Specifiche sul corso

Area del corso: 
Dipartimento: 
DIPARTIMENTO DI SCIENZA DEI MATERIALI
Tipo di corso: 
Laurea triennale (DM 270)
Anno accademico: 
2020/2021
Posti disponibili: 
100
Durata in anni: 
3
Crediti: 
180
Sede: 
MILANO
Lingua: 
Italiano
Modalita' didattica dell'ordinamento: 
Convenzionale

Norme per l'accesso

Per essere ammessi al Corso di Laurea occorre essere in possesso di un diploma di scuola secondaria di secondo grado o di altro titolo di studio conseguito all'estero, riconosciuto equivalente. Inoltre, è necessario che lo studente sia in possesso, oltre che di una buona cultura generale, delle conoscenze di matematica e di capacità logiche e di comprensione dei testi solitamente acquisite nei percorsi di scuola secondaria di secondo grado. Più in particolare, sono richieste conoscenze di algebra elementare, trigonometria e geometria, quali ad esempio: operazioni e confronto tra numeri reali, ordinamento; proprietà delle potenze; logaritmi e esponenziali; equazioni di primo e di secondo grado; sviluppo binomiale; polinomi (divisione tra polinomi, radice di un polinomio); scomposizione in fattori; disequazioni di primo e secondo grado, disequazioni razionali; sistemi di equazioni di primo grado; coordinate cartesiane; la retta, la parabola, il cerchio; gradi e radianti; funzioni trigonometriche, principali relazioni trigonometriche.

Modalità di ammissione

Il Corso di Laurea ha un accesso programmato al I anno di 100 posti, di cui 3 riservati agli studenti extra UE (richiedenti visto), ulteriori informazioni sulle procedure per l'accesso all'università dei cittadini extra UE residenti all'estero sono reperibili sul sito di Ateneo: https://www.unimib.it/internazionalizzazione/informazioni-studenti-stranieri/studenti-stranieri-extra-ue.
Per l'accesso al Corso di laurea è prevista una prova obbligatoria, finalizzata alla valutazione delle attitudini dei candidati per questo tipo di studio; la selezione è basata sull'esito di tale valutazione, effettuata sulla base del TOLC-S offerto da CISIA, di cui si considereranno le sole tre sezioni riguardanti Matematica di base, Ragionamento e problemi, Comprensione del testo. Per le modalità di iscrizione e di svolgimento della valutazione si rimanda al bando di concorso che sarà pubblicato sul sito di Ateneo (www.unimib.it).

In alternativa all’iscrizione a tempo pieno, lo studente può effettuare un’iscrizione a tempo parziale come indicato all’art. 7.16 del presente regolamento.

Obiettivi formativi e competenze attese

Il Corso di Laurea si colloca nel quadro di riferimento europeo per il settore ottico e optometrico e propone un percorso articolato su tre aree formative o blocchi tematici omogenei: 1) formazione di base in ambito matematico, fisico e chimico, 2) formazione professionalizzante, 3) formazione in ambito bio-medico. L'obiettivo è quello di: (i) fornire allo studente un'adeguata formazione nel settore della fisica classica e moderna, dell'anatomia, fisiologia e istologia umana e oculare, nonché della chimica e (ii) integrare e completare tale formazione con attività teoriche e pratiche più specificatamente professionalizzanti nell'ambito optometrico e contattologico e nei processi industriali che utilizzano o realizzano sistemi ottici e/o optometrici.
Il laureato acquisisce così le conoscenze, le capacità di comprensione e le competenze specifiche nell'ambito dei settori professionali dell'optometria e dell'applicazione di lenti a contatto, nonché le abilità specifiche necessarie per un'analisi optometrica completa e le competenze per proporre gli ausili tecnici più idonei alla soluzione dei problemi di deficit visivo compresa l'eventuale applicazione di lenti a contatto.
Il laureato ha le basi per conoscere la moderna e avanzata strumentazione in uso in una clinica optometrica, che gli consentiranno di utilizzare le varie tecniche rifrattive e funzionali di routine necessarie alla conduzione autonoma e approfondita di un esame optometrico del sistema visivo.

