Inizio della pagina -
Logo dell'Università degli Studi di Milano-Bicocca
|
Visita la Versione ad elevata leggibilità
|
Vai al Contenuto della pagina
|
Vai alla Fine dei contenuti
|
Vai al Menu Principale
|
Vai alla Barra di navigazione (sei in)
|
Vai al Menu di navigazione (albero)
|
Vai alla Lista dei comandi
|
Vai alla Lista degli approfondimenti
|
Vai al Menu inferiore
|
|Lista dei comandi|
Eventi in home
Letargia e melanconia, esercizio filosofico di scrittura autobiografica per non allontanarsi da se stessi

Martedì 28 gennaio 2014, ore 17,30

Edificio U6, Aula polivalente (4° piano) - Piazza dell'Ateneo Nuovo 1, Milano

pensatore

La filosofia antica considerava la letargia, ovvero la dimenticanza di sé, la causa dell'infelicità e pertanto le pratiche filosofiche avevano lo scopo di restituire al soggetto il rapporto con se stesso.
Quel che caratterizza la sofferenza dell'animo umano oggi sembra derivare in parte dall'intensa accelerazione dei ritmi di vita, che inevitabilmente ha avuto una ricaduta sulla costruzione dell'identità, in parte dal messaggio sociale da cui emerge che l'individuo è onnipotente rispetto alla possibilità di diventare e di ottenere quel che desidera senza limiti. Tutto ciò comporta una perdita di legami sociali, una ricerca di godimento autoreferenziale e, nell'impossibilità frustrante di potere tutto, ci si consola circondandosi di inutili oggetti a cui si dà un compito impossibile. Accade così che il soggetto diventi sempre più estraneo a sé, come nell'antichità dunque, le pratiche filosofiche possono aiutare nel difficile compito di ritrovare se stessi. Gli esercizi di scrittura autobiografica che intendo proporre in questo laboratorio hanno lo scopo di ricercare il senso della cura autentica.

Incontro del ciclo 2013/2014 dei Seminari Aperti di Pratiche Filosofiche: esercizi spirituali, letture meditate, pratiche di dialogo e di ascolto di Sè, degli gli altri e del mondo che ci circonda.
Immersione in quel "sapere" che, caratterizzandosi dall'unione intrinseca tra teoria e prassi, si realizza in un "saper vivere".

Le pratiche filosofiche oggi evocano e fanno rivivere quell'antica capacità trasformatrice della filosofia, dove il cambiamento coincideva con un'opera specificamente umana di cura del Sè.

La frequenza è libera e aperta a tutti coloro che siano anche solo intuitivamente incuriositi da questo o da quell'incontro; oppure ancora a coloro che desiderino seguire con costanza un percorso che ci accompagnerà per tutto l'anno, un percorso comune di condivisione e di scambio.

In archivio dal: 29/01/2014


  

  
© 2005-2014 Università degli Studi di Milano-Bicocca -
Piazza dell'Ateneo Nuovo, 1 - 20126, Milano • tel. 02 6448 1 • Casella PEC: ateneo.bicocca@pec.unimib.it • P.I. 12621570154 • Amministrazione trasparente
redazioneweb@unimib.it - ultimo aggiornamento di questa pagina 27/09/2016