Specifiche sul corso

Area del corso: 
Dipartimento: 
DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICO-AZIENDALI E DIRITTO PER L'ECONOMIA
Tipo di corso: 
Laurea triennale (DM 270)
Anno accademico: 
2017/2018
Posti disponibili: 
350
Durata in anni: 
3
Crediti: 
180
Sede: 
MILANO
Lingua: 
Italiano
Modalita' didattica dell'ordinamento: 
Convenzionale

Norme per l'accesso

Per accedere al corso di laurea occorre essere in possesso del titolo di scuola secondaria di secondo grado richiesto dalla normativa in vigore o di altro titolo di studio conseguito all'estero, riconosciuto idoneo.
Per l’anno accademico 2017-18 il corso di laurea in Economia e Amministrazione delle Imprese ha previsto l'adozione del numero programmato. Sono previsti 350 posti.
Sono riservati n. 15 posti per gli studenti cinesi del progetto "MarcoPolo" e n. 3 posti per studenti extra Ue non residenti in Italia.
A seguito dell’introduzione del numero programmato, per poter accedere al corso di studi è necessario superare il test di ammissione.
Per tutti i dettagli si rimanda ai singoli bandi di concorso pubblicati sul sito www.unimib.it

Modalità di ammissione

Il corso di laurea è a numero programmato. Per l'anno accademico 2017/2018 sono previsti al primo anno 350 posti, di cui 15 riservati agli studenti della Repubblica popolare cinese aderenti al programma Marco Polo e 3 riservati ai cittadini extracomunitari.

La modalità di ammissione prevede una procedura di selezione che si svolgerà in due sessioni: il 25 maggio 2017 e nel mese di settembre 2017.

Alla prima sessione sono ammessi anche gli studenti iscritti al quinto anno di una scuola superiore, mentre alla seconda sessione che si svolgerà nel mese di settembre saranno ammessi solo i candidati in possesso del diploma di scuola secondaria superiore.

La prova dura 90 minuti, è costituita da 20 quesiti a risposta multipla chiusa, ed è volta ad accertare le conoscenze matematiche dei candidati. La prova si svolgerà al computer presso i laboratori dell'Università degli studi di Milano Bicocca. Il test prevede una soglia minima. Per essere idonei all'immatricolazione il candidato deve conseguire un punteggio di almeno 10/20.

A conclusione della prova verrà stilata una graduatoria – la cui formulazione sarà determinata in base ai criteri stabiliti dal bando di ammissione - e i candidati che risultano in posizione utile dovranno immatricolarsi secondo le scadenze pubblicate nelle pagine di ammissione ai corsi sul sito dell'Università.
I posti che risulteranno scoperti a seguito della prima selezione, saranno i posti disponibili che verranno messi a bando tramite la selezione prevista nel mese di settembre.

Per ulteriori dettagli si rimanda ai singoli bandi di concorso e alle informazioni pubblicate sul sito dell'Università.

Obiettivi formativi e competenze attese

Il corso si propone di fornire allo studente adeguate conoscenze relativamente alle discipline economico aziendali, economico-politiche di base, ai metodi quantitativi di base ed applicati, informatiche, ai principi e agli istituti giuridici con particolare riferimento al diritto commerciale, a due lingue dell’Unione Europea (oltre l’italiano).
Il corso è rivolto particolarmente allo studente che è interessato ad uno sbocco lavorativo anche nella funzione amministrazione, finanza e controllo delle imprese o che vuole intraprendere la professione di esperto contabile e di revisore legale, nonché successivamente, di dottore commercialista.
Pertanto, il corso fornisce allo studente approfondite conoscenze nell'ambito delle discipline economico aziendali: contabilità, bilancio, tecnica professionale, revisione aziendale e di bilancio, organizzazione, programmazione e controllo di gestione, anche con particolare riferimento alla normativa di diritto commerciale e tributario.

