Specifiche sul corso

Area del corso: 
Dipartimento: 
DIPARTIMENTO DI MATEMATICA E APPLICAZIONI
Tipo di corso: 
Laurea triennale (DM 270)
Anno accademico: 
2017/2018
Durata in anni: 
3
Crediti: 
180
Sede: 
MILANO
Lingua: 
Italiano
Modalita' didattica dell'ordinamento: 
Convenzionale

Norme per l'accesso

Sono richieste le conoscenze generalmente impartite nella scuola media superiore, con particolare riferimento all'algebra e alla geometria elementari.
Si consiglia di consultare anche il Syllabus predisposto dall' Unione Matematica Italiana.

Modalità di ammissione

Da un punto di vista curricolare, sono richieste le conoscenze generalmente impartite nella scuola media superiore, con particolare riferimento all'algebra e alla geometria elementari. È d'altronde auspicabile che coloro che intendano iscriversi al corso di Laurea in Matematica abbiano una certa attitudine al ragionamento scientifico, un interesse intellettuale per discipline che presuppongano atteggiamenti critici, e un gusto per l'astrazione non disgiunto da quello della modellizzazione rivolta alla soluzione di problemi concreti.

Per potersi immatricolare, gli studenti devono sostenere una prova di ingresso per la verifica delle conoscenze scientifiche di base, che consiste in domande a risposta multipla di carattere logico - matematico e fisico e sarà effettuata nelle date che saranno pubblicate alla pagina web www.scienze.unimib.it a cui si rimanda per ulteriori approfondimenti.

Tale prova è finalizzata a favorire l'inserimento nel percorso didattico e permetterà di organizzare specifiche attività di supporto da offrire alle matricole per le quali si evidenziassero eventuali carenze. L'iscrizione al Corso di Laurea in Matematica è consentita ma sconsigliata a coloro le cui carenze persistano anche dopo lo svolgimento di queste attività. Le attività di supporto agli studenti per i quali siano state accertate carenze di conoscenza in matematica di base saranno costituite da un corso intensivo di richiamo in matematica a frequenza obbligatoria. A chi non superi la prova di valutazione nella sezione matematica di base e nemmeno l'esame del corso di "Richiami di Matematica" sarà fatto obbligo di superare l'esame di "Analisi Matematica I" previsto al primo anno del presente Regolamento, per poter sostenere gli esami degli anni successivi.
A chi non superi la prova di valutazione nella sezione "Fisica" sarà fatto obbligo superare l'esame di "Fisica I" previsto al primo anno del presente Regolamento per poter sostenere l'esame di"Fisica II" previsto al terzo anno del presente Regolamento.

N.B. Per le procedure e i termini di scadenza di Ateneo relativamente alle immatricolazioni / iscrizioni,trasferimenti, presentazione dei Piani di studio si consulti il sito web www.unimib.it.
Oltre all'iscrizione annuale (tempo pieno), lo studente potrà effettuare una iscrizione a crediti (CFU) optando per un impegno a tempo parziale, con le modalità definite nell'art. 9 del Regolamento degli studenti disponibile alla pagina
http://www.unimib.it/go/45702/Home/Italiano/Ateneo/Regolamenti/Regolamento-degli-Studenti

Obiettivi formativi e competenze attese

Coerentemente con il quadro degli obiettivi qualificanti della Classe, il Corso di Laurea in Matematica ha 4 obiettivi formativi specifici:
1. insegnare i fondamenti dell'analisi, dell'algebra, della geometria, della probabilità, della fisica matematica, del calcolo numerico;
2. insegnare le basi delle scienze sperimentali e la loro formalizzazione matematica;
3. insegnare come si analizza un problema concreto, a partire dalla costruzione di un modello matematico fino alla sua risoluzione con i metodi tipici dell'analisi e dell'analisi numerica;
4. fornire una conoscenza di base dei principali strumenti informatici, d'uso nelle scienze matematiche.

