Lunedì, 22 luglio, 2019

“Smart City looks like…”, la Summer school organizzata da Bicocca e Gran Sasso Science Institute

All’Aquila i giovani scienziati che progetteranno le città del futuro

Lampadina su lavagna
Ai progettisti delle città del futuro è rivolta “Smart City looks like…”, la scuola internazionale estiva che si terrà al Gran Sasso Science Institute (GSSI) dal 22 al 28 luglio
30 giovani ricercatori, provenienti da 19 paesi di 4 continenti, studieranno come trasformare in realtà l’idea di smart city – città efficiente, verde, aperta all’innovazione e alla partecipazione, che attrae talenti, crea lavoro e produce benessere.
La summer school, organizzata da Università degli Studi di Milano - Bicocca e GSSI, punta anche sull’interdisciplinarità: i partecipanti porteranno competenze diverse, che vanno dall’informatica all’economia, passando per l’urbanistica e l’architettura. 
 
Si conferma l’interesse di Bicocca su temi affini. 
 
Una precedente opportunità di riflessione e indagine sul rapporto tra periferia e Università, declinato in termini di qualità della vita, identità e mobilità, è stata offerta da Urbana (29 e 30 maggio). Nel corso dell’evento, promosso dal Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell'Università di Milano - Bicocca in collaborazione con Politecnico e IULM, si sono svolte passeggiate di esplorazione nei quartieri Bicocca, Bovisa e Barona. 
 
Il workshop del 15 maggio "Design Universale: inclusione, giustizia, apertura", organizzato dal Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione "Riccardo Massa", ha invece affrontato le sfide poste alla progettazione da migrazioni, invecchiamento e disabilità. Dal design industriale all’architettura, dalla didattica all’urbanistica, la progettazione è chiamata a rispondere ai bisogni di una platea di fruitori largamente differenziata.