Inizio della pagina -
Logo dell'Università degli Studi di Milano-Bicocca
|
Visita la Versione ad elevata leggibilità
|
Vai al Contenuto della pagina
|
Vai alla Fine dei contenuti
|
Vai al Menu Principale
|
Vai alla Barra di navigazione (sei in)
|
Vai al Menu di navigazione (albero)
|
Vai alla Lista dei comandi
|
Vai alla Lista degli approfondimenti
|
Vai al Menu inferiore
|
|Lista dei comandi|
Eventi in home
La valutazione del rischio suicidario
volto di una donna

Lunedì 10 giugno 2013, ore 14.30

Edificio U6, Sala Mosconi - Piazza dell'Ateneo Nuovo 1, Milano

I fattori che determinano una condotta suicidaria sono molteplici e la prevenzione è senz’altro complessa e mai completamente realizzabile.

E’ comunque importante impegnarsi in un riconoscimento e valutazione del rischio nel soggetto affetto da disturbo psichico, visto che il 90% circa dei suicidi soffre al momento dell’atto di un disturbo psichico la cui presenza deve essere pertanto considerato il fattore di maggior rischio.

In questa valutazione devono essere presenti contemporaneamente da parte del terapeuta due componenti:

1) Una valutazione oggettiva basata sulle conoscenze epidemiologiche, cliniche e psicopatologiche.

2) Una valutazione basata sulla esperienza emotiva che il terapeuta stesso prova nell’incontro col soggetto (conoscenza degli aspetti contro-transferali)

Ne discute Chiara Pavan, MD, PhD Dottore di ricerca in Neuroscienze Specialista in Psichiatria, docente di Psicologia Clinica, Università di Padova.

In archivio dal: 11/06/2013


  

  
© 2005-2014 Università degli Studi di Milano-Bicocca -
Piazza dell'Ateneo Nuovo, 1 - 20126, Milano • tel. 02 6448 1 • Casella PEC: ateneo.bicocca@pec.unimib.it • P.I. 12621570154 • Amministrazione trasparente
redazioneweb@unimib.it - ultimo aggiornamento di questa pagina 27/09/2016