Il corso fornisce altresì allo studente adeguate conoscenze relativamente:
- alle discipline economico-politiche di base
- ai metodi quantitativi di base e applicati
- ai principi e agli istituti giuridici con particolare riferimento alla normativa commerciale e tributaria
- alla lingua inglese e ad un’altra lingua dell'Unione Europea (oltre l'italiano) nell'ambito specifico delle discipline economiche, aziendali e quantitative
- all'informatica e ai sistemi di elaborazione dati applicati in ambito aziendale

Il corso di laurea “Amministrazione e controllo delle imprese” curriculum in "Amministrazione e Controllo delle imprese", coerente con la convenzione quadro tra MIUR e CNDCEC siglata nell’ottobre 2014, è oggetto di specifica convenzione con l’ Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili (ODCEC) di Milano, in particolare comprende almeno 24 CFU in ambito disciplinare SECS-P/07 e almeno 15 CFU in ambito disciplinare SECS-P08, SECS-P10, e garantisce una specifica formazione nelle materie previste dall'art. 4 del D.Lgs. 39 del 27 gennaio 2010 che costituiscono contenuti obbligatori all'esame di stato per l'abilitazione all'attività di Revisore legale.
Il conseguimento del titolo di studio con i requisiti previsti dalla citata convenzione siglata nel 2015 con l’ODCEC di Milano, oltre a consentire di svolgere 6 dei 18 mesi di tirocinio durante la triennale, consente, completati gli ulteriori 12 mesi di tirocinio dopo il conseguimento della laurea, l'esonero dalla prima prova dell'Esame di Stato per l'accesso alla sezione B dell'Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili. La convenzione siglata con l’ODCEC di Milano si applica a gli studenti immatricolati a partire dall’anno accademico 2015/2016.

Risultati di apprendimento attesi, espressi tramite i Descrittori europei del titolo di studio (DM 16/03/2007, art. 3, comma 7)

Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Il corso di laurea prevede l’acquisizione di adeguate conoscenze e competenze di base in più aree disciplinari: aziendali, giuridiche, economiche e quantitative.

Area aziendale: lo studente dovrà avere conoscenza e capacità di comprensione dei sistemi aziendali. Durante il corso gli studenti sono chiamati a confrontarsi con diverse situazioni aziendali, casi, testimonianze, attraverso i quali potranno acquisire le conoscenze necessarie per dare risposte efficaci ai fabbisogni emergenti delle imprese. Inoltre saranno in grado di comprendere le caratteristiche di funzionamento delle imprese nelle molteplici manifestazioni riferite alle relazioni con l’ambiente esterno e ai sistemi economici, ai sistemi aziendali di gestione, organizzazione, amministrazione e controllo.
Al termine del corso gli studenti avranno conoscenze approfondite di economia aziendale, di ragioneria, di bilancio e controllo ed in particolare avranno acquisito competenze di amministrazione aziendale attraverso l'analisi dei principali sottosistemi aziendali e del sistema di rilevazioni che da essi scaturiscono, di organizzazione aziendale e di planning e consulenza aziendale e fiscale.

Area giuridica: lo studente dovrà avere conoscenza e capacità di comprensione dei principi e degli istituti dell’ordinamento giuridico, con particolare riferimento alla normativa commerciale e tributaria d’impresa, nonché agli istituti fondamentali del diritto costituzionale e ai rapporti giuridici tra imprese e pubblica amministrazione.
Lo studente sarà guidato in un percorso che gli consentirà di dotarsi degli strumenti di base per la comprensione dei fenomeni giuridici, e orientarsi sui temi fondamentali del diritto privato e del diritto pubblico, non senza attenzione agli strumenti interpretativi del diritto ed alla comprensione dei collegamenti fra norma e applicazione della stessa nei casi concreti.
Negli insegnamenti afferenti alla sfera del diritto privato saranno, dunque, oggetto dei corsi i principali istituti del diritto privato, del diritto commerciale, del diritto tributario, nonché del diritto del lavoro; in diritto pubblico, invece, lo studente sarà instradato alla comprensione dei principi generali del sistema costituzionale, dell’organizzazione dello Stato e degli altri enti pubblici, della disciplina del rapporto tra i
pubblici poteri ed i soggetti privati (singoli o imprese). In questo quadro verranno affrontate le tematiche del diritto commerciale, del diritto tributario e del diritto del lavoro, nonché quelle relative agli istituti fondamentali del diritto costituzionale e del diritto amministrativo.

