Anno di corso: 1

Crediti: 3
Crediti: 3
Crediti: 3
Crediti: 3
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 1
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 2
Tipo: Altro
Crediti: 1
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 2
Tipo: Altro
Crediti: 1
Tipo: Altro
Crediti: 2
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro

Anno di corso: 2

Crediti: 15
Crediti: 12
Crediti: 15

Anno di corso: 3

Anno di corso: 4

Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Tipo: A scelta dello studente

Anno di corso: 5

Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 32
Tipo: Lingua/Prova Finale

DIRITTO DEGLI STRANIERI

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2013/2014
Anno di corso: 
4
Anno accademico di erogazione: 
2013/2014
Tipo di attività: 
Opzionale
Crediti: 
6
Ciclo: 
Secondo Trimestre
Ore di attivita' didattica: 
42

Moduli

Metodi di valutazione

Tipo di esame: 
Orale
Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

Prova orale

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

Raggiungere competenza e padronanza dei contenuti del corso.

Contenuti

Il corso tratta dei principi generali, degli obiettivi e delle più importanti norme che in Italia regolano le politiche migratorie, l’ammissione e l’allontanamento degli stranieri dal territorio dello Stato e il trattamento degli stranieri che sono presenti nella Repubblica.
Si esamina in prevalenza la condizione giuridica dei cittadini extracomunitari.

Programma esteso

1) Stranieri e cittadini. Lo straniero nella Costituzione italiana. L’evoluzione generale del diritto degli stranieri, tra norme costituzionali, comunitarie ed internazionali.
2) I diritti e i doveri fondamentali degli stranieri (anche con riferimento alla giurisprudenza della Corte costituzionale, della Corte di giustizia dell’UE e della Corte europea dei diritti dell’uomo).
3) La condizione giuridica dei cittadini degli Stati membri dell’Unione europea e dei loro familiari: libertà di ingresso, circolazione e stabilimento, ammissione, soggiorno, residenza, il diritto di soggiorno prima e dopo i primi 3 mesi dall’ingresso, il diritto di soggiorno permanente, la carta di soggiorno per i familiari extracomunitari conviventi con cittadini italiani o comunitari, i diversi tipi di provvedimenti di allontanamento e le garanzie giurisdizionali, il trattamento dei cittadini dell’Unione europea (con particolare riguardo all’accesso ai diritti sociali e ai diritti politici a livello comunale).
4) I tre obiettivi delle norme italiane sull’immigrazione extracomunitaria nella teoria e nella pratica: la prevenzione e repressione dell’immigrazione clandestina, la regolazione degli ingressi per motivi di lavoro, l’integrazione sociale degli stranieri regolarmente soggiornanti.
5) La disciplina generale degli ingressi degli stranieri extracomunitari: i controlli nell’area Schengen, requisiti generali, visti di ingresso, respingimenti, controlli di frontiera, norme penali.
6) La disciplina generale dei soggiorni degli stranieri extracomunitari: i diversi titoli di soggiorno, la dichiarazione di soggiorno per i soggiorni inferiori a 3 mesi per turismo, studio e visita; rilascio, rinnovo, conversione, revoca dei permessi di soggiorno e loro tipologia; l’accordo di integrazione; rilascio e revoca dei permessi di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo; l’iscrizione anagrafica.
7) La disciplina specifica degli ingressi e soggiorni degli stranieri extracomunitari per alcuni motivi: lavoro subordinato, lavoro autonomo, motivi familiari, studio.
8) Il diritto all’unità familiare dei cittadini extracomunitari: i diritti al mantenimento e al riacquisto dell’unità familiare, la disciplina dei ricongiungimenti familiari, i permessi di soggiorno per motivi familiari, la condizione giuridica dei minori stranieri, i minori stranieri non accompagnati.
9) I provvedimenti di allontanamento degli stranieri extracomunitari dal territorio nazionale: respingimenti, espulsione a titolo di misura di sicurezza, espulsione a titolo di misura alternativa alla detenzione, espulsione a titolo di sanzione sostitutiva della pena, provvedimenti amministrativi di espulsione, effetti penali ed amministrativi, divieti di respingimento e di espulsione, concessione di un termine per lasciare il territorio nazionale e esecuzione dei provvedimenti di espulsione o di respingimento con accompagnamento alla frontiera, provvedimenti di allontanamento e provvedimenti di trattenimento nei centri di identificazione ed espulsione, provvedimenti alternativi al trattenimento, ricorsi giurisdizionali. Cenni al rimpatrio assistito.
10) Le ipotesi di regolarizzazione permanente, il permesso di soggiorno per motivi umanitari e il soggiorno per motivi di protezione sociale e i progetti di assistenza e integrazione sociale.
11) I principali reati in materia di disciplina dell’immigrazione: ingresso e soggiorno irregolari, reingresso irregolare, i reati connessi al lavoro irregolare, il favoreggiamento dell’ingresso o del soggiorno irregolare.
12) L’accesso degli stranieri extracomunitari ai diritti sociali: istruzione scolastica e universitaria, assistenza sanitaria, assistenza sociale e alloggi.
13) Le misure di integrazione sociale.
14) La tutela contro le discriminazioni.
15) Il diritto d’asilo nella Costituzione italiana e nelle norme internazionali, comunitarie e nazionali: status di rifugiato, protezione sussidiaria, permesso di soggiorno per motivi umanitari, organi, procedura di

