Segnalazioni

Appello di UN.I.RE - Contro il recesso della Turchia dalla Convenzione di Istanbul

Il Presidente della Turchia Erdogan ha firmato il decreto per recedere dalla Convenzione di Istanbul. La Gazzetta Ufficiale ha già pubblicato il provvedimento, che diventerà efficace il 1° luglio prossimo. La società civile turca, le associazioni femminili, si stanno mobilitando per contrastare questa decisione.

Anche la rete accademica UN.I.RE. (UNiversità In REte contro la violenza di genere) il network composto da nove università (Cattolica del Sacro Cuore di Milano, Calabria, Foggia, Milano Statale, Padova, Trento, Trieste, Osservatorio Interuniversitario sul Genere, Parità e Opportunità di Roma Tre, Fondazione Ca' Granda-Policlinico di Milano), con Milano-Bicocca come capofila, e coordinato dalla Prof. Marina Calloni.

Obiettivo del progetto è l'attuazione della "Convenzione di Istanbul sulla prevenzione e contrasto alla violenza contro le donne e la violenza domestica" nelle parti dedicate alla formazione, alla ricerca, alla raccolta dati e alla sensibilizzazione della società verso una cultura del rispetto delle identità di genere: https://unire.unimib.it/

Il network che si rivolge a tutte le università italiane e alle reti universitarie europee già esistenti ha deciso di attivarsi, con un appello rivolto alle istituzioni nazionali, europee e del Consiglio d’Europa, per fermare questo attacco, in atto in molti altri paesi europei, che da tempo punta a indebolire la Convenzione di Istanbul.

Pubblichiamo il testo dell’appello, sperando che sia condiviso e fatto proprio da tutti e tutte coloro che possono rapidamente intervenire per invertire la rotta.

http://unire.unimib.it/wp-content/uploads/sites/54/2021/03/UNIRE-Appello-Convenzione-di-Istanbul.pdf

a cura di Supporto alla Trasparenza, ultimo aggiornamento il 24/03/2021