Risultati di apprendimento attesi, espressi tramite i descrittori europei del titolo di studio (dm 16/03/2007, art. 3, comma 7):

AREA 1 - Formazione di base in ambito matematico, fisico e chimico

Conoscenza e comprensione:
La formazione di base ha l’obiettivo di fornire una solida formazione in discipline quali la matematica (insegnamento di: Istituzioni matematiche I e II), la fisica (Insegnamento di: Fisica I, II e Interazione Luce Materia) e la chimica (insegnamento di Chimica).

Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
La formazione di base consente al laureato di acquisire la giusta dimestichezza con il metodo scientifico indispensabile sia alla comprensione delle tematiche affrontate sia alla sua applicazione alle tematiche professionalizzanti e agli sviluppi futuri della scienza nel settore.
Fornisce inoltre allo studente la capacità di comprendere appieno i principi su cui si basano molti strumenti utilizzati nella pratica optometrica e contattologica.

Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative:

FISICA I
FISICA II
INTERAZIONE LUCE MATERIA
ISTITUZIONI DI MATEMATICA I
ISTITUZIONI DI MATEMATICA II
CHIMICA

AREA 2 - Formazione professionalizzante

Conoscenza e comprensione:

La formazione professionalizzante ha l’obiettivo di fornire competenze teoriche e pratiche nell’ambito dell’ottica geometrica e delle proprietà ottiche dei materiali (insegnamento di: Ottica geometrica e oftalmica con laboratorio e Interazione luce materia), della optometria e della contattologia e dei processi industriali che utilizzano e realizzano sistemi ottici e/o optometrici (insegnamenti di: Ottica della contattologia generale, Laboratorio di Ottica della contattologia, Laboratorio di tecniche fisiche per l'optometria, Tecniche fisiche per l'optometria generale, Optometria avanzata con laboratorio, Sistemi ottici e oftalmici con laboratorio e Storia della Fisica moderna e degli strumenti ottici).

Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
La formazione professionalizzante e in particolare quella pratica di laboratorio, consente al laureato di utilizzare la moderna e avanzata strumentazione in uso in una clinica optometrica, di applicare le tecniche rifrattive e funzionali di routine, nonché di eseguire gli esami necessari nella conduzione autonoma e approfondita di un esame optometrico.

Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative:

SISTEMI OTTICI E OFTALMICI CON LABORATORIO
OPTOMETRIA AVANZATA CON LABORATORIO
STORIA DELLA FISICA MODERNA E DEGLI STRUMENTI OTTICI
LABORATORIO OTTICA DELLA CONTATTOLOGIA
INTERAZIONE LUCE MATERIA
TECNICHE FISICHE PER L’OPTOMETRIA GENERALE
LABORATORIO TECNICHE FISICHE PER L’OPTOMETRIA
OTTICA DELLA CONTATTOLOGIA GENERALE
OTTICA GEOMETRICA E OFTALMICA CON LABORATORIO

AREA 3 - Formazione in ambito bio-medico

Conoscenza e comprensione:
La formazione in ambito bio-medico ha l’obiettivo di fornire le adeguate conoscenze di ambito medico, fisiologico, ed anche psicologico per una ottimale comprensione del funzionamento del sistema visivo (Insegnamenti di: Anatomia e istologia umana e oculare, Percezione visiva, Fisiologia generale e oculare, Principi di patologia oculare).

Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
La formazione in ambito bio-medico consentirà al laureato di individuare le caratteristiche fisiologiche e patologiche del sistema visivo e conseguentemente, se necessario, consigliare una indagine più approfondita di competenza medico-oftalmologica qualora le problematiche visive non siano di tipo funzionale e optometrico.

Le conoscenze e capacità sono conseguite e verificate nelle seguenti attività formative:

PERCEZIONE VISIVA
PRINCIPI DI PATOLOGIA OCULARE
ANATOMIA E ISTOLOGIA UMANA E OCULARE
FISIOLOGIA GENERALE ED OCULARE

Autonomia di giudizio
Il laureato è in grado di utilizzare i sussidi tecnici necessari alla rilevazione dei parametri oculari essenziali per formulare giudizi autonomi sullo stato del sistema visivo e per valutare le soluzioni più idonee per la compensazione dei difetti visivi, compresa l'eventuale applicazione di lenti a contatto. Inoltre l'autonomia decisionale, relativamente agli aspetti più marcatamente tecnici del difetto visivo, gli consentono di relazionarsi in maniera complementare e costruttiva con gli specialisti di ambito medico e con personale tecnico specializzato operante nel campo delle lenti oftalmiche, delle lenti a contatto e dei materiali per l'ottica, delle protesi, dei supporti per ipovedenti e della strumentazione optometrica.

