Iscrizioni: test, valutazioni e graduatorie 2020/2021

L’accesso al Corso di laurea magistrale in Matematica è subordinato al possesso di specifici requisiti curriculari (indicati all’art. 5 del regolamento didattico) e all’adeguatezza della personale preparazione verificata con le modalità previste all’art. 6 del Regolamento didattico del Corso.

I colloqui si svolgeranno nelle date del 29 giugno (per chi presenterà la domanda dal 1 aprile al 15 giugno), del 28 settembre (per chi presenterà la domanda dal 16 giugno al 14 settembre) e del 4 febbraio (per chi presenterà la domanda tra l’8 e il 20 gennaio).

I colloqui di giugno si solgeranno esclusivamente in modalità a distanza.

Specifiche sul corso

Area del corso: 
Dipartimento: 
DIPARTIMENTO DI MATEMATICA E APPLICAZIONI
Tipo di corso: 
Corso di Laurea Magistrale
Anno accademico: 
2016/2017
Durata in anni: 
2
Crediti: 
120
Sede: 
MILANO
Lingua: 
Italiano
Modalita' didattica dell'ordinamento: 
Convenzionale

Norme per l'accesso

Per essere ammessi al Corso di Laurea Magistrale occorre essere in possesso della Laurea o del Diploma universitario di durata triennale, ovvero di titolo di studio conseguito all’estero, riconosciuto come idoneo.
In particolare, possono essere ammessi alla Laurea Magistrale in Matematica i laureati in discipline scientifiche e ingegneristiche.

Modalità di ammissione

Una Commissione, appositamente nominata dal CCD, valuterà l'idoneità dei candidati, basandosi sulla documentazione presentata ed eventualmente su un colloquio.
Il possesso di una laurea in Matematica con votazione di almeno 95/110 è condizione sufficiente a certificare il soddisfacimento dei requisiti curriculari e l'adeguatezza della personale preparazione.
Le date e le modalità di svolgimento degli eventuali colloqui saranno diffuse con appositi avvisi.
Su richiesta motivata, il colloquio potrà tenersi in modalità telematica.

Oltre all'iscrizione annuale (tempo pieno), lo studente potrà effettuare una iscrizione a crediti (CFU) optando per un impegno a tempo parziale, con le modalità definite nell'art. 9 del Regolamento degli studenti disponibile alla pagina
http://www.unimib.it/go/45702/Home/Italiano/Ateneo/Regolamenti/Regolamento-degli-
Studenti

Obiettivi formativi e competenze attese

Il Corso di Laurea Magistrale in Matematica, ha quattro obiettivi specifici:
1 - fornire conoscenze avanzate nei settori fondamentali della Matematica in vista del loro utilizzo in ambiti specialistici di carattere sia teorico che applicativo; tali conoscenze costituiranno una solida piattaforma per l’eventuale inizio di successive attività di ricerca teorica o applicata (e.g. Dottorato, Master di livello avanzato), ovvero per l’insegnamento matematico di livello superiore e la comunicazione scientifica a livello specialistico;
2- fornire metodiche e strumenti avanzati per la modellizzazione e formalizzazione matematica di problemi complessi che nascono nell’ambito delle scienze sperimentali, dell’ingegneria, dell’economia e in altri campi applicativi;
3 - fornire metodiche e strumenti avanzati per la soluzione sia numerica che analitica dei modelli precedenti; a tal fine, un ruolo complementare essenziale avranno le attività di laboratorio avanzato;
4 - raffinare la competenza nell’uso di strumenti informatici recenti e sofisticati, di interesse per la Matematica.

