Inizio della pagina -
Logo dell'Università degli Studi di Milano-Bicocca
|
Visita la Versione ad elevata leggibilità
|
Vai al Contenuto della pagina
|
Vai alla Fine dei contenuti
|
Vai al Menu Principale
|
Vai alla Barra di navigazione (sei in)
|
Vai al Menu di navigazione (albero)
|
Vai alla Lista dei comandi
|
Vai alla Lista degli approfondimenti
|
Vai al Menu inferiore
|
|Lista dei comandi|
Notizie in home
All’Università di Milano-Bicocca uno dei prestigiosi Grants del Consiglio Europeo della Ricerca

All’Università di Milano-Bicocca uno dei prestigiosi Grants del Consiglio Europeo della Ricerca

Chiara Turati, ricercatrice del Dipartimento di Psicologia dell'Università di Milano-Bicocca, ha ricevuto un finanziamento di 1.200.000 euro dal Consiglio Europeo della Ricerca per il progetto "Le origini e lo sviluppo del sistema di neuroni a specchio nell'uomo", che durerà cinque anni.

Lo Starting Grant permetterà di sviluppare la ricerca in autonomia, creando, tra le altre cose, cinque nuovi posti di lavoro, legati alla durata quinquennale del progetto, per altrettanti giovani ricercatori.

Soggetto sperimentale
Un "particolare" soggetto sperimentale

Verranno inoltre acquistate tre grandi attrezzature:

  • uno strumento per la registrazione automatica dei movimenti oculari -eye-tracker,
  • uno strumento per la registrazione dei potenziali cerebrali evento-correlati -event related potentials
  • uno strumento per la registrazione dei potenziali motori - elettromiografo.

Infine, il finanziamento consentirà la predisposizione di due nuovi laboratori,

  • uno per lo studio dello sviluppo delle abilità percettive e cognitive nella prima infanzia
  • uno per lo studio delle stesse abilità nei primi giorni di vita.
Chiara Turati
Chiara Turati

«È sicuramente un segnale che nelle Università italiane crescano ricercatori che hanno tutti gli strumenti per potersi confrontare a livello internazionale con idee e progetti eccellenti. - dice Chiara Turati - Il progetto finanziato consentirà di capire quali siano le origini del sistema di neuroni a specchio nell'uomo. Sarà quindi possibile comprendere, alla nascita e nei primi mesi di vita, i meccanismi alla base del riconoscimento delle intenzioni e delle emozioni altrui, che rendono possibili l'apprendimento imitativo e la comprensione immediata dell'altro».

 

Leggi il comunicato stampa

 

In archivio dal: 09/10/2009


  

  
© 2005-2014 Università degli Studi di Milano-Bicocca -
Piazza dell'Ateneo Nuovo, 1 - 20126, Milano • tel. 02 6448 1 • Casella PEC: ateneo.bicocca@pec.unimib.it • P.I. 12621570154 • Amministrazione trasparente
redazioneweb@unimib.it - ultimo aggiornamento di questa pagina 30/09/2016