Energy management

La gestione dei consumi energetici, elettrici e termici, è tematica strategica per l’Ateneo in termini sia ambientali che economici. Monitorare l’andamento, identificare le inefficienze, ottimizzare la gestione, promuovere il risparmio energetico sono tutte azioni fondamentali per la sostenibilità dell’Università. Gli interventi migliorativi dovranno essere sia strutturali (gestione degli impianti) sia comportamentali (promozione di buoni comportamenti verso personale e studenti).

Il piano di gestione delle utenze e dei consumi energetici è coordinato dall’Area Infrastrutture e Approvvigionamenti e si propone di promuovere azioni strutturali-gestionali ed educativo-comportamentali finalizzate al risparmio e all’efficienza energetica.

Consumi energetici e impatti ambientali

Negli ultimi anni sono state realizzate diverse attività di monitoraggio e analisi dei consumi energetici di tutti gli edifici dell’Ateneo al fine di individuare le criticità e progettare azioni migliorative.

Consumi energetici Unimib (anno 2017)

  • Energia elettrica 36.324 MWh
  • Teleriscaldamento 14.879 MWh
  • Teleraffrescamento 4.579 MWh
  • Gas naturale 222.030 Sm3

Le emissioni di gas ad effetto serra associate ai consumi energetici si attestano su un valore complessivo di circa 18.500 tonnellate/anno di CO2 ovvero il 37% dell’intera Carbon Footprint di Unimib.

Complessivamente, sebbene l’Ateneo sia cresciuto in termini di studenti ed edifici, non si riscontrano proporzionali incrementi della spesa energetica negli anni: è anzi in lieve riduzione il consumo energetico riferito al singolo utente.
Dal punto di vista strutturale sono stati realizzati interventi importanti, i due principali legati all’illuminazione ed agli impianti di condizionamento.

È stato completato il piano di sostituzione dell’illuminazione degli spazi comuni di tutti gli edifici con lampade LED, con un risparmio in termini economici rispetto ai sistemi di illuminazione tradizionali (per lo più lampade alogene) che si avvicina al 90%. In termini di consumi, i LED permettono di risparmiare in media il 38 % di energia a parità di illuminazione offerta.

Per quanto riguarda il condizionamento estivo, sono stati installati nuovi e più efficienti impianti di produzione di energia frigorifera. I nuovi apparecchi si caratterizzano per un’altissima efficienza energetica e un basso impatto acustico. Inoltre sono dotati di un software per la gestione in remoto che permette un controllo costante dell’attività e un’ottimizzazione dei consumi energetici che si sono così ridotti del 42% con una contestuale riduzione delle emissioni prodotte pari a 390 tonnellate di CO2 l’anno.
 

Obiettivi
  • Monitoraggio dei consumi energetici (elettrici e termici) in continuo, per individuare le criticità e gli eventuali miglioramenti nel tempo;
  • Calcolo della Carbon Footprint relativa ai consumi energetici al fine di ridurre le emissioni di gas serra;
  • Promozione di comportamenti virtuosi per il risparmio energetico da parte di studenti e personale;
  • Realizzazione di un piano di gestione sostenibile dell’energia;
  • Realizzazione di un database dei consumi energetici per singolo spazio (aule, uffici, spazi comuni...) con relativa mappatura;
  • Attuazione di interventi strutturali di autoproduzione con fonti rinnovabili ed efficientamento energetico.
a cura di Bicocca Sostenibile, ultimo aggiornamento il 26/04/2019