Ammissione al corso

Con l’applicazione del D.M. 270/2004, l’accesso ai corsi di laurea magistrale è subordinato al possesso di specifici requisiti curriculari e alla adeguatezza della personale preparazione verificata dalle strutture accademiche competenti con modalità definite nei Regolamenti didattici.

Per l’ammissione al Corso di Laurea magistrale ad accesso libero sono indicate in allegato scadenze e modalità per la presentazione della domanda di valutazione della carriera e partecipare alla seconda finestra di ammissione per l’a.a. 2017/18. 

Specifiche sul corso

Area del corso: 
Dipartimento: 
DIPARTIMENTO DI SOCIOLOGIA E RICERCA SOCIALE
Tipo di corso: 
Corso di Laurea Magistrale
Anno accademico: 
2017/2018
Durata in anni: 
2
Sede: 
MILANO
Lingua: 
Italiano
Modalita' didattica dell'ordinamento: 
Convenzionale

Norme per l'accesso

I requisiti di accesso sono dati dalla padronanza delle conoscenze teoriche e metodologiche di base della sociologia. In particolare è richiesto il possesso di 30 crediti negli ambiti disciplinari della sociologia, della metodologia della ricerca sociale e della statistica, con riferimento ai seguenti settori scientifico-disciplinari: da SPS/02 a SPS/10 e SECS-S/01.

Per i laureati nelle seguenti classi ex D.M. 270/04:
- Sociologia (L-40)
- Scienze politiche e delle relazioni internazionali (L-36)
- Servizio Sociale (L-39)
- Scienze della comunicazione (L-20)
- Scienze dell'educazione e della formazione (L-19)
- Scienze dell'amministrazione e dell'organizzazione (L-16)
oppure delle classi di laurea ex D.M. 509/99 (e lauree quadriennali delle classi corrispondenti)
- classe 36 - Scienze sociologiche
- classe 15 - Scienze politiche e delle relazioni internazionali
- classe 6 - Scienze del servizio sociale
- classe 14 - Scienze della comunicazione
- classe 18 - Scienze dell'educazione e della formazione
- classe 19 - Scienze dell'amministrazione
si presume che tali requisiti siano già forniti dal curriculum di studio triennale.

E’ richiesta altresì la conoscenza di una lingua dell’ Unione Europea tra Francese, Inglese, Tedesco e Spagnolo, di livello B2 o equivalente.
La verifica dei requisiti e della personale preparazione è prevista per tutti gli studenti.

Modalità di ammissione

Verificati i requisiti curriculari, l'ammissione al corso è condizionata alla valutazione dell'adeguatezza della personale preparazione mediante colloquio davanti ad apposita Commissione.
La conoscenza di una lingua dell'Unione Europea tra Francese, Inglese, Tedesco e Spagnolo, di livello B2 o equivalente potrà essere verificata con una delle seguenti modalità:
- certificazione rilasciata dall'Ateneo o da Ente accreditato dall'Ateneo, corrispondente al livello B2;
- esame da almeno 5 CFU risultante dalla carriera pregressa;
- superamento della prova di Ateneo prevista nel mese di settembre.

Le modalità e le tempistiche saranno pubblicate sul sito di Ateneo www.unimib.it e nel Manifesto degli studi pubblicato dal Dipartimento nel mese di giugno.
Il contingente di posti riservati ai cittadini extra UE non soggiornanti in Italia per l'a.a. 2017/2018 è in numero di 2.

