Informazioni a.a.2019/2020

 

Le informazioni relative all’a.a. 2019/2020 sono pubblicate nella sezione sottostante “2019/2020” - “Ammissione al corso”

Specifiche sul corso

Area del corso: 
Dipartimento: 
DIPARTIMENTO DI MEDICINA E CHIRURGIA (SCHOOL OF MEDICINE AND SURGERY)
Tipo di corso: 
Laurea triennale (DM 270)
Anno accademico: 
2015/2016
Durata in anni: 
3
Crediti: 
180
Sede: 
MONZA HSG
Lingua: 
Italiano
Modalita' didattica dell'ordinamento: 
Convenzionale

Norme per l'accesso

Possono essere ammessi al Corso di Laurea in Igiene dentale candidati che siano in possesso di Diploma di Scuola Secondaria Superiore quinquennale o di altro titolo conseguito all'estero, riconosciuto idoneo secondo la normativa vigente. E' altresì richiesto il possesso o l'acquisizione di una adeguata preparazione iniziale secondo quanto previsto dalle normative vigenti relative all'accesso ai corsi a numero programmato a livello nazionale.
Ai sensi del D. Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni, lo studente sarà sottoposto ad accertamento di idoneità psico-fisica allo svolgimento dell'attività dello specifico profilo professionale. La valutazione di non idoneità permanente comporta la decadenza dallo status di studente del Corso di Laurea.
L'Università si riserva di verificare, in qualsiasi momento, la persistenza delle condizioni di idoneità psico-fisica dello studente su segnalazione del Coordinatore teorico-pratico e di tirocinio.

Obiettivi formativi e competenze attese

Al termine del Corso di Laurea, il laureato in Igiene dentale deve possedere:
- una buona conoscenza dei fondamenti delle discipline propedeutiche (fisica, matematica, informatica, statistica,) e biologiche (chimica, biologia, anatomia umana, fisiologia, patologia);
- le conoscenze delle discipline caratterizzanti la professione dell'Igienista dentale (scienze dell'igiene dentale, scienze medico-chirurgiche, scienze della prevenzione e dei servizi sanitari, scienze interdisciplinari cliniche, scienze umane e psicopedagogiche, scienze interdisciplinari, scienze del management sanitario - D.M. 15/03/1999 n. 137);
- le conoscenze di discipline integrative e affini nell’ambito delle scienze umane e psico-pedagogiche, delle scienze del management sanitario e di scienze inter-disciplinari;
- familiarità con il metodo scientifico e capacità di applicarlo in situazioni concrete con adeguata conoscenza delle normative e delle problematiche deontologiche e bioetiche;
- capacità di comprensione e relazione con utenza, colleghi e altri professionisti, sanitari e non;
- capacità di lavorare in gruppo, di operare con definiti gradi di autonomia e di inserirsi prontamente negli ambienti di lavoro;
- conoscenze necessarie per utilizzare metodologie e strumenti di controllo, valutazione e revisione della qualità;
- competenze per partecipare alle diverse forme di aggiornamento professionale, nonché per partecipare ad attività di ricerca in diversi ambiti di applicazione dell’igiene dentale;
- capacità di utilizzare la lingua inglese, nell'ambito specifico di competenza e per lo scambio di informazioni generali;
- adeguate competenze e strumenti per la comunicazione e la gestione dell’informazione;
- competenze per stendere rapporti tecnico-scientifici;
- conoscere ed applicare, per quanto di propria competenza, le norme di radioprotezione previste dalle direttive dell’Unione Europea (D.L.vo 26.5.2000 n° 187).
Il percorso formativo è articolato come segue: al primo anno vengono affrontate le discipline propedeutiche e le scienze biomediche per consolidare le conoscenze di base, comprese le conoscenze della lingua inglese e di informatica; saranno introdotti, inoltre, gli aspetti teorici e metodologici fondanti la disciplina dell'igiene dentale con particolare riferimento alla fisiopatologia odontostomatologica e alla prevenzione orodentale. Nel secondo anno si affronteranno i temi specifici della disciplina, con particolare riferimento alle patologie odontostomatologiche e agli aspetti dell'igiene ad esse correlate. A completamento del secondo anno sarà affrontata la tematica della tutela della persona. Nel corso del terzo anno verranno affrontati gli aspetti più tecnici della odontostomatologia nonchè quelli della organizzazione sanitaria e della legislazione.