Abilità comunicative
Il Corso di Laurea fornisce la preparazione necessaria per comunicare idee, problemi e soluzioni sia ad interlocutori e/o operatori specialisti sia a non specialisti del settore ottico optometrico e oftalmico anche a livello internazionale. È, inoltre, particolarmente curata e sviluppata la capacità del laureato sia di inserirsi in gruppi di lavoro sia di operare in autonomia.

Capacità di apprendimento
La preparazione e le competenze acquisite consentono al laureato in Ottica e Optometria di mantenersi aggiornato in quanto in grado di seguire lo sviluppo culturale e tecnologico dell'ottica, dell'optometria e della contattologia con la giusta flessibilità mentale e la pronta capacità di adattamento alla loro evoluzione temporale come oramai è ampiamente dimostrato dagli oltre 400 laureati.

Insegnamenti

Prova finale

La prova finale per il conseguimento del titolo di studio ha l'obiettivo di verificare il lavoro svolto durante il periodo di tirocinio e le capacità del candidato di comunicarne efficacemente e approfonditamente i contenuti; consiste nella presentazione e discussione orale di una relazione scritta in cui si presentano le tematiche affrontate durante il tirocinio e i risultati ottenuti, davanti a una Commissione.

Sbocchi occupazionali

Il Corso di laurea in Ottica e Optometria risponde primariamente a due esigenze specifiche:
1) Avere una figura professionale altamente qualificata e aderente alle reali esigenze delle società, del mercato e dell’ industria del settore ottico, optometrico e contattologico. 2) Elevare la formazione in ambito ottico, optometrico e contattologico allo stesso livello di quella fornita in molti paesi della comunità europea e extraeuropei.

funzione in un contesto di lavoro:
Dal punto di vista professionale il Corso di Studio intende fornire all’industria operante nel settore ottico (dove l’Italia è all’avanguardia a livello mondiale) e alle associazioni di categoria una figura professionale flessibile in grado di interagire agevolmente con le realtà diverse negli ambiti della fisica applicata delle scienze biologiche e sanitarie e delle nuove tecnologie.

competenze associate alla funzione:
L’obiettivo del Corso è fornire un’ampia preparazione tecnico-scientifica e, contemporaneamente, una buona conoscenza teorica e pratica dei mezzi tecnici per la visione con un piano degli studi articolato su attività formative di base (matematica, fisica e chimica), caratterizzanti (ottica, fisica sperimentale e applicata, optometria, contattologia), integrative (anatomia, fisiologia e patologia oculare), completate da un' ampia e diversificata attività di laboratorio. Relativamente agli aspetti formativi a carattere bio-medico, e in particolare quelli legati alla fisiologia e patologia oculare, va sottolineato che essi mirano a formare un professionista che possa migliorare e integrare l’opera del medico oculista, per quanto concerne gli aspetti funzionali legati al sistema visivo e gli aspetti di analisi e di intervento tecnico sul deficit visivo.

sbocchi professionali:
Il Corso di Laurea in Ottica e Optometria fornisce, come specificato negli obiettivi qualificanti della classe di Scienze e Tecnologie Fisiche (classe L-30), competenze specifiche per uno sbocco occupazionale nell'ambito dell'ottica-optometria. Il laureato in Ottica e Optometria trova occasione d'inserimento in piccole e medie imprese, in grandi industrie ottiche, in Enti Pubblici e in aziende produttrici e commercializzanti articoli e strumenti tecnici per il settore ottico e quello della visione. Inoltre, può intraprendere attività imprenditoriale, nonché accedere all’ esame abilitante alla libera professione secondo la normativa vigente.

Valutazione degli studenti

Docenti di riferimento
FISICA SPERIMENTALE (FIS/01)
FISIOLOGIA (BIO/09)
FISICA SPERIMENTALE (FIS/01)
FISICA DELLA MATERIA (FIS/03)
FISICA SPERIMENTALE (FIS/01)
CHIMICA ORGANICA (CHIM/06)
FISICA SPERIMENTALE (FIS/01)
FISICA SPERIMENTALE (FIS/01)
FISICA SPERIMENTALE (FIS/01)
CHIMICA GENERALE E INORGANICA (CHIM/03)