Inizio della pagina -
Logo dell'Università degli Studi di Milano-Bicocca
|
Visita la Versione ad elevata leggibilità
|
Vai al Contenuto della pagina
|
Vai alla Fine dei contenuti
|
Vai al Menu Principale
|
Vai alla Barra di navigazione (sei in)
|
Vai al Menu di navigazione (albero)
|
Vai alla Lista dei comandi
|
Vai alla Lista degli approfondimenti
|
Vai al Menu inferiore
|
|Lista dei comandi|
Eventi in home
Fare scienza oggi: tra passione e mercato

Giovedì 4 maggio 2017, ore 16

Edificio U12, Auditorium Guido Martinotti, via Vizzola 5, Milano

laboratorioNegli ultimi cinquant’anni la ricerca scientifica è cambiata radicalmente, nei numeri e nei contenuti. Gianfranco Pacchioni, prorettore alla ricerca dell’Università di Milano-Bicocca, nel volume Scienza, quo vadis?  fa un’analisi della situazione attuale e spiega opportunità e rischi di far ricerca assecondando le logiche del mercato.

Professor Pacchioni, com’è cambiato il modo di far ricerca negli ultimi anni?
Tutto è diventato più rapido, con meno tempo per riflettere, e anche per correggere gli errori. La platea di chi fa ricerca è aumentata sino a limiti impensabili anche solo pochi anni fa, superando ormai i 10 milioni di addetti. Normale che siano esplose anche le pubblicazioni scientifiche, di varia qualità, con la nascita, anche grazie all’open access, di riviste che hanno puri e semplici scopi commerciali e un basso livello qualitativo.

Ogni anno si pubblicano due milioni di articoli scientifici su riviste con peer review: è chiaro come la quantità di informazione prodotta sia di molto superiore a quella che può essere letta e utilizzata. Per la ricerca scientifica è un limite?
Sicuramente è un problema. Il fatto stesso di essere consapevoli di non poter conoscere tutto quanto è stato fatto, anche solo nel proprio settore di riferimento, è frustrante. Inoltre il rischio di ripetere lavori in qualche modo già esistenti è sempre più forte. 

Come conciliare l’attività di ricerca con eventuali logiche del mercato?
Occorre cambiare i meccanismi di valutazione, puntando sempre più sulla qualità che sulla quantità, e riscoprire gli aspetti fondamentali della buona ricerca scientifica. Che ha bisogno di tempo per discutere, riflettere, capire, e anche per sbagliare. Tutte cose che oggi si stanno perdendo, sotto una pressione estrema che impone di pubblicare sempre e comunque qualsiasi risultato ottenuto.

Il libro verrà presentato presso l’Auditorium di Milano-Bicocca giovedì 4 maggio nel corso dell’evento Fare scienza oggi: tra passione e mercato con Gianfranco Pacchioni e Luca Carra, direttore di Scienzainrete. Grazie alla diretta streaming sarà possibile seguire l’evento, e partecipare al dibattito coi relatori, anche da Villa di Breme Forno a Cinisello Balsamo. Per informazioni su come raggiungere Villa di Breme Forno clicca qui.


  

  
© 2005-2016 Università degli Studi di Milano-Bicocca -
Piazza dell'Ateneo Nuovo, 1 - 20126, Milano • tel. 02 6448 1 • Casella PEC: ateneo.bicocca@pec.unimib.it • P.I. 12621570154 • Amministrazione trasparente
- ultimo aggiornamento di questa pagina 28/04/2017