RISULTATI DI APPRENDIMENTO ATTESI, ESPRESSI TRAMITE DESCRITTORI EUROPEI DEL TITOLO DI STUDIO (D.I. 19/02/2009, art. 4, comma 6)

Conoscenza e comprensione (knowledge and understanding)

Al termine del percorso formativo i laureati in Igiene dentale avranno acquisito un'ampia e vasta gamma di conoscenze sia nelle scienze di base che nelle discipline caratterizzanti, così come nel campo della comunicazione e della gestione professionale. In particolare avranno conseguito solide basi nel campo delle scienze propedeutiche e delle scienze biomediche per la comprensione dei processi fisiopatologici di interesse della professione di Igienista dentale. Grazie allo studio di aspetti specifici delle discipline pre-cliniche e cliniche, avranno conoscenze approfondite delle patologie odontostomatologiche, della prevenzione oro-dentale, dell'igiene e della nutrizione, anche riferita alle comunità. Conosceranno inoltre gli elementi rilevanti della psicologia, dell'organizzazione del lavoro e dell'etica professionale. Strumenti didattici per l'acquisizione delle conoscenze sono: lezioni frontali, lezioni pratiche in locali attrezzati, tirocinio, lettura ed interpretazione della letteratura internazionale.
La valutazione di tali conoscenze e delle capacità di comprensione, sarà attuata tramite le seguenti modalità di verifica: esami teorico/pratici, relazioni scritte, prove pratiche simulate e/o su persona assistita.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and understanding)

I laureati al termine del percorso formativo saranno in grado di applicare il processo diagnostico e/o terapeutico, sia in forma simulata che sulla persona assistita, adottando anche la metodologia del problem-solving (ragionamento clinico) e mettendo in atto le procedure fra loro correlate che permettano la realizzazione degli interventi di diagnosi e cura. L’applicazione delle conoscenze si svilupperà tenendo conto di aspetti fondamentali quali l’interazione con il contesto di vita reale delle persone, la relazione interpersonale ed inter-professionale, la gestione organizzativa degli aspetti direttamente connessi alla tipologia del lavoro svolto.
Tale capacità sarà raggiunta complessivamente e compiutamente attraverso la frequenza obbligatoria del tirocinio e dei laboratori professionalizzanti. La verifica dell’acquisizione delle abilità professionali avviene sistematicamente tramite un libretto che ne certifica la presenza e una scheda di valutazione che misura atteggiamenti, comportamenti e abilità generali, e viene compilata dal Tutor al termine di ogni esperienza di tirocinio.
L’insieme delle suddette attività è programmato dal Consiglio di Coordinamento Didattico e pianificato, monitorato, verificato dal Coordinatore delle attività teorico/pratiche e di tirocinio che promuove incontri con i Tutor, con gli studenti stessi, propone attività di formazione, facilita lo studente allo sviluppo dell’autoformazione, l’accesso alle fonti bibliografiche ecc.
Strumenti didattici: lezioni pratiche in locali attrezzati, tirocinio, lettura ed interpretazione della letteratura internazionale. La valutazione di tali conoscenze e delle capacità di comprensione, sarà attuata tramite le seguenti modalità di verifica: esami teorico/pratici, relazioni scritte, prove pratiche simulate e/o su persona assistita.

Autonomia di giudizio (making judgements)

Il laureato al termine del percorso di studi sarà in grado di conoscere e saper applicare, in modo autonomo, il processo diagnostico e/o terapeutico per quanto di competenza, utilizzando il ragionamento clinico come strumento guida al criterio di scelta all’interno delle possibili opzioni che compongono le varie fasi del processo medesimo. Tale autonomia si realizzerà tramite la capacità di rispondere efficacemente ai bisogni di salute individuale e/o collettiva, come operatore in team, optando per le migliori strategie diagnostiche o terapeutiche, individuando gli approcci e gli strumenti idonei, effettuando raccolta dati, esame della persona assistita, scegliendo e applicando metodologie e tecniche idonee al caso clinico secondo le migliori evidenze scientifiche possibili e reperibili; in ambito etico si manifesterà nel rispetto della normativa di riferimento, professionale, giuridica, sanitaria e deontologica.
L’autonomia di giudizio del laureato in Igiene dentale si concretizzerà in modo compiuto attraverso l’uso abituale e giudizioso della comunicazione, delle conoscenze, delle abilità tecniche, del ragionamento clinico (processo diagnostico e valutativo), delle emozioni, dei valori, della riflessione nella pratica quotidiana a beneficio del singolo individuo o della comunità.
Strumenti didattici: attività d’aula, laboratori didattici, lezioni pratiche in locali attrezzati, tirocinio in reparto, lettura ed interpretazione della letteratura internazionale.
Modalità di verifica: relazioni scritte e orali su aspetti tecnico/professionali, discussione di casi clinici, definizione del piano diagnostico o terapeutico su casi clinici reali; dimostrazione pratica della progettazione ed esecuzione di manovre e tecniche specifiche.