Area economica: lo studente dovrà avere conoscenza e capacità di analisi e interpretazione dei fenomeni e dei sistemi economico-sociali. In particolare lo studente acquisirà conoscenze e competenze di storia economica e di economia politica, approfondendo in particolare le
variabili macroeconomiche, la contabilità nazionale, il concetto di debito pubblico, le pressioni inflazionistiche, i livelli produttivi e l’impatto delle politiche monetarie e fiscali.

Area quantitativa: lo studente dovrà avere conoscenza e capacità di comprensione dei fondamentali metodi di analisi quantitativa. In particolare le conoscenze in tale ambito daranno allo studente un'elevata preparazione nella Statistica e nella Matematica applicata all'economia e all'azienda, un'approfondita conoscenza dell'Informatica e dei sistemi di elaborazione e una buona conoscenza della lingua inglese e di una ulteriore lingua dell'Unione Europea.
La verifica del risultato di apprendimento e la capacità di comprensione dei concetti presentati nel corso di studi avviene mediante il coinvolgimento dello studente in aula durante la lezione frontale e nelle forme di didattica interattiva prevista (e.g. lavori di gruppo) e mediante le prove di accertamento delle conoscenze effettuate secondo modalità che possono variare da un insegnamento all’altro e che tipicamente constano di esami scritti con domande a risposte chiuse e aperte e svolgimento di esercizi, esami orali con interazione diretta con il docente.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and understanding)
Il corso di laurea prevede l’acquisizione della capacità di applicare le conoscenze e competenze acquisite in più aree disciplinari: aziendali, giuridiche, economiche e quantitative.

Area aziendale: gli studenti dovranno essere in grado di analizzare problemi di funzionamento e governo economico delle imprese e le specifiche situazioni aziendali, definire le variabili essenziali per la formulazione della strategia aziendale.
Dovranno inoltre acquisire le modalità di costruzione, analisi e interpretazione dei risultati di sintesi della gestione attraverso la comprensione dei bilanci e l’applicazione dei principi contabili nazionali ed internazionali, così da essere in grado di assicurare un efficace funzionamento dei sistemi di amministrazione e controllo. Dovranno acquisire la capacità di organizzare, gestire e analizzare dati di fenomeni economico-aziendali e affrontare problemi decisionali in aziende del settore privato o pubblico.
Durante il corso gli studenti sono chiamati ad applicare i modelli teorici presentati durante le lezioni a specifici casi concreti.

Area giuridica: gli studenti avranno la capacità di applicare le conoscenze giuridiche al contesto d’impresa nel complesso dei rapporti che la stessa può avere sia nella sfera privatistica che in quella pubblicistica.
Al termine dei corsi gli studenti saranno in grado di applicare gli strumenti di base per la comprensione dei fenomeni giuridici pubblici e privati nonché di comprendere i collegamenti fra le norme e l’applicazione delle norme nei casi concreti

Area economica: gli studenti dovranno essere in grado di analizzare i fenomeni economici di carattere generale. In particolare saranno capaci di utilizzare le variabili macroeconomiche, individuare le voci di contabilità nazionale nonché di commentare la modalità di costruzione del debito pubblico, dell’inflazione e l’impatto delle politiche monetarie e fiscali.

Area quantitativa: lo studente dovrà essere in grado di applicare le conoscenze di analisi quantitativa al contesto di impresa. In particolare lo studente saprà utilizzare e comprendere i diversi metodi statistici e di matematica applicata all'economia e all'azienda, i diversi sistemi di elaborazione dei dati e di parlare e comprendere propriamente l'inglese ed almeno una ulteriore lingua dell'Unione Europea.
Gli studenti dovranno essere in grado di utilizzare le conoscenze interdisciplinari di base e gli schemi interpretativi delle scienze economiche e sociali.
La verifica della capacità di applicare le conoscenze acquisite avviene sia nelle prove scritte sia in quelle orali mediante la richiesta esplicita di indicare esempi di concreta applicazione dei concetti, ovvero chiedendo agli studenti di effettuare ricerche specifiche allo scopo di confrontare effettive esperienze aziendali di applicazione dei concetti studiati che concorrono alla valutazione dell’apprendimento nei singoli insegnamenti.