Obiettivi formativi e competenze attese

Il corso di laurea magistrale in Analisi dei processi sociali intende far acquisire agli studenti un'elevata padronanza nell'uso degli strumenti logico-concettuali e tecnici, in senso interdisciplinare e operativo, utili per la ricerca sociale.
La società contemporanea richiede l'impiego di figure professionali capaci di leggere la società nelle sue dinamiche di sviluppo. In questo quadro, la costruzione del percorso di studi della laurea magistrale in Analisi dei processi sociali ha come obiettivo principale quello di dotare gli studenti, oltre che di competenze metodologiche e tecniche estese, delle capacità di riflessione epistemologica necessarie ad orientare l'attività di ricerca nei nuovi spazi che si aprono alla ricerca sociale. In particolare, si vuole fornire un'attività formativa avanzata che consenta agli studenti una conoscenza sistematica delle categorie sociologiche, utili sia ad una interpretazione adeguata dei processi di trasformazione della società contemporanea, sia per lo sviluppo di un'attività di progettazione e di analisi.
Il percorso formativo si articola pertanto in insegnamenti comuni metodologici, al primo anno, insegnamenti relativi ad approfondimenti tematici negli ambiti dell'organizzazione del lavoro, dei processi culturali e comunicativi nelle società complesse e, delle politiche e dei sistemi territoriali al secondo anno.
A tal fine potranno essere attivati curricula che consentano, attraverso la diversificazione degli ambiti caratterizzanti, di attivare insegnamenti specifici negli ambiti sopra descritti.
Per meglio collocare l'esperienza del mondo del lavoro e introdurre gli studenti ai problemi pratici della ricerca, sempre al secondo anno, sono previste, oltre alla prova finale, attività di stage presso quelle strutture che rappresenteranno la loro destinazione professionale (istituti demoscopici, osservatori provinciali, aziende di marketing, centri studi, team di ricerca universitaria).
Il percorso formativo previsto nel corso di laurea magistrale costituisce, inoltre, una base ottimale per la partecipazione al Dottorato di ricerca.

I risultati di apprendimento attesi, espressi tramite i Descrittori europei del titolo di studio, sono i seguenti:
Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Il laureato acquisirà conoscenze utili a predisporre e a svolgere attività di ricerca empirica su temi cruciali per la comprensione del mutamento sociale contemporaneo e per la programmazione di interventi pubblici. Data l'ampiezza del bagaglio metodologico e teorico fornito, i laureati saranno in grado di interpretare adeguatamente le dinamiche sociali, nonché di elaborare dei progetti di innovazione sociale.
Il conseguimento di tale obiettivo formativo sarà verificato mediante valutazioni di natura variabile a seconda del tipo di attività formativa (prove di esame scritte e/o orali, discussione critica individuale e/o di gruppo delle attività svolte).
Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and understanding)
Il corso prepara studiosi, analisti e amministratori capaci, per l'ampiezza della cultura acquisita e la padronanza dei principi e dei metodi della ricerca sociale, di interpretare con rigore scientifico le problematiche del mutamento ed elaborare appropriati ed efficaci interventi sociali.
Il conseguimento di tale obiettivo formativo sarà verificato mediante valutazioni di natura variabile a seconda del tipo di attività formativa (prove di esame scritte e/o orali, discussione critica individuale e/o di gruppo delle attività svolte). Al fine di introdurre gli studenti alle problematiche della ricerca sociale e di collegare le conoscenze alla realtà sociale sono previste altresì attività di laboratorio connesse agli insegnamenti nonché stage in organizzazioni che rappresentano la destinazione professionale dei laureati.

Il corso di studi prevede quattro aree di apprendimento, una corrispondente al core metodologico e tre riferite ai curricula previsti dal corso:
1) Core metodologico
2) Area Città e territorio
3) Area Lavoro, imprese e società
4) Area Società della conoscenza
che permettono di acquisire le seguenti competenze necessarie (con riferimento ai Descrittori europei dei titoli di studio):

1) Core metodologico
a) Conoscenza e comprensione (knowledge and understanding)
Il primo anno di corso intende fornire conoscenze relative alle principali questioni metodologiche inerenti all’impostazione e alla realizzazione di ricerche sociologiche quantitative e qualitative e all'analisi dei relativi dati. Inoltre, gli insegnamenti erogati hanno l’obiettivo di fornire agli studenti capacità di impostazione e sviluppo di progetti scientifici, concentrandosi sulla fase del disegno della ricerca sia in ottica comparata sia per quanto riguarda lo studio di caso.
b) Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and understanding)
I moduli erogati nel primo anno del corso di laurea magistrale pongono l’attenzione sulla trasmissione delle competenze e sulla capacità di applicazione delle principali tecniche quantitative e qualitative per l’analisi e l’interpretazione dei fenomeni sociali, con particolare riferimento a:
- applicazione delle competenze tecnico-metodologiche relative al rilevamento e al trattamento dei dati;
- analisi e interpretazione dei fenomeni sociali;
- gestione di progetti di ricerche sociologiche quantitative e qualitative;
- uso critico delle fonti dei dati per le scienze sociali;
- organizzazione e gestione delle banche dati.
Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative:
L’inferenza causale e la valutazione d’impatto delle politiche
Introduzione alle logiche non standard dell’azione sociale
Analisi quantitativa dei fenomeni sociali
Analisi multilivello e multivariata
Etnografia e analisi del discorso
L’arte di costruire case studies
La logica e il metodo della comparazione nelle scienze sociali
Ricerca sociale qualitativa