Abilità comunicative (communication skills)

Il laureato al termine del percorso di studi dovrà essere in grado di gestire al meglio la comunicazione intesa come capacità di instaurare una relazione professionale significativa con la persona e di stabilire un rapporto efficace con tutti gli altri professionisti della medesima o di altre discipline; dovrà inoltre essere capace di utilizzare gli strumenti della comunicazione in ambito sanitario dimostrando di saper compilare la modulistica dedicata, progettare un intervento diagnostico o terapeutico in stretta collaborazione con l’odontoiatra, comunicando in forma verbale e scritta in modo chiaro, conciso e professionale, tecnicamente e grammaticalmente accurato, sapendo anche tradurre il linguaggio tecnico in maniera comprensibile anche ai non addetti ai lavori; dovrà essere in grado di comunicare in modo appropriato nei contesti scientifici internazionali, per veicolare idee, problemi e relative soluzioni.
Strumenti didattici: attività d’aula, tirocinio.
Modalità di verifica: relazioni orali sugli aspetti comunicativi; briefing con i Tutor e con il Coordinatore; presentazione orale e scritta di progetti.

Capacità di apprendimento (learning skills)

Il laureato in Igiene dentale saprà condurre un’auto-valutazione del proprio livello formativo in modo da mantenere il proprio sapere al più alto livello richiesto per la pratica professionale e progettare percorsi di auto-formazione per implementare le proprie competenze, con particolare riferimento alle linee guida nazionali ed internazionali in ambito sia diagnostico sia terapeutico. Nei tre anni acquisirà capacità di apprendimento e competenze tali da consentire, al termine del percorso, anche il proseguimento degli studi con elevato grado di autonomia. Questa capacità sarà sviluppata con la preparazione degli esami, con la frequenza del tirocinio, nel quale viene coniugata la teoria con la pratica, e con l’uso critico della letteratura scientifica, anche per la preparazione della prova finale.
Strumenti didattici: attività d’aula, seminari, tirocinio.
La valutazione delle capacità di apprendimento, sarà attuata tramite le seguenti modalità di verifica: esami teorico-pratici, relazioni scritte e orali su aspetti tecnico/professionali, discussione di casi clinici, definizione del programma diagnostico e del piano di cura su casi clinici simulati e reali; ricerche e produzione di materiali didattici.

Insegnamenti

Per le regole di scelta degli insegnamenti non obbligatori consultare il Regolamento didattico
* = obbligatorio

Prova finale

La prova finale ha valore di Esame di Stato, abilitante alla professione di Igienista dentale (Cfr. DM 19 febbraio 2009, art. 7), e si svolge nei tempi e nei modi prescritti da apposito decreto del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca di concerto con il Ministero della Salute.
Consiste nella redazione di un elaborato di tesi e sua dissertazione, e di una prova pratica nel corso della quale lo studente deve dimostrare di aver acquisito le conoscenze e abilità teorico-pratiche e tecnico-operative proprie dello specifico profilo professionale.
La valutazione finale è espressa in centodecimi.

Sbocchi occupazionali

Igienista dentale

funzione in un contesto di lavoro:
I laureati in Igiene dentale
- svolgono con titolarità e autonomia professionale la loro attività su indicazione degli odontoiatri e dei medici chirurghi legittimati all’esercizio dell’odontoiatria
- contribuiscono alla formazione del personale di supporto e concorrono direttamente all'aggiornamento relativo al loro profilo professionale e alla ricerca.
- svolgono, nei confronti dei singoli individui e della collettività, attività dirette alla prevenzione, alla cura, alla riabilitazione e a procedure di valutazione funzionale, al fine di espletare le competenze proprie previste dal relativo profilo
professionale (D.M. del Ministero della Sanità 15 marzo 1999, n. 137 e successive modificazioni e integrazioni).

competenze associate alla funzione:
Tutte le competenze necessarie all'acquisizione dell'esercizio delle funzioni sopra descritte.

sbocchi professionali:
Attività presso strutture sanitarie pubbliche o private, in rapporto di dipendenza o libero professionale.

Valutazione degli studenti

Docenti di riferimento
MALATTIE ODONTOSTOMATOLOGICHE (MED/28)
MALATTIE ODONTOSTOMATOLOGICHE (MED/28)
BIOCHIMICA (BIO/10)
MALATTIE ODONTOSTOMATOLOGICHE (MED/28)
MALATTIE ODONTOSTOMATOLOGICHE (MED/28)