autorizzazione concessa agli stranieri e agli apolidi per l'attraversamento delle frontiere e, quindi, per l'ingresso nel territorio italiano. È stampato su carta adesiva eapplicato sul passaporto o altro documento di viaggio valido del richiedente.

Caratteristiche e tipologie di visti d'ingresso.

Hai bisogno del visto?

Il visto d'ingresso per immatricolazione all'università.

Il permesso di soggiorno

I cittadini non Europei  che intendono soggiornare in Italia per più di tre mesi, devono richiedere il permesso di soggiorno.

Che cos'è il permesso di soggiorno, come e dove si richiede, come si compila (istruzioni multilingue)

 

 

Il codice fiscale

Il codice fiscale costituisce lo strumento di identificazione delle persone fisiche e dei soggetti diversi dalle persone fisiche in tutti i rapporti con gli enti e le amministrazioni pubbliche.

L’unico valido è quello rilasciato dall’Agenzia delle Entrate.

Come si richiede il codice fiscale

L'assicurazione sanitaria

Per i cittadini Europei, la  nuova Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM)  dà diritto all'assistenza sanitaria statale in caso di permanenza temporanea in uno dei 28 Stati membri dell'UE, in Islanda, in Liechtenstein, in Norvegia e in Svizzera, alle stesse condizioni e allo stesso costo (gratuitamente in alcuni paesi) degli assistiti del paese in cui ci si trova. Tuttavia, se la permanenza nello Stato Estero è superiore ai 3 mesi, potrebbe essere richiestoun formulario cartaceo (come il modulo S1 o E106)

Per i cittadini non Europei, è necessario avere un'assicurazione saniatria per ottenere il permesso di soggiono.

    Sono ammesse le seguenti formule:
    1. dichiarazione consolare attestante il diritto all'assistenza sanitaria che derivi da Accordo tra l'Italia ed il Paese di appartenenza (verifica l'elenco dei Paesi convenzionati)
    2. polizza assicurativa straniera, accompagnata da dichiarazione consolare sulla sua validità in Italia, sulla sua durata e sulle forme di assistenza previste, che non dovranno comportare limitazioni od eccezioni alle tariffe stabilite per il ricovero ospedaliero urgente per tutta la sua durata;
    3. polizza assicurativa con Enti o società nazionali accompagnata da una dichiarazione dell'ente assicuratore che specifichi l'assenza di limitazioni od eccezioni alle tariffe previste per il ricovero ospedaliero urgente per tutta la sua durata.

In alternativa, è possibile iscriversi al Servizio Sanitario Nazionale (è possibile consultare opuscoli in diverse lingue).

Verifica come fare per iscriversi al Sistema Sanitario Nazionale


  
Nessun approfondimento presente per questa pagina
© 2005-2016 Università degli Studi di Milano-Bicocca -
Piazza dell'Ateneo Nuovo, 1 - 20126, Milano • tel. 02 6448 1 • Casella PEC: ateneo.bicocca@pec.unimib.it • P.I. 12621570154 • Amministrazione trasparente
- ultimo aggiornamento di questa pagina 16/01/2017