2) Area Città e territorio
a) Conoscenza e comprensione (knowledge and understanding)
Il curriculum Città e territorio intende fornire agli studenti conoscenze approfondite nel settore degli studi urbani, con particolare attenzione all’analisi:
- delle trasformazioni socio-demografiche, economiche, culturali e ambientali delle città e dei sistemi territoriali contemporanei;
- delle politiche urbane per la pianificazione/progettazione territoriale, la sostenibilità e la mobilità, lo sviluppo, la promozione e la rigenerazione, la sicurezza e la qualità della vita;
- delle attività di governance, di mediazione degli interessi e dei conflitti e dei processi partecipativi.
b) Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and understanding)
Il curriculum si pone l’obiettivo di trasmettere agli studenti la capacità di applicare le conoscenze acquisite alla comprensione dei fenomeni sociali in atto, con il supporto di metodologie e tecniche idonee a leggere e a decodificare i processi di mutamento in chiave socio-territoriale.
Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative:
Geografia politica urbana
Le politiche per la sicurezza urbana
Città e qualità della vita (con laboratorio)
Politiche urbane (con laboratorio)
La città europea (con laboratorio)

3) Area Lavoro, imprese e società
a) Conoscenza e comprensione (knowledge and understanding)
Il curriculum Lavoro, imprese e società intende fornire conoscenze e capacità di comprensione nell’ambito dei processi economici e del lavoro. Particolare attenzione viene dedicata alle dimensioni di ricerca, analisi e sviluppo in relazione a:
- processi di regolazione dei sistemi economici e dei mercati del lavoro, con particolare riferimento al contesto dell’Unione Europea;
- organizzazioni complesse e ai sistemi di gestione e di sviluppo delle risorse umane;
- studio delle condizioni di lavoro e di non-lavoro in ottica microsociologica;
- politiche del lavoro e della sicurezza sociale.
b) Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and understanding)
Il curriculum si pone l’obiettivo di trasmettere capacità di comprensione e competenze di misurazione e analisi dei fenomeni economici e sociali in atto attraverso metodologie e tecniche utili a leggere e decodificare i processi di mutamento che hanno luogo in questi ambiti.
Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative:
Psicologia del lavoro
Valutazione dei progetti e delle politiche
Lavoro nella società dei servizi (con laboratorio)
Cambiamento organizzativo (con laboratorio)
Capitale sociale e sistemi socio-economici locali (con laboratorio)

4) Area Società della conoscenza
a) Conoscenza e comprensione (knowledge and understanding)
Il curriculum Società della conoscenza intende fornire conoscenze nell'area dell’analisi dei processi culturali e comunicativi e dell’elaborazione di politiche culturali. Particolare attenzione viene posta alle dimensioni di ricerca, analisi e sviluppo in relazione:
- ai processi culturali e comunicativi nelle società complesse, con particolare riferimento al piano istituzionale e alla sfera pubblica;
- alle dinamiche della globalizzazione, ponendo specifica attenzione all’ambito della cittadinanza, all’integrazione multiculturale e alla dimensione di genere;
- alla definizione delle politiche culturali sul territorio.
b) Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and understanding)
Il curriculum si pone l’obiettivo di trasmettere capacità di applicare conoscenze e comprensione relative all’analisi dei fenomeni culturali e comunicativi nella ‘società della conoscenza’ attraverso metodologie e tecniche utili a leggere e decodificare i processi di mutamento in atto.
Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative:
Cittadinanza: conflitti, diritti, genere
Globalizzazione e culture politiche
La comunicazione interculturale nell'era globale (con laboratorio)
Tecnoscienza, comunicazione e innovazione (con laboratorio)
Conoscenza pubblica (con laboratorio)

