Anno di corso: 1

Crediti: 6
Crediti: 9
Crediti: 6
Crediti: 12
Crediti: 3
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 3
Tipo: Altro

Anno di corso: 2

Anno di corso: 3

METODI E TECNICHE PER LA RICERCA SOCIALE

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2013/2014
Anno di corso: 
1
Anno accademico di erogazione: 
2013/2014
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
12
Ciclo: 
Annualita' Singola
Ore di attivita' didattica: 
84
Prerequisiti: 

Non sono richiesti particolari requisiti

Moduli

Metodi di valutazione

Tipo di esame: 
Scritto e Orale Separati
Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

Primo Modulo:
Studenti frequentanti: una relazione scritta di gruppo sull'esperienza di ricerca.
Studenti non frequentanti: esame scritto della durata di due ore circa.

Secondo Modulo:
Studenti frequentanti: una relazione scritta di gruppo sull’esperienza di ricerca.
Studenti non frequentanti: esame scritto.

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

Primo modulo:
Acquisizione delle basi epistemologiche, metodologiche e, in parte tecniche per il disegno di ricerche quantitative e qualitative.

Secondo modulo:
Il corso si propone di trasmettere le competenze di base per orientarsi nella ricerca empirica di tipo qualitativo in sociologia e utilizzare, con senso critico, le principali tecniche di costruzione e analisi dei dati.

Contenuti

L’insegnamento di “Metodi e Tecniche per la Ricerca Sociale” si compone di due parti: La Ricerca Quantitativa e La Ricerca Qualitativa.
Si rivolge a studenti che si avvicinano per la prima volta alla metodologia della ricerca sociale. Introduce i principali approcci teorici e metodologici nell’analisi dei fenomeni sociali e mostra il legame esistente tra i principi epistemologici della conoscenza sociologica e la ricerca empirica. In particolare, vengono affrontate le questioni relative agli aspetti metodologici del processo di ricerca tramite il confronto tra la ricerca quantitativa e la ricerca qualitativa. Al fine di chiarire gli aspetti qualificanti di ciascuna tradizione di ricerca e le integrazioni possibili tra i due metodi, gli studenti frequentanti avranno la possibilità di mettere a punto due progetti di ricerca, uno quantitativo e uno qualitativo, su un tema comune che sarà illustrato all’inizio del corso.

Programma esteso

1° MODULO: LA RICERCA QUANTITATIVA
1) Prima parte a carattere generale: definizione della natura della realtà, il ruolo in essa del ricercatore, il tipo di linguaggio scientifico utilizzato e gli assunti da cui partire nel processo di ricerca:
2) Seconda parte: saranno esposti i temi di logica ed impostazione della ricerca sociale quantitativa: le fasi del disegno della ricerca:
3) Terza parte: rivolta a trasmettere le principali conoscenze di alcuni metodi e tecniche di raccolta dei dati, le fonti dei dati oggi disponibili per la ricerca sociale e la logica dell’analisi secondaria di queste basi dati.

2° MODULO: LA RICERCA QUALITATIVA
Nella prima parte del corso, dopo aver fornito un inquadramento storico della ricerca qualitativa, saranno presentati e discussi i suoi aspetti distintivi sul piano epistemologico.
Successivamente, sarà introdotto il metodo etnografico come via privilegiata all’indagine qualitativa, sarà presentata una panoramica di temi centrali della ricerca qualitativa e saranno illustrate le principali tecniche di costruzione e analisi dei dati (l’osservazione partecipante, l’intervista discorsiva e il focus group), viste nelle loro differenti modalità di utilizzo.
Per quanto attiene invece alle competenze di ricerca, gli studenti impareranno a elaborare un progetto di ricerca che preveda l’uso congiunto di più tecniche qualitative, a osservare fenomeni e situazioni sociali, a costruire un campione teoricamente significativo, a produrre e analizzare delle note etnografiche, a elaborare una traccia di intervista su un argomento specifico e a effettuare, trascrivere e analizzare delle interviste discorsive.

Bibliografia consigliata

RICERCA QUANTITATIVA:
1) Stefanizzi S., Il ragionamento sociologico. Questioni metodologiche ed esempi di ricerca, McGraw-Hill, Milano, 2012 (escluso capitolo 6).
2) Un testo a scelta tra una lista di libri che verranno indicati a inizio modulo.
3)Materiale vario per esercitazioni e approfondimenti (esercizi di verifica, esempi di strumenti di rilevazione, brani di interviste discorsive, questionari standardizzati, materiali per l’analisi secondaria, basi dati nazionali e internazionali e applicazioni di ricerca) disponibile alla pagina www.ateneonline.it/stefanizzi (collegata alla pubblicazione “Il ragionamento sociologico. Questioni metodologiche ed esempi di ricerca, edita da McGraw-Hill)

La ricerca qualitativa
Studenti frequentanti:
1) Corbetta P., 2003, La ricerca sociale: metodologia e tecniche. Vol. I. I paradigmi di riferimento, Bologna, Il Mulino.
2) Corbetta P., 2003, La ricerca sociale: metodologia e tecniche. Vol. III. Le tecniche qualitative, Bologna, Il Mulino.
3) Letture tematiche che saranno indicate all’inizio del corso.

Studenti non frequentanti:
1) Corbetta P., 2003, La ricerca sociale: metodologia e tecniche. Vol. I. I paradigmi di riferimento, Bologna, Il Mulino.
2) Corbetta P., 2003, La ricerca sociale: metodologia e tecniche. Vol. III. Le tecniche qualitative, Bologna, Il Mulino.
3) Un testo a scelta tra:
- Dal Lago A., Quadrelli E., 2004, La città e le ombre. Crimini, criminali, cittadini, Milano, Feltrinelli.
- Goffman E., 2001, Asylums. Le istituzioni totali. I meccanismi dell’esclusione e della violenza, Comunità, Torino.
- Perrotta D., 2011, Vite in cantiere. Migrazione e lavoro dei rumeni in Italia, Il Mulino.
- Scandurra G, Antonelli F, 2010, Tranvieri. Etnografia di una palestra di pugilato, Roma, Aracne.

Metodi didattici

Lezioni in aula, esercitazioni di ricerca e lavori di gruppo.