In termini di risultati di apprendimento, ci si aspetta che al termine degli studi uno studente di matematica:
1. abbia acquisito una buona padronanza del linguaggio e delle tecniche della matematica e, più in generale, del metodo scientifico;
2. sappia applicare il metodo scientifico all'analisi di problemi teorici e pratici;
3. sia in grado di collaborare con gruppi di lavoro in cui sia richiesto un significativo grado di conoscenze tecnico-scientifiche;
4. sappia spiegare con chiarezza ed esporre con concisione i risultati matematici della propria attività;
5. abbia familiarità con i principali strumenti informatici.

Gli insegnamenti impartiti, in particolare nel terzo anno, sono organizzati in modo da consentire agli studenti di proseguire gli studi di carattere matematico nella Laurea Magistrale o nei Master, approfondendo sia contenuti e metodi fondamentali sia contenuti modellistico-applicativi.
Le modalità e gli strumenti didattici con cui conseguire e verificare i risultati attesi da questo percorso formativo comprendono lezioni, laboratori ed esami, secondo il modello in vigore presso tutte le Università europee.

In termini più dettagliati, espressi tramite i cosiddetti Descrittori europei del titolo di studio (DM 16/03/2007, art. 3, comma 7), i risultati di apprendimento attesi e le modalità di conseguimento e verifica degli stessi, sono i seguenti.

CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE
I laureati in matematica:
- conoscono i fondamenti dell'analisi (calcolo differenziale e integrale in una e più variabili), dell'algebra (algebra lineare, strutture algebriche fondamentali), della geometria (topologia, geometria di curve e superfici), del calcolo delle probabilità, della fisica matematica, del calcolo numerico;
- conoscono e comprendono le applicazioni di base della Matematica alla Fisica e all'Informatica;
- hanno adeguate competenze computazionali e informatiche, inclusi linguaggi di programmazione e software specifici;
- sono in grado di leggere e comprendere testi anche avanzati di Matematica, e di consultare articoli di ricerca.
Le capacità sopra delineate sono conseguite attraverso la frequenza a corsi di lezioni ed esercitazioni e verificate mediante prove d'esame scritte e orali. Sono anche previste attività continuative di tutorato, nonché specifiche attività di laboratorio per sviluppare le conoscenze di calcolo numerico, simbolico e di programmazione.

CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZE E COMPRENSIONE
I laureati in Matematica sono in grado di:
- produrre dimostrazioni rigorose di risultati matematici non identici a quelli già conosciuti ma chiaramente correlati a essi;
- risolvere problemi di moderata difficoltà in diversi campi della matematica;
- formalizzare matematicamente problemi di moderata difficoltà formulati nel linguaggio naturale, e di trarre profitto da questa formulazione per chiarirli o risolverli;
- estrarre informazioni qualitative da dati quantitativi;
- utilizzare strumenti informatici e computazionali come supporto ai processi matematici, e per acquisire ulteriori informazioni.
La capacità di applicare le conoscenze acquisite è conseguita durante lo svolgimento delle esercitazioni e dei laboratori, e verificata in tali sedi, richiedendo allo studente di risolvere problemi e questioni concrete, opportunamente graduati nel corso degli studi.

Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative:
- TEST DI VALUTAZIONE DELLA PREPARAZIONE INIZIALE
- ALGEBRA I
- ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA
- ANALISI MATEMATICA I
- FISICA I
- GEOMETRIA I
- LABORATORIO DI MATEMATICA E INFORMATICA
- ALGEBRA II
- ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE
- ANALISI MATEMATICA II
- CALCOLO NUMERICO
- GEOMETRIA II
- SISTEMI DINAMICI E MECCANICA CLASSICA
- TEORIA DELLA MISURA
- CALCOLO DELLE PROBABILITÀ
- FISICA II
- ELABORAZIONE DI TESTI MATEMATICI (ICT)

AUTONOMIA DI GIUDIZIO
I laureati in Matematica:
- sono in grado di costruire e sviluppare argomentazioni logiche con una chiara identificazione di assunti e conclusioni;
- sono in grado di riconoscere dimostrazioni corrette, e di individuare ragionamenti fallaci;
- sono in grado di proporre e analizzare modelli matematici associati a situazioni concrete derivanti da altre discipline, e di usare tali modelli per facilitare lo studio della situazione originale;
- hanno esperienza di lavoro di gruppo pur essendo dotati di buona autonomia.
I metodi didattici adottati fin dai primi corsi mirano ad addestrare gli studenti allo sviluppo precoce di abilità logiche e critiche, che permettano il riconoscimento di ragionamenti fallaci, la conquista del rigore dimostrativo e della precisione del linguaggio, e un uso appropriato del metodo assiomatico. Queste capacità sono monitorate costantemente nel corso degli studi, e verificate attraverso seminari, compiti o progetti individuali, atti a valutare il contributo personale dello studente.