Autonomia di giudizio (making judgements)
Gli studenti dovranno sviluppare capacità di raccolta, elaborazione, analisi e interpretazione dei dati e degli elementi conoscitivi ritenuti utili a formulare giudizi autonomi sull’economia e l’amministrazione delle imprese, nelle sue molteplici manifestazioni, inclusa la riflessione su temi economici, sociali ed etici di carattere generale. Il conseguimento dell’autonomia di giudizio si fonda sulla proposta di modelli di analisi e interpretazione dei fenomeni tali da offrire un efficace schema di riferimento per l’inquadramento delle conoscenze acquisite durante il corso di studi. A tale scopo, nell’ambito dei singoli insegnamenti si mira a promuovere negli studenti l’acquisizione critica dei modelli concettuali e lo sviluppo di conoscenze idonee ad interpretare i fenomeni economici e il funzionamento delle imprese. La verifica della autonomia di giudizio viene esplicitamente effettuata, sia in forma scritta che in forma orale nell’ambito delle prove di profitto, mediante la richiesta di confronti critici tra concetti, modelli e loro applicazioni specifiche, nonché nella stesura della tesi di laurea.

Abilità comunicative (communication skills)
Gli studenti sono stimolati a sviluppare capacità di lavorare in team e comunicare informazioni, idee, problemi e soluzioni a interlocutori specialisti e non specialisti, con riguardo sia ai temi economici di carattere generale sia agli aspetti specifici riferiti all’ambito dell’economia e amministrazione delle imprese. In particolare, attraverso l’utilizzo delle nuove tecnologie e dei supporti alla didattica, gli studenti sono stimolati a presentare elaborati personali e di gruppo, ottenuti anche grazie alla continua interazione con i docenti. La valutazione delle raggiunte abilità comunicative avverrà attraverso la discussione in aula e le presentazioni alle quali lo studente sarà chiamato, nonché nella preparazione di saggi e relazioni di sintesi chiedendo agli studenti di utilizzare le principali tecnologie di supporto alla presentazione (ad esempio, lavagna luminosa, video proiettori, software di presentazione, ecc.) e infine della tesi di laurea stessa.

Capacità di apprendimento (learning skills)
Gli studenti sono stimolati a sviluppare le capacità di apprendimento, analisi ed elaborazione individuale che sono necessarie per intraprendere studi successivi con un elevato grado di autonomia, spirito imprenditoriale e livello di approfondimento scientifico. Grazie al supporto continuo dei docenti, gli studenti sono aiutati a selezionare e integrare le diverse fonti informative relative agli oggetti di studio e di indagine, individuare i corretti modelli disciplinari, elaborare in modo coerente con gli obiettivi prefissati i dati relativi ai fenomeni economici e alle specifiche situazioni aziendali. Queste forme di approfondimento, sia che siano svolte all’interno di insegnamenti, sia che siano relative alla prova finale richiedono al docente tutor/relatore la verifica dell’acquisizione delle capacità di apprendimento; tale verifica si pone in relazione con la capacità dei singoli di superare barriere di tipo teorico (ricerca ed acquisizione dei modelli adeguati) sia di ordine pratico (capacità di accedere al materiale e di elaborarlo in modo coerente con gli obiettivi prefissati). In tal senso sono oggetto di verifica e valutazione i risultati raggiunti ma anche la metodologia utilizzata per raggiungerli.
La verifica dell'acquisizione della capacità di apprendimento avviene attraverso l'esame dei lavori (saggi e relazioni) presentati dal candidato nonché le verifiche di profitto e la tesi di laurea.

