Anno di corso: 1

Crediti: 6
Crediti: 12
Crediti: 3
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 3
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 3
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 3
Tipo: Altro

Anno di corso: 2

Anno di corso: 3

Crediti: 3
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 3
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 3
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 6
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 12
Tipo: Per stages e tirocini

FILOSOFIA POLITICA

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2013/2014
Anno di corso: 
2
Anno accademico di erogazione: 
2014/2015
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
6
Ciclo: 
Primo Trimestre
Ore di attivita' didattica: 
42
Prerequisiti: 

Cultura socio-politica generale; capacità di di scrittura e di comunicazione; abilità di lavoro in gruppo.

Moduli

Metodi di valutazione

Tipo di esame: 
Scritto e Orale Separati
Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

Prova scritta.

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

Il corso ha l’obiettivo di analizzare alcune questioni centrali per la filosofia politica e sociale - quali l’idea di cittadinanza, giustizia sociale, libertà fondamentali e capacitazioni umane - implicitamente trattate in altri insegnamenti, anche se secondo prospettive diverse, che si rivelano essere cruciali anche per la formazione dell’assistente sociale.Il corso ha l’obiettivo di analizzare alcune questioni centrali per la filosofia politica e sociale - quali l’idea di cittadinanza, giustizia sociale, libertà fondamentali e capacitazioni umane - implicitamente trattate in altri insegnamenti, anche se secondo prospettive diverse, che si rivelano essere cruciali anche per la formazione dell’assistente sociale.

Contenuti

Nonostante le/gli studenti concepiscano spesso la professione di assistente sociale come un impiego principalmente legato ad attività pratiche, tuttavia tale attività non è pienamente concepibile senza l’apporto di strumenti teorici, di considerazioni concettuali e di modalità analitiche. È infatti importante per l’assistente sociale riflettere sulle motivazioni deontologiche che determinano certe scelte rispetto ad altre, soprattutto quando si trova ad affrontare “casi difficili” in contesti problematici e in un breve arco di tempo.

Programma esteso

Il corso sarà suddiviso in due parti principali. La prima parte sarà centrata sulla ricostruzione dell’idea di giustizia, contratto sociale, libertà e capacitazioni umane.
La seconda parte sarà invece focalizzata sulla condizione di individui svantaggiati (come nel caso di soggetti con disabilità) e di non-cittadini (come nel caso di migranti forzati, ovvero di richiedenti asilo).

Bibliografia consigliata

1) Martha C. Nussbaum, “Le nuove frontiere della giustizia. Disabilità, nazionalità,
appartenenza di specie”, Bologna, il Mulino (2002); 2) Marina Calloni, Stefano Marras, Giorgia Serughetti, “Chiedo asilo. Essere rifugiato in Italia”, Milano, Università Bocconi Editore (2012).

Metodi didattici

Lezioni, gruppi di lavoro, audio-visivi; seminari con esperti e witnesses.