ABILITÀ COMUNICATIVE
I laureati in Matematica sono in grado di:
- comunicare problemi, idee e soluzioni riguardanti la Matematica, sia proprie sia di altri autori, a un pubblico specializzato o generico, nella propria lingua e in inglese, sia in forma scritta che orale;
- dialogare con esperti di altri settori, riconoscendo la possibilità di formalizzare matematicamente situazioni di interesse applicativo, industriale o finanziario e formulando gli adeguati modelli matematici a supporto di attività in svariati ambiti.
Queste capacità sono verificate in concreto attraverso esposizioni da parte dello studente di temi proposti dai docenti, nonché durante la partecipazione a seminari o stage.

CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO
I laureati in Matematica:
- sono in grado di proseguire gli studi, sia in Matematica che in altre discipline, con un alto grado di autonomia;
- hanno una mentalità flessibile e sono in grado di inserirsi prontamente negli ambienti di lavoro, adattandosi facilmente a nuove problematiche.
La verifica di queste capacità (con particolare attenzione all’abilità di integrare nuove conoscenze con quelle precedentemente acquisite, e di valutarle criticamente) risulterà dal bilancio globale delle verifiche precedenti, e culminerà nella valutazione dei risultati raggiunti nella compilazione della tesi relativa alla prova finale.

Insegnamenti

Prova finale

La prova finale consiste nella presentazione e discussione orale di una relazione scritta sull'attività svolta dallo studente, sotto la supervisione di un docente tutore.
Fa parte integrante della prova finale l’avvenuta acquisizione delle ulteriori abilità informatiche ad essa correlate.

Sbocchi occupazionali

MATEMATICO.
I profili professionali che si intendono formare sono quelli corrispondenti ai codici ISTAT che definiscono le professioni di matematico, statistico e professioni correlate (Codici ISTAT 2.1.1.3.1).

funzione in un contesto di lavoro:
I laureati in Matematica avranno un profilo professionale atto a svolgere attività lavorative nel campo della diffusione della cultura scientifica, nonché del supporto modellistico-matematico e computazionale ad attività dell'industria, della finanza e dei servizi, e nella pubblica amministrazione.

competenze associate alla funzione:
La Laurea in Matematica non è immediatamente professionalizzante. Il laureato in Matematica è tuttavia in grado di inserirsi velocemente in diversi contesti lavorativi.

sbocchi professionali:
Dei laureati nel 2014, intervistati a 12 mesi dalla laurea, il 90% (contro il 74% dell'ateneo) ha dichiarato di lavorare (di cui il 39% svolge attività lavorativa nel mondo della Ricerca e dell'Insegnamento) e il 20% (contro il 16% dell'ateneo) di studiare e/o svolgere un tirocinio. Il 7,5% dichiara di essere soddisfatto, contro il 7,2% dell'ateneo.

Riguardo alla soddisfazione degli studenti in ambito lavorativo successivo alla laurea, si osserva che dei laureati intervistati nel 2014 da AlmaLaurea, il 15% (contro il 39% di Ateneo) dichiara di utilizzare nel lavoro in misura elevata le competenze acquisite con la laurea.

Valutazione degli studenti

Docenti di riferimento
GEOMETRIA (MAT/03)
PROBABILITA' E STATISTICA MATEMATICA (MAT/06)
GEOMETRIA (MAT/03)
GEOMETRIA (MAT/03)
ANALISI MATEMATICA (MAT/05)
ANALISI MATEMATICA (MAT/05)
ANALISI MATEMATICA (MAT/05)
FISICA MATEMATICA (MAT/07)
GEOMETRIA (MAT/03)
ALGEBRA (MAT/02)
ANALISI NUMERICA (MAT/08)
ANALISI NUMERICA (MAT/08)
ANALISI NUMERICA (MAT/08)
ALGEBRA (MAT/02)