Insegnamenti

Prova finale

La prova finale per il conseguimento del titolo di studio prevede una breve relazione scritta concernente un argomento relativo ad una disciplina studiata, senza discussione orale (proclamazione).
Dettagli sulle modalità di sostenimento della prova e per la determinazione del punteggio finale sono disponibili sul sito web, all’indirizzo http://www.economia.unimib.it

Sbocchi occupazionali

1.Specialisti della gestione e del controllo nelle imprese private

funzione in un contesto di lavoro:
Esperto nei sistemi di amministrazione, nei sistemi contabili, nei sistemi di controllo di imprese di dimensioni medio-piccole

competenze associate alla funzione:
Le conoscenze acquisite in ambito economico aziendale, in particolare per quanto riguarda la contabilità, il bilancio, la gestione ed organizzazione aziendale, tecnica professionale, forniscono una efficace base per l'accesso al percorso di studi al secondo livello nell'area economico-aziendale, forniscono altresì un' adeguata preparazione all'esame di stato, previo tirocinio, per l'esercizio dell'attività di Revisore Contabile e una preparazione adeguata ad intraprendere l’attività libero professionale di Esperto contabile, da svolgere previo praticantato e superamento dell’esame di stato per tale professione ordinistica

sbocchi professionali:
Assistente al direttore Amministrativo di imprese di medio-grandi dimensioni; junior Controller, junior auditor, consulente junior nell’ambito di imprese di consulenza e nell’ambito di società di revisione; capo contabile e responsabile amministrativo di imprese di piccole dimensioni.

2.Specialisti in contabilità - (2.5.1.4.1)

funzione in un contesto di lavoro:
Il corso di laurea si propone di formare professionalità di elevato livello nel campo della formazione e predisposizione dei bilanci d'esercizio, nella tenuta, coordinamento e controllo della contabilità aziendale finalizzata al bilancio d’esercizio; il laureato in economia e amministrazione delle imprese è in grado di supportare i responsabili/direttori di funzione nella predisposizione dei diversi budget aziendali e nel predisporre i diversi reporting gestionali analizzando gli scostamenti rispetto ai dati di budget; inoltre le particolari conoscenze contabili e di bilancio acquisite durante il corso gli consentono di gestire in autonomia le rilevazioni contabili aziendali, con le relative implicazioni fiscali e di svolgere adeguate verifiche e controlli sulle procedure amministrative, contabili e di bilancio di una azienda.

competenze associate alla funzione:
Le conoscenze acquisite forniscono una efficace base per l'accesso al percorso di studi al secondo livello nell'areaeconomico-aziendale, forniscono altresì un' adeguata preparazione all'esame di stato, previo tirocinio, per l'esercizio dell'attività di Revisore Contabile e una preparazione adeguata ad intraprendere l’attività libero professionale di Esperto contabile, da svolgere previo praticantato e superamento dell’esame di stato per tale professione ordinistica

sbocchi professionali:
Il corso di laurea si propone di formare professionalità di: capo contabile e responsabile amministrativo di piccole imprese; consulente amministrativo, junior controller; il corso inoltre consente di accedere alla professione di Revisore ed Esperto contabile previo svolgimento del tirocinio/praticantato richiesto per svolgere l’esame di stato richiesto da tali professioni regolamentate.

5.Specialisti dell'economia aziendale - (2.5.3.1.2)

funzione in un contesto di lavoro:
Le conoscenze acquisite forniscono una efficace base per l'accesso al percorso di studi al secondo livello nell'area economico-aziendale ed in particolare permettono di svolgere attività di gestione di imprese di media complessità, in particolare nelle funzioni di amministrazione, gestione, controllo, commerciale e vendite

competenze associate alla funzione:
Il corso di laurea si propone di formare professionalità che siano in grado di gestire efficacemente le problematiche tipiche delle diverse funzioni aziendali tipiche di imprese di medio-piccole dimensioni.

sbocchi professionali:
Si propongono di formare professionalità nelle funzioni di amministrazione, gestione, controllo, commerciali e fiscali di imprese medio piccole, in cui il laureato può assumere il ruolo di responsabile della specifica funzione aziendale o assistente al direttore di funzione nell’ambito delle grandi imprese. Nell’ambito di imprese di consulenza il laureato può efficacemente svolgere il ruolo di consulente.