In termini di risultati di apprendimento, ci si aspetta che al termine degli studi uno studente della Laurea Magistrale in Matematica:
1 - abbia acquisito una solida conoscenza del linguaggio, delle tecniche e di un ampio spettro di contenuti della Matematica moderna;
2 - sia in grado di applicare le tecniche e i contenuti sopraddetti all’analisi di problemi complessi;
3 - abbia acquisito la capacità di svolgere in piena autonomia funzioni di elevata responsabilità nell’ambito di gruppi di lavoro integrati nella ricerca teorica o applicata, ovvero dell’insegnamento e della comunicazione scientifica di alta qualificazione;
4 - sia in grado, nello svolgimento delle attività precedenti, di utilizzare correttamente, sia in forma scritta, sia in forma orale, una lingua della Comunità Europea;
5 - sia in grado di presentare i risultati delle proprie ricerche motivandone contenuti, metodi e strategie ad un ampio spettro di interlocutori.

In termini più dettagliati, espressi tramite i cosiddetti Descrittori europei del titolo di studio (DM 16/03/2007, art. 3, comma 7), i risultati di apprendimento attesi e le modalità di conseguimento e verifica degli stessi, sono i seguenti:

Conoscenza e capacità di comprensione
I laureati:
1 - avranno acquisito una conoscenza ampia e adeguata di tematiche matematiche avanzate, estensione e sviluppo di quelle acquisite nel ciclo triennale;
2 - avranno acquisito una conoscenza adeguata di tecniche di formalizzazione e modellizzazione, anche complesse, tipiche delle applicazioni della Matematica in vari ambiti scientifici e professionali;
3 - avranno acquisito un livello di comprensione del linguaggio, delle tecniche e dei contenuti di un ampio spettro della Matematica, tale da metterli in grado di elaborare idee originali e iniziare percorsi personali in contesti specifici di ricerca.
Le capacità sopra illustrate saranno conseguite attraverso la frequenza a corsi di lezioni ed esercitazioni, ove sarà sollecitata la discussione sugli aspetti teorici e pratici degli insegnamenti impartiti. Le verifiche corrispondenti avverranno attraverso prove d'esame scritte e/o orali.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione
I laureati:
1 - saranno in grado di elaborare dimostrazioni di risultati significativi e sufficientemente profondi, e di riconoscere la loro rilevanza anche in contesti diversi da quello naturale, ma a questo collegabili,
2 - saranno in grado di applicare tecniche e contenuti di carattere avanzato alla formulazione e risoluzione di problemi complessi in varie aree della Matematica;
3 - saranno in grado di affrontare problemi nuovi e non familiari in vari contesti applicativi della Matematica, comprendendone la natura e formulandone proposte di soluzione, anche con l'ausilio di avanzati strumenti informatici e computazionali.
La capacità di applicare le conoscenze acquisite sarà stimolata durante i corsi di lezioni, e verificata richiedendo allo studente un'attiva partecipazione alla risoluzione di problemi e questioni, la cui natura e complessità sarà opportunamente graduata nel corso degli studi.

Autonomia di giudizio
I laureati:
1 - saranno in grado di produrre, a partire da insiemi di dati anche non perfettamente definiti o parziali, proposte e quadri di riferimento atti a interpretare correttamente e ricercare la soluzione di problematiche complesse, sia nell'ambito della Matematica pura, sia nell'ambito delle sue applicazioni;
2 - saranno in grado di formulare autonomamente giudizi pertinenti sull'applicabilità di modelli matematici complessi a situazioni concrete, nonché sulle ricadute della loro implementazione in termini di etica scientifica e impatto sociale;
3 - sapranno svolgere in piena autonomia funzioni di elevata responsabilità nell’ambito di gruppi di lavoro impegnati nella ricerca teorica o applicata, ovvero nell’ambito dell’insegnamento e della comunicazione scientifica di alta qualificazione.
I livelli di autonomia raggiunti dagli studenti saranno verificati nel corso degli studi attraverso seminari, sviluppo di progetti, correzione in itinere di elaborati proposti allo studente, e valutando la capacità di orientare con un sufficiente grado di autonomia individuale la propria attività durante la preparazione della tesi per la prova finale.