Bibliografia consigliata

1) P. Bonetti, voce Diritti fondamentali degli stranieri in Italia, in Migrazioni. Dizionario socio-pastorale, a cura di G. Battistella, ed. San Paolo, Cinisello Balsamo, 2010, pp. 403-429. (ora rielaborata aggiornata in
http://www.asgi.it/public/parser_download/save/materiali_seminario_sassomarconi_sett_2011_bonetti.pdf
2) Procedure e garanzie del diritto d'asilo, a cura di C. Favilli, CEDAM, Padova, 2011, limitatamente ai seguenti capitoli:
a) P. Bonetti, Il diritto d'asilo nella Costituzione italiana (pp. 35-72),
b) A. De Bonis, La procedura amministrativa per il riconoscimento della protezione internazionale in Italia (pp. 187-208);
c) D. Consoli, Il riconoscimento in via giurisdizionale del diritto d'asilo (pp. 209-218).
3) Diritto degli stranieri, a cura di B. Nascimbene, CEDAM, Padova, 2004, pagg.: XXXI-LIV, 82 - 633, 702-751, 861-908, 973-981, 1014-1020, 1032-1061, 1082-1094.
4) Lo studio delle pagine del volume “Diritto degli stranieri” deve essere aggiornato e integrato con lo studio delle schede pratiche pubblicate sul sito internet dell’ASGI (Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione: www.asgi.it) e con lo studio dei seguenti articoli pubblicati sui seguenti numeri della rivista Diritto immigrazione e cittadinanza (ed. Franco Angeli), reperibile anche nella Biblioteca di Ateneo:
a) M. Acierno, La tutela delle discriminazioni nel d. lgs. n. 215/2003, n. 3/2004, pp. 43-58;
b) A. Di Pascale e M. Pastore, Il recepimento delle direttive sul ricongiungimento familiare e sul soggiorno di lungo periodo, n. 1/2007, pp. 13-40;
c) A. Lang e B. Nascimbene, L’attuazione in Italia della direttiva 2004/38/CE sulla libera circolazione dei cittadini dell’Unione europea, n. 2/2007, pp. 43-63;
d) P. Bonetti, Il diritto d’asilo in Italia dopo l’attuazione della direttiva comunitaria sul riconoscimento delle qualifiche e sugli status di rifugiato e di protezione sussidiaria, n. 1/2008, pp. 13-53;
e) M. Pastore, Il decreto legislativo 160/2008: restrizioni per decreto al diritto al ricongiungimento familiare, n. 3- 4/2008, pp. 74 - 87;
f) A. Lang, Le modifiche al decreto legislativo n. 30 del 2007 sui cittadini comunitari, n. 3-4/2008, pp. 120-139.
g) C. Renoldi, I nuovi reati di ingresso e di permanenza illegale dello straniero nel territorio dello Stato, n. 4/2009, pp. 38 – 58;
h) P. Bonetti, La proroga del trattenimento e i reati di ingresso o permanenza irregolare nel sistema del diritto degli stranieri: profili costituzionali e rapporti con la Direttiva comunitaria sui rimpatri, n. 4/2009, pp. 85 – 128;
i) P. Morozzo della Rocca, Gli effetti collaterali del reato di presenza irregolare, n. 4/2009, pp. 129- 142;
l) M. Paggi, Osservazioni “a caldo” su alcune modifiche essenziali apportate dalla l. 94/2009 sulla condizione di soggiorno degli immigrati extracomunitari, n. 4/2009, pp. 143 – 157;
m) M. Pastore, Il diritto all’unità familiare: una questione di sicurezza?, n. 4/2009, pp. 167 – 177;
n) L. Miazzi e G. Perin, Legge n. 94/2009: peggiora anche la condizione dei minori stranieri, n. 4/2009, pp. 178 -209;
o) S. Furlan, La normativa sulla cittadinanza italiana e le modifiche apportate dalla legge 15.7.2009 n. 94, n. 4/2009, pp. 210 -216;
p) G. Savio, La nuova disciplina delle espulsioni conseguente al recepimento della direttiva rimpatri, n. 3/2011, pp. 30-50;
q) A. Lang, Ancora modifiche alla disciplina italiana sulle condizioni di ingresso, soggiorno e allontanamento dei cittadini dell’Unione, n. 3/2011, pp. 51-61;
r) D. Consoli, M. Giovannetti, N. Zorzella, La conversione del permesso di soggiorno del cittadino straniero alla maggiore età: le modifiche all’art. 32 TU n. 286/98 e il ruolo del Comitato per i minori stranieri, n. 3/2011, pp. 62-71;
s) M. Acierno, Cosa cambia nei procedimenti riguardanti gli stranieri dopo l’entrata in vigore del d.lgs. N. 150 del 2011?, n. 4/2011, pp. 27-57;
t) N. Zorzella, L’accordo di integrazione: ultimo colpo di coda di un governo cattivo?, n. 4/2011, pp. 58-72
5) Si ri

Metodi didattici

Lezione frontale.

Contatti/Altre informazioni

A causa della complessità degli argomenti e delle riforme normative si raccomanda agli studenti di frequentare tutte le lezioni del corso