1.Specialisti della gestione e del controllo nelle imprese private

funzione in un contesto di lavoro:
Esperto nei sistemi di amministrazione, nei sistemi contabili, nei sistemi di controllo di imprese di dimensioni medio-piccole

competenze associate alla funzione:
Le conoscenze acquisite in ambito economico aziendale, in particolare per quanto riguarda la contabilità, il bilancio, la gestione ed organizzazione aziendale, tecnica professionale, forniscono una efficace base per l'accesso al percorso di studi al secondo livello nell'area economico-aziendale, forniscono altresì un' adeguata preparazione all'esame di stato, previo tirocinio, per l'esercizio dell'attività di Revisore Contabile e una preparazione adeguata ad intraprendere l’attività libero professionale di Esperto contabile, da svolgere previo praticantato e superamento dell’esame di stato per tale professione ordinistica

sbocchi professionali:
Assistente al direttore Amministrativo di imprese di medio-grandi dimensioni; junior Controller, junior auditor, consulente junior nell’ambito di imprese di consulenza e nell’ambito di società di revisione; capo contabile e responsabile amministrativo di imprese di piccole dimensioni.

Fiscalisti e tributaristi - (2.5.1.4.2)

funzione in un contesto di lavoro:
Le conoscenze acquisite nel corso di (diritto tributario, finanza pubblica, tecnica professionale) consentono di poter gestire in autonomia i complessi adempimenti fiscali richiesti dalla normativa relativa alle imposte indirette (tenuta registri Iva, liquidazioni Iva, versamenti Iva, ecc..) e di supportare in modo efficace il direttore amministrativo nell’ambito degli adempimenti richiesti dalla normativa fiscale in materia di imposte dirette.

competenze associate alla funzione:
Le competenze acquisite costituiscono una valida base per l'acceso al percorso di studi di secondo livello in area economico aziendale, preparano alla professione di assistente al responsabile dell’ufficio fiscale di aziende medio-grandi, nonché di intraprendere l’attività libero professionale di Esperto contabile, da svolgere previo praticantato e superamento dell’esame di stato per tale professione ordinistica.

sbocchi professionali:
Consulente junior in società di consulenza fiscale, assistente al responsabile fiscale di aziende medio grandi con particolare riferimento alla fiscalità diretta e indiretta; il corso inoltre consente di accedere alla professione di Revisore ed Esperto contabile previo svolgimento del tirocinio/praticantato richiesto per svolgere l’esame di stato richiesto da tali professioni regolamentate.
Il corso inoltre fornisce una adeguata preparazione utile ad affrontare le tematiche previste nei concorsi pubblici dell’Agenzia delle Entrate.

5.Specialisti dell'economia aziendale - (2.5.3.1.2)

funzione in un contesto di lavoro:
Le conoscenze acquisite forniscono una efficace base per l'accesso al percorso di studi al secondo livello nell'area economico-aziendale ed in particolare permettono di svolgere attività di gestione di imprese di media complessità, in particolare nelle funzioni di amministrazione, gestione, controllo, commerciale e vendite

competenze associate alla funzione:
Il corso di laurea si propone di formare professionalità che siano in grado di gestire efficacemente le problematiche tipiche delle diverse funzioni aziendali tipiche di imprese di medio-piccole dimensioni.

sbocchi professionali:
Si propongono di formare professionalità nelle funzioni di amministrazione, gestione, controllo, commerciali e fiscali di imprese medio piccole, in cui il laureato può assumere il ruolo di responsabile della specifica funzione aziendale o assistente al direttore di funzione nell’ambito delle grandi imprese. Nell’ambito di imprese di consulenza il laureato può efficacemente svolgere il ruolo di consulente.

Valutazione degli studenti

Docenti di riferimento
SCIENZA DELLE FINANZE (SECS-P/03)
STATISTICA (SECS-S/01)
ISTITUZIONI DI DIRITTO PUBBLICO (IUS/09)
ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE (SECS-P/08)
DIRITTO TRIBUTARIO (IUS/12)
ECONOMIA AZIENDALE (SECS-P/07)
ECONOMIA POLITICA (SECS-P/01)
DIRITTO PRIVATO (IUS/01)
ECONOMIA AZIENDALE (SECS-P/07)
DIRITTO COMMERCIALE (IUS/04)
METODI MATEMATICI DELL'ECONOMIA E DELLE SCIENZE ATTUARIALI E FINANZIARIE (SECS-S/06)
DIRITTO PRIVATO (IUS/01)