Abilità comunicative
I laureati:
1 - saranno in grado di illustrare e discutere con rigore ed efficacia il contesto e i risultati del lavoro svolto nel cercare di risolvere problemi sia di ordine teorico sia di tipo applicativo;
2 - saranno in grado di motivare chiaramente la scelta delle strategie, metodi e contenuti, nonchè degli strumenti computazionali adottati;
3 - saranno in grado di svolgere con successo le attività di comunicazione delineate nei punti precedenti, sia in ambito strettamente matematico, sia in più generali ambiti di carattere scientifico, sia fungendo da interfaccia effettiva in un ampio ventaglio di ambienti di lavoro e di luoghi di interlocuzione sociale.
Queste capacità saranno verificate in concreto attraverso esposizioni da parte dello studente su temi proposti dai docenti, nonché attraverso la frequentazione attiva di seminari o stages.

Capacità di apprendimento
I laureati avranno acquisito nel loro corso di studi metodiche e stili di apprendimento e verifica delle conoscenze, tali da metterli in grado di:
1 - proseguire i propri studi con ampia autonomia, approfondendo le proprie conoscenze a livello specialistico per l’eventuale inizio di successive attività di ricerca teorica o applicata (e.g. Dottorato, Master di livello avanzato);
2 - affrontare in modo autonomo lo studio sistematico di settori della Matematica anche non precedentemente privilegiati, ad esempio ai fini dell’insegnamento matematico di livello superiore e della comunicazione scientifica di alto profilo;
3 - utilizzare banche dati e le risorse di internet per estrarne informazioni e spunti atti a meglio inquadrare e sviluppare il proprio lavoro di studio e ricerca.
La verifica di queste capacità, con particolare attenzione all’abilità di integrare nuove conoscenze con quelle precedentemente acquisite, di valutarle criticamente, e di proporre contenuti e sviluppi originali, culminerà nella valutazione dei risultati raggiunti nella compilazione della tesi relativa alla prova finale.

Insegnamenti

Per le regole di scelta degli insegnamenti non obbligatori consultare il Regolamento didattico
* = obbligatorio

Prova finale

La prova finale consiste nella presentazione di una tesi su argomenti originali, redatta dallo studente sotto la guida di un relatore ufficiale assegnato dal Consiglio di Coordinamento Didattico.

Sbocchi occupazionali

Il Corso prepara in modo specifico alle professioni di matematico, statistico e alle professioni a queste correlate. (Codice ISTAT 2.1.1.3.1).

funzione in un contesto di lavoro:
La ricchezza culturale e metodologica che caratterizza il percorso formativo consentirà ai laureati del Corso di Laurea Magistrale in Matematica sia di imboccare selettivamente un percorso di avviamento alla ricerca matematica, pura o applicata, sia di assumere ruoli di elevata responsabilità in progetti di ricerca scientifica avanzata, nella costruzione e nello sviluppo computazionale di modelli matematici in diversi ambiti scientifici, ambientali, sanitari, industriali, finanziari, nonché nei servizi e nella pubblica amministrazione, nei settori della comunicazione della Matematica, nella scuola e in enti di ricerca, uffici, studi e, in generale, in tutte le aziende per la cui attività sia rilevante la modellizzazione di fenomeni fisici, naturali, informatici, economico-finanziari, sociali ed organizzativi.
Le caratteristiche peculiari della sua formazione apriranno, infine, al laureato nel Corso di Laurea Magistrale in Matematica la possibilità di intraprendere carriere professionali in ambiti anche diversi da quello scientifico-tecnologico.
I laureati in Matematica interessati all'insegnamento hanno la possibilità di iscriversi ai Tirocini Formativi Attivi (TFA), specificatamente nelle classi :
-Matematiche e scienze nella scuola secondaria di I grado (TFA I Grado) - Classe A059
-Matematica (TFA II Grado) - Classe A047
-Matematica e fisica (TFA II Grado) - Classe A049

competenze associate alla funzione:
La caratteristica principale di un laureato in Matematica è la capacità di inserirsi velocemente in diversi contesti lavorativi.

sbocchi professionali:
Nell'ambito di un accordo di collaborazione tra Regione Lombardia e sistema universitario lombardo per la promozione e diffusione del contratto di apprendistato per l' Alta Formazione, ai sensi dell' art. 50 D. Lgs. 276/2003, è previsto un percorso formativo di durata triennale, alternativo alla tradizionale Laurea Magistrale. Durante tale percorso, lo studente, con contratto di assunzione, completa la formazione universitaria in un'azienda che aderisce al progetto. E' previsto che, con il conseguimento della Laurea, il contratto possa trasformarsi un contratto a tempo indeterminato.

