Inizio della pagina -
Logo dell'Università degli Studi di Milano-Bicocca
|
Visita la Versione ad elevata leggibilità
|
Vai al Contenuto della pagina
|
Vai alla Fine dei contenuti
|
Vai al Menu Principale
|
Vai alla Barra di navigazione (sei in)
|
Vai al Menu di navigazione (albero)
|
Vai alla Lista dei comandi
|
Vai alla Lista degli approfondimenti
|
Vai al Menu inferiore
|
|Lista dei comandi|
Eventi in home
Gestione dei Rifiuti Urbani: tecniche innovative, processi di recupero energetico, valutazione degli impatti

Venerdì 25 giugno 2010 - ore 9.30

Aula Rodolfi - Edificio U6 - Piazza dell’Ateneo Nuovo, 1 Milano

Progetto FIRB

Gestione dei Rifiuti Urbani: tecniche innovative, processi di recupero energetico, valutazione degli impatti

Nei paesi a maggior reddito circa il 30 % dei Rifiuti Urbani (RU) è raccolto separatamente e destinato a sistemi di riciclaggio, la frazione residua (70%) è invece smaltita con diverse modalità ed eventuale recupero di energia. Tuttavia le potenzialità di recupero energetico con i sistemi attuali non risultano utilizzate in modo ottimale.

Il progetto FIRB ha inteso proporre un sistema alternativo ai processi normalmente in uso

La ricerca è stata realizzata dalla collaborazione tra il Dipartimento di Scienze dell’Ambiente e del Territorio dell’Università di Milano Bicocca, l’Università Statale di Milano, il Politecnico di Milano, l’Università Federico II di Napoli, l’Università di Genova e la società Ecodeco (gruppo a2a).

In particolare, il Centro di Ricerca POLARIS, afferente all’Università Milano Bicocca ha realizzato le valutazioni degli impatti ambientali tramite la metodologia LCA (Life Cycle Assessment – Valutazione del Ciclo di Vita).

Sono stati valutati tutti i sistemi coinvolti nello smaltimento di RU nell’area sud della provincia di Milano e del Lodigiano: sistemi di trattamento meccanico-biologico, bioreattori attivabili con recupero di biogas, sistemi di termovalorizzazione con recupero energetico, nonché i sistemi tradizionali di trattamento (discarica e inceneritore) per un confronto diretto dell’efficienza del nuovo sistema proposto. È stato inoltre valutato il sistema dei trasporti per il conferimento dei rifiuti agli impianti, aspetto con impatti ambientali decisamente elevati.

LCA è un metodo standardizzato (UNI EN ISO 14040 e 14044) che permette di valutare l’efficienza del sistema, di evidenziare i potenziali impatti ambientali, identificare gli aspetti critici e proporre possibili azioni di miglioramento dei processi. LCA è utile per avere una visione d’insieme del sistema, evitando di tralasciare aspetti apparentemente secondari da un punto di vista tecnologico ma primari da un punto di vista ambientale.

Programma:

  • Indirizzi di saluto:
    M. Fontanesi, Rettore dell’Università degli Studi di Milano Bicocca
    G. Natta, Presidente di Agroittica Acqua e Sole
  • Coordina:
    Francesco Bertolini, Università Bocconi – Green Management Institute
  • 10.00 - A. Poggio, Legambiente
    Lo stato dell’arte nella gestione dei rifiuti
  • 10.30 - D. Bianchi, Ambiente Italia
    Innovazioni tecnologiche nella gestione dei rifiuti
  • 11.00 - G. Busca, Università di Genova
    Gestione della discarica e utilizzo di biogas
  • 11.20 - S. Consonni, Politecnico di Milano
    Processi di recupero energetico
  • 11.40 - S. Testa, Ecodeco
    Energia da rifiuti
  • 12.00 - P. Salatino, Università di Napoli
    Modellazione di sistemi innovativi
  • 12.20 - A. Colombi, Università di Milano
    Valutazione degli impatti sulla salute
  • 12.40 - M. Camatini, Università Bicocca
    Valutazione LCA degli impatti ambientali

 

 

Allegati:
- Locandina - Locandina -

In archivio dal: 26/06/2010


  

  
© 2005-2014 Università degli Studi di Milano-Bicocca -
Piazza dell'Ateneo Nuovo, 1 - 20126, Milano • tel. 02 6448 1 • Casella PEC: ateneo.bicocca@pec.unimib.it • P.I. 12621570154 • Amministrazione trasparente
redazioneweb@unimib.it - ultimo aggiornamento di questa pagina 30/09/2016