Competenze necessarie trasversali alle aree di approfondimento (con riferimento ai Descrittori europei dei titoli di studio)
c) Autonomia di giudizio (making judgements)
Capacità di approfondire in modo critico e autonomo elementi teorici, tematiche metodologiche e dati empirici relativi ai fenomeni sociali nelle aree del lavoro, della cultura e della comunicazione, del territorio e delle politiche locali; capacità di lavoro in gruppo mantenendo un elevato grado di autonomia. Il conseguimento di questo obiettivo formativo sarà verificato mediante valutazioni informali e formali di natura variabile a seconda del tipo di attività formativa (prove di esame scritte e/o orali, discussione critica individuale e/o di gruppo delle attività svolte).
d) Abilità comunicative (communication skills)
Capacità avanzate di trasmettere le conoscenze e le competenze acquisiti ad interlocutori sia specialisti sia non specialisti, così come di sintetizzare e trasmettere le soluzioni individuate per la risoluzione di problemi pratici interni alle organizzazioni. Il conseguimento di questo obiettivo formativo sarà verificato mediante valutazioni informali e formali di natura variabile a seconda del tipo di attività formativa (prove di esame scritte e/o orali, discussione critica individuale e/o di gruppo delle attività svolte).
e) Capacità di apprendimento (learning skills)
E' richiesta una duplice capacità: di strutturare in modo autonomo percorsi di approfondimento e di ricerca intorno alle problematiche sociali più rilevanti nei settori menzionati; di esprimere abilità di auto-aggiornamento e auto-apprendimento continui. Gli studenti dovranno inoltre maturare un livello di specialistiche conoscenze nel campo sociologico, economico, culturale e territoriale che consenta loro sia di operare sui posti di lavoro, privati e pubblici, sia di continuare gli studi in Master di II livello e dottorati. Il conseguimento di questo obiettivo formativo sarà verificato mediante valutazioni informali e formali di natura variabile a seconda del tipo di attività formativa (prove di esame scritte e/o orali, discussione critica individuale e/o di gruppo delle attività svolte).

Insegnamenti

Prova finale

La prova finale per il conseguimento del titolo di studio prevede una discussione orale, di fronte ad apposita commissione, di un elaborato scritto, anche in lingua inglese e anche in co-tutela con una Università straniera, su un tema a scelta dallo studente e congruente con il percorso formativo.
L'elaborato potrà approfondire il tema prescelto non solo in chiave teorica, ma anche sulla base di un lavoro di ricerca empirica ad esso relativo.
Alla valutazione complessiva dei risultati conseguiti nel Corso di Laurea concorrono la media ponderata delle votazioni d'esame e il voto riportato nella prova finale.

Sbocchi occupazionali

Sociologo e professionisti nel campo della ricerca sociale in grado di analizzare i fenomeni sociali complessi tipici delle società contemporanee

funzione in un contesto di lavoro:
- costruzione e gestione di progetti di ricerche sociologiche quantitative e qualitative;
- organizzazione e gestione delle banche dati;
- redazioni di report;
- coordinamento delle attività di ricerca e presentazione dei Risultati con l'ausilio di strumenti multimediali;
- organizzazione delle risorse umane;
- attività didattica e formativa.

competenze associate alla funzione:
Compiti di progettazione, gestione, organizzazione, controllo, coordinamento, in ambito pubblico e privato, a livello nazionale e internazionale relativi a:
- rilevamento e trattamento dei dati;
- uso critico delle fonti dei dati per le scienze sociali;
- analisi e interpretazione dei fenomeni sociali;
- comunicazione;
- gestione di contesti organizzativi;
- progettazione;
- didattica e formazione.

sbocchi professionali:
- direzione delle risorse umane in aziende pubbliche, private e non profit;
- società di consulenza e di direzione e Fondazioni di ricerca sull’organizzazione, il lavoro, il cambiamento e la progettazione organizzativa;
- istituzioni preposte all’analisi sociale e alla formulazione di politiche culturali, sociali e del lavoro;
- settore delle ricerche sull’opinione pubblica, servizi per le imprese, servizi in area culturale e comunicativa;
- uffici marketing, stampa, del personale;
- ONG che agiscono in campo culturale, delle politiche e degli interventi di sostegno.

Valutazione degli studenti

Docenti di riferimento
FILOSOFIA POLITICA (SPS/01)
ECONOMIA POLITICA (SECS-P/01)
SOCIOLOGIA DEI PROCESSI CULTURALI E COMUNICATIVI (SPS/08)
SOCIOLOGIA GENERALE (SPS/07)
SOCIOLOGIA GENERALE (SPS/07)
SOCIOLOGIA DELL'AMBIENTE E DEL TERRITORIO (SPS/10)