Anno di corso: 1

Crediti: 3
Crediti: 3
Crediti: 3
Crediti: 3
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 1
Tipo: Altro
Crediti: 2
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 1
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 2
Tipo: Altro
Crediti: 1
Tipo: Altro
Crediti: 2
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro

Anno di corso: 2

Anno di corso: 3

Anno di corso: 4

Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6

Anno di corso: 5

Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 32
Tipo: Lingua/Prova Finale

STORIA DEL DIRITTO MEDIEVALE E MODERNO

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2012/2013
Anno di corso: 
1
Anno accademico di erogazione: 
2012/2013
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
9
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' didattica: 
72

Moduli

Metodi di valutazione

Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

Prova orale

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

Raggiungere competenza e padronanza dei contenuti del corso

Contenuti

Il corso di Storia del diritto medievale e moderno fornisce le necessarie basi per valutare criticamente i sistemi giuridici del presente, indagando le loro radici e le trasformazioni sociali, economiche, politiche e religiose che hanno influito sul loro sviluppo fino ad oggi, individuando continuità e discontinuità, eredità del passato e innovazioni.
Il corso si propone l'analisi dell'evoluzione delle fonti del diritto in Europa dall'età medievale fino al Novecento, attraverso lo studio dei rapporti tra legislazione, dottrina e prassi. Si esamineranno, in particolare, le tipologie di fonti, le scuole giuridiche, i metodi interpetativi, i modi di amministrazione della giustizia, il ruolo dei giuristi e i grandi movimenti di pensiero che hanno contribuito alla formazione della moderna scienza giuridica.
Attraverso un percorso ragionato, si individuerà il collegamento costante esistente tra diritto e società, con un richiamo a singoli istituti privatistici e pubblicistici, utili per comprendere il processo dinamico della storia del diritto, anche in chiave comparatistica.

Programma esteso

La radici antiche e altomedievali: il diritto tardo-antico, il diritto dei regni germanici , l'età carolingia e feduale, Chiesa e Impero, le scuole altomedievali;
Il diritto comune classico: le istituzioni, la scuola della glossa e del commento, il diritto canonico e i suoi rapporti con il diritto civile, i diritti locali, il sistema del diritto comune;
L'età moderna: Chiese, Stati assoluti e legislazione regia in Europa, la scuola culta, giuristi e corti di giustizia, il giusnaturalismo, la crisi del diritto comune;
L'età delle riforme: l'illuminismo giuridico, le riforme settecentesche, il diritto rivoluzionario;
L'età delle codificazioni: i codici francesi e austriaci , La Restaurazione e le legislazioni preunitarie; l'unificazione legislativa italiana, il Novecento.

Bibliografia consigliata

1. A. PADOA SCHIOPPA, Storia del diritto in Europa. Dal medioevo all’età contemporanea, Il Mulino,
Bologna, 2007. I capitoli e i paragrafi da studiare saranno indicati dal docente a lezione.
Agli studenti frequentanti è riservato l’accesso ad un’apposita piattaforma e-learning, sulla quale potranno trovare i materiali didattici integrativi o parzialmente sostitutivi del testo d’esame, le fonti normative, dottrinali e giurisprudenziali illustrate a lezione, i test di auto-valutazione per la preparazione dell’esame e un forum interattivo con il docente.

PER STUDENTI NON FREQUENTANTI:
1. A. PADOA SCHIOPPA, Storia del diritto in Europa. Dal medioevo all’età contemporanea, Il Mulino,
Bologna, 2007: capitoli 1-18, 20-23, 25-29, 31, 32 (§§ 1-3), 33 (§ 1), 34, 37 (§§ 1-3), 38.
Gli studenti immatricolati prima dell’a.a. 2007-08 possono preparare l’esame su questo libro, in alternativa ai testi indicati nelle guide precedenti.

Metodi didattici

Lezioni frontali