Anno di corso: 1

Anno di corso: 2

Crediti: 8
Crediti: 8
Crediti: 2
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 4
Tipo: Altro
Crediti: 1
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 4
Tipo: Altro
Crediti: 1
Tipo: Altro
Crediti: 2
Tipo: Altro
Crediti: 4
Tipo: Altro

Anno di corso: 3

Crediti: 8
Crediti: 8
Crediti: 4
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 2
Tipo: Altro
Crediti: 4
Tipo: Altro

TECNICHE DEL COLLOQUIO

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2013/2014
Anno di corso: 
3
Anno accademico di erogazione: 
2015/2016
Tipo di attività: 
Obbligatorio a scelta
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
8
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' didattica: 
56
Prerequisiti: 

Nessuno.

Moduli

Metodi di valutazione

Tipo di esame: 
Orale
Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

La prova d’esame consiste in una prova scritta, composta da due domande aperte sugli argomenti del corso. Il colloquio orale sarà modulato sulla base dell’esito della prova scritta.

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

Acquisire le competenze necessarie per la conduzione e la gestione di un colloquio psicologico.

Contenuti

Si affronteranno i seguenti temi:
1. Operazionalizzazione di alcuni costrutti psicologici (ad esempio, costruzione della realtà, intelligenza e razionalità, emozioni e loro regolazione, funzionamento interpersonale e morale ecc.). Ogni costrutto sarà indagato lungo un continuum: dallo sviluppo normale alla modalità disfunzionale al fine di individuare arresti evolutivi, ritardi, ipo o iperfunzionamenti.
2. Disturbo psichico come situazione di disequilibrio e possibili cause quali deficit, traumi, modalità disadattive, disfunzioni caratteriologiche e conflitti. Una raccolta di dati bio-psico-sociali che tenga conto delle linee evolutive permette di rilevare i fattori – inclusi quelli familiari e ambientali – che possono concorrere a questa situazione.
3. Case formulation con bambini, adolescenti e adulti.
4. Tecniche per la conduzione del colloquio con pazienti che non regolano le emozioni, sono allarmati o reticenti o rabbiosi, ecc.
Il modello di case formulation è quello del processo diagnostico, che prevede un multimethod assessment. Durante il corso saranno proposti esempi clinici di primi colloqui, colloqui per la raccolta dei dati bio-psico-sociali e colloqui di restituzione, con particolare attenzione al problema dell’alleanza diagnostica.

Bibliografia consigliata

Del Corno F., Lang M. (a cura di, 2013). Elementi di psicologia clinica. Milano: FrancoAngeli (solo sezioni I, II e cap. 1 della sezione 3).
Berselli E., Lang M. (a cura di, 2012). Cronologia della psicologia clinica. Milano: Cortina (solo sezioni “Psichiatria” e “Classificazioni e manuali diagnostici”).
Siegel D. J. (2013), La mente relazionale. Neurobiologia dell’esperienza interpersonale. 2a ed., Milano: Cortina (capitoli 1, 4, 6, 7, 8).

Metodi didattici

Lezioni frontali.