Dei laureati magistrali nel 2008 intervistati a 12 mesi dalla laurea il 60 % ha dichiarato di lavorare, il 27 % di prosegue gli studi, il 13 % non ha risposto.
Dei laureati nel 2009 intervistati a 12 mesi dalla laurea il 70 % ha dichiarato di lavorare ed il 30 % di essere in cerca di lavoro.
Dei laureati nel 2010 intervistati a 12 mesi dalla laurea l’ 87 % ha dichiarato di lavorare ed il 13 % di proseguire gli studi.
Dei laureati nel 2011 intervistati a 12 mesi dalla laurea il 68 % ha dichiarato di lavorare, il 10% di essere in cerca di lavoro ed il 15 % di proseguire gli studi.

MATEMATICO

funzione in un contesto di lavoro:
La ricchezza culturale e metodologica che caratterizza il percorso formativo consentirà ai laureati del Corso di Laurea Magistrale in Matematica sia di imboccare selettivamente un percorso di avviamento alla ricerca matematica, pura o applicata, sia di assumere ruoli di elevata responsabilità in progetti di ricerca scientifica avanzata, nella costruzione e nello sviluppo computazionale di modelli matematici in diversi ambiti scientifici, ambientali, sanitari, industriali, finanziari, nonché nei servizi e nella pubblica amministrazione, nei settori della comunicazione della Matematica, nella scuola e in enti di ricerca, uffici, studi e, in generale, in tutte le aziende per la cui attività sia rilevante la modellizzazione di fenomeni fisici, naturali, informatici, economico-finanziari, sociali ed organizzativi.
Le caratteristiche peculiari della sua formazione apriranno, infine, al laureato nel Corso di Laurea Magistrale in Matematica la possibilità di intraprendere carriere professionali in ambiti anche diversi da quello scientifico-tecnologico.
I laureati in Matematica interessati all'insegnamento hanno la possibilità di iscriversi ai Tirocini Formativi Attivi (TFA), specificatamente nelle classi :
-Matematiche e scienze nella scuola secondaria di I grado (TFA I Grado) - Classe A059
-Matematica (TFA II Grado) - Classe A047
-Matematica e fisica (TFA II Grado) - Classe A049

competenze associate alla funzione:
La caratteristica principale di un laureato in Matematica è la capacità di inserirsi velocemente in diversi contesti lavorativi.

sbocchi professionali:
Dei laureati magistrali nel 2008 intervistati a 12 mesi dalla laurea il 60 % ha dichiarato di lavorare, il 27 % di prosegue gli studi, il 13 % non ha risposto.
Dei laureati nel 2009 intervistati a 12 mesi dalla laurea il 70 % ha dichiarato di lavorare ed il 30 % di essere in cerca di lavoro.
Dei laureati nel 2010 intervistati a 12 mesi dalla laurea l'87 % ha dichiarato di lavorare ed il 13 % di proseguire gli studi.
Dei laureati nel 2011 intervistati a 12 mesi dalla laurea il 68 % ha dichiarato di lavorare, il 10% di essere in cerca di lavoro ed il 15 % di proseguire gli studi.

Valutazione degli studenti

Docenti di riferimento
ANALISI NUMERICA (MAT/08)
GEOMETRIA (MAT/03)
ALGEBRA (MAT/02)
FISICA MATEMATICA (MAT/07)
METODI MATEMATICI DELL'ECONOMIA E DELLE SCIENZE ATTUARIALI E FINANZIARIE (SECS-S/06)
PROBABILITA' E STATISTICA MATEMATICA (MAT/06)