Anno di corso: 1

Crediti: 3
Crediti: 3
Crediti: 3
Crediti: 3
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 1
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 2
Tipo: Altro
Crediti: 1
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 2
Tipo: Altro
Crediti: 1
Tipo: Altro
Crediti: 2
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro

Anno di corso: 2

Crediti: 15
Crediti: 12
Crediti: 15

Anno di corso: 3

Anno di corso: 4

Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Tipo: A scelta dello studente

Anno di corso: 5

Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 32
Tipo: Lingua/Prova Finale

MEDIAZIONE REO-VITTIMA E MEDIAZIONE SOCIALE

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2013/2014
Anno di corso: 
4
Anno accademico di erogazione: 
2016/2017
Tipo di attività: 
Opzionale
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
3
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' didattica: 
21
Prerequisiti: 

Nessun prerequisito specifico

Moduli

Metodi di valutazione

Tipo di esame: 
Orale
Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

Relazione scritta fatta a casa di circa n. 15 pagine di 30 righe per 60 battute a partire dai testi scelti e dagli appunti delle lezioni.

Modalità di valutazione per l’esame
Relazione scritta fatta a casa di almeno n. 15 pagine di 30 righe per 60 battute a partire dai testi scelti. Discussione orale della relazione, presentata almeno 10 giorni prima della data dell’esame. Alla tesina verrà assegnato un punteggio in trentesimi.

La tesina potrà vertere su questi temi: (uno o più a scelta)

-Analisi critica dei testi letti
-La narrazione e l’analisi di un possibile caso “mediabile” in ambito sociale, reo-vittima, analizzando rischi e opportunità della mediazione.
-L’approfondimento di alcuni temi relativi ad emozioni fondamentali per la mediazione e la giustizia riparativa quali: Vergogna / Colpa / Odio / Amore / Vendetta / Invidia / Tradimento / Fiducia / Verità / Paura / Perdono e riparazione.

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

Acquisizione di conoscenze e competenze nel campo della Restorative Justice, della vittimologia e delle ADR in ambito penale e nella gestione di conflitti attraverso tecniche mediative.

Contenuti

Consentire agli studenti di in-contrare le teorie e le prassi della mediazione reo-vittima e della mediazione sociale, quali strumenti cardine del paradigma di giustizia riparativa

Programma esteso

La parola mediazione ha ormai conquistato uno spazio rilevante nel lessico degli operatori sociali, anche se la plurivocità dei suoi significati rinvia a campi di applicazione che attendono ancora, almeno in Italia, di essere definiti nel loro intreccio istituzionale.
Il corso intende avvicinare, far conoscere e approfondire gli ambiti teorici e pratici di due forme di mediazione: quella reo-vittima e quella sociale, mediazioni che negli ultimi anni hanno provato a ergersi quali forme alternative alla risoluzione dei conflitti che nascono in seguito alla commissione di un reato o all’interno della vita sociale quotidiana.
Ma che cosa è un conflitto ? E quali conflitti possono essere mediati ? E ancora, con quali forme e con quali procedure la mediazione reo-vittima pone autore di reato e vittima l’uno di fronte all’altra in spazi che si collocano a margine della sfera della giustizia penale? Come è possibile immaginare una riparazione dopo la commissione di un reato?
E infine, con quali forme e con quali procedure la mediazione sociale fa appello a modalità di risoluzione consensualmente affrontate, basate sulla esplicitazione dei processi di comunicazione ?
Il corso affronterà questi temi proponendo ai partecipanti di entrare nella conoscenza del paradigma della giustizia riparativa e degli strumenti che lo caratterizzano attraverso un approccio che alternerà momenti di apprendimento più tradizionale e un coinvolgimento diretto dei corsisti attraverso esercitazioni e giochi di ruolo.

Bibliografia consigliata

studenti frequentanti: La preparazione dell’esame dovrà essere effettuata su almeno tre dei seguenti testi a scelta del candidato:
1) Bouchard M., Mierolo G., Offesa e riparazione, Bruno Mondadori, Milano, 2005.
2) Brunelli F., Le tecniche della mediazione, in Picotti L. (a cura di), La mediazione nel sistema penale minorile, Cedam, Padova, 1998
3) Brunelli F., “La parola in Mediazione”, in “Dignitas”, Percorsi di carcere e giustizia, n 3/03 (disponibile su piattaforma e-learning)
4) Ceretti A., Mazzucato C., Bertagna, (a cura di), Il libro dell’incontro, Il Saggiatore, 2015
5) Ceretti A., Mediazione penale e giustizia. In-contrare una norma, in Ceretti A. (a cura di), Studi in ricordo di GianDomenico Pisapia, Volume III, “Criminologia”.
6) Ceretti A., “Violenza intrafamiliare e mediazione” in “ Figli dei genitori separati. Ricerca e contributi sull’affidamento e la conflittualità”, in “Quaderni dell’Associazione Italiana del Magistrati per i Minorenni e la Famiglia”, 1 edizione, 2006 (disponibile su piattaforma e-learning)
7) Ceretti A, Mazzucato C., Mediazione reo/vittima. Le istruzioni per l’uso del Consiglio d’Europa..Un commento alle Guidelines for a Better Implementation of the Existing Recommandation concerning Mediation in Penal Matters. (disponibile su piattaforma e-learning)
1) Cornelli R., “La mediazione dei conflitti nell’ambito delle politiche di sicurezza urbana”, in “Mediares”, semestrale sulla mediazione, ed. Dedalo, n 1/2003 (disponibile su piattaforma e-learning)
2) Di Ciò F., Riflessioni sulla mediazione sociale in Italia, in Prospettive Sociali e Sanitarie, anno XXXVII n.1, 2007.
3) Giuffrida M.P., “Giustizia riparativa e mediazione penale. Un percorso sperimentale fra trattamento e responsabilizzazione del condannato”, in “Autonomie locali e servizi sociali”, ed. Il Mulino, n. 3/2013 (disponibile su piattaforma e-learning)
4) Mannozzi G., Lodigiani A.G., Giustizia Riparativa, Il Mulino 2015
5) Mazzucato C., Appunti per una teoria ‘dignitosa’ del diritto penale a partire dalla restorative justice, (disponibile su piattaforma e-learning)
6) Milani, M., “La perdita di fiducia nell’altro”, in Ristretti, periodico di informazione e cultura dal Carcere Due Palazzi di Padova, anno 10 n. 4 periodo luglio-agosto 2008 (disponibile su piattaforma e-learning)
7) Morineau J., Lo spirito della mediazione, Franco Angeli, Milano, 1999.
8) Reggio F., Giustizia dialogica. Luci e ombre della Restorative Justice, Franco Angeli, Milano, 2010
9) Resta E., “Giudicare, Conciliare, Mediare”, in “Politica del Diritto”, ed. Il Mulino, n. 4/99 (disponibile su piattaforma e-learning)
10) Scaparro F. Il coraggio di mediare, Guerini e Associati, Milano, 2001.
11) Bertagna G., Ceretti A., Mazzucato C., Il libro dell'incontro. Vittime e responsabili della lotta armata a confronto, Il Saggiatore, Milano 2015

Studenti non frequentanti:
La preparazione dell’esame dovrà essere effettuata su quattro dei testi:sopra citati.

Modalità di erogazione

Convenzionale

Metodi didattici

Lezioni frontali ed esercitazioni in classe