Inizio della pagina -
Logo dell'Università degli Studi di Milano-Bicocca
|
Visita la Versione ad elevata leggibilità
|
Vai al Contenuto della pagina
|
Vai alla Fine dei contenuti
|
Vai al Menu Principale
|
Vai alla Barra di navigazione (sei in)
|
Vai al Menu di navigazione (albero)
|
Vai alla Lista dei comandi
|
Vai alla Lista degli approfondimenti
|
Vai al Menu inferiore
|
|Lista dei comandi|
Eventi in home
Il turista e le sue "bolle": equivoci, stereotipi e paradossi in viaggio

5 novembre 2008, ore 9.30

Il turista e le sue "bolle": equivoci, stereotipi e paradossi in viaggio

Seminario di studio interdisciplinare

 

Il turista si muove nello spazio di altri e incontra altre persone e altri luoghi.

Persone e luoghi che ha già nella mente prima di partire, perché tutti noi viaggiamo all'interno di un mondo innanzitutto immaginario.

Nel contempo, la palese diversità del turista genera a sua volta pregiudizi incrociati da parte dei locali.

Il viaggio rischia così di diventare una intersezione, talora paradossale, di immagini, paradossi, ambiguità.

Lo stesso incontro culturale, promesso dagli operatori e desiderato dai viaggiatori, risulta spesso essere viziato o interrotto da equivoci, malintesi e aspettative precostruite.

Insieme con gli abiti, le medicine, le guide, il bagaglio del turista contiene incertezze e paure, accompagnate da una preconcetta visione del luogo e delle persone che si stanno per incontrare.

La costruzione dell'immaginario turistico, sia esso fondato sull'esotismo sia centrato sulle questioni sociali, come avviene nel caso del turismo alternativo, dà così vita ad una serie di "bolle" non solo ambientali, ma anche interpretative, ovvero a chiavi di lettura che spesso si originano ancor prima della partenza e finiscono per aprire una sola porta d'accesso ai mondi visitati: quella per gli stranieri.

Muovendosi tra persone e spazi, tra sguardi e luoghi, il turismo è divenuto terreno di ricerca privilegiato delle scienze sociali, che si sono spesso avvicinate ad esso con approcci diversi, giungendo talvolta a conclusioni simili.

In molti casi le divisioni, teoriche e metodologiche, sono più di carattere accademico che sostanziali.

Un incontro e un dialogo tra esponenti delle diverse discipline può aiutare a trovare e riconoscere punti di incontro e specificità, modelli comuni e metodologie caratteristiche.

Lo scopo del seminario è infatti quello di mettere a confronto ricercatori di antropologia, sociologia e geografia su questioni teoriche, metodologiche e su casi di studio, per tentare di avviare un dialogo su un terreno comune,
auspicando una sempre maggiore interdisciplinarietà.

 

Programma:

  • Ore 9.30 Aula Pagani - Edificio U7 - Via Bicocca degli Arcimboldi 8
    Apertura dei lavori
    Enzo Mingione
  • 10-13 Conversazioni
    Introduce Mathis Stock
    Chair: Elena dell'Agnese
    Performance: Claudio Minca e Cristiana Natali
    Immagini e immaginario: Rachele Borghi e Marco Aime
    Metodo: Fabio Quassoli e Giulia de Spuches
  • 13 pausa pranzo
  • 14.30-17.30 Aula 7 - Edificio U2 - Piazza della Scienza 3
    Riflessioni. Introduce Vincenzo Matera
    Chair: Fabrizio Eva
    Silvia Barberani
    Antonella Rondinone
    Roberta Marzorati
    Lorenzo Bagnoli
    Cecilia Gallotti
    Fiammetta Martegani

  • 17,30 Conclusioni
    Giacomo Corna-Pellegrini

 

 

Contatti:
Rachele Borghi rachele@unive.it
Federica Giorgione federica.giorgione@unimib.it

In archivio dal: 06/11/2008


  

  
© 2005-2014 Università degli Studi di Milano-Bicocca -
Piazza dell'Ateneo Nuovo, 1 - 20126, Milano • tel. 02 6448 1 • Casella PEC: ateneo.bicocca@pec.unimib.it • P.I. 12621570154 • Amministrazione trasparente
redazioneweb@unimib.it - ultimo aggiornamento di questa pagina 23/09/2016