Anno di corso: 1

Crediti: 6
Crediti: 12
Crediti: 3
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 3
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 3
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 3
Tipo: Altro

Anno di corso: 2

Anno di corso: 3

Crediti: 12
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 3
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 3
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 3
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 6
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 12
Tipo: Per stages e tirocini

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI SOCIALI

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2014/2015
Anno di corso: 
2
Anno accademico di erogazione: 
2015/2016
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
6
Ciclo: 
Primo Trimestre
Ore di attivita' didattica: 
48
Prerequisiti: 

Sufficienti abilità formative di logica e cultura sociale e ragionevoli capacità di apprendimento, di scrittura e di comunicazione orale.

Moduli

Metodi di valutazione

Tipo di esame: 
Orale
Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

Esame scritto

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

Conoscenza e comprensione
• Conoscere l’assetto istituzionale dei servizi sociali in Italia
• Comprendere le logiche organizzative di programmazione ed erogazione dei servizi sociali

Capacità di applicare conoscenza e comprensione
• Riconoscere tendenze e peculiarità dei modelli di organizzazione dei servizi sociali sviluppati a livello locale
• Sviluppare le competenze di base per l’analisi organizzativa dei contesti di erogazione dei servizi sociali

Contenuti

- Le fondamenta organizzative dei servizi socio-assistenziali
- Innovazioni e tendenze negli assetti istituzionale di gestione dei servizi socio-assistenziali
- Analisi dell’offerta di servizi socio-assistenziali
- Programmazione, gestione ed erogazione dei servizi socio-assistenziali:
- Gli attori organizzativi nel settore dell’assistenza sociale
- Evoluzioni e sfide emergenti

Programma esteso

Il corso approfondisce l’organizzazione dei servizi socio assistenziali, esaminando il ruolo, le caratteristiche e le forme d’azione dei diversi attori organizzativi e professionali che concorrono ai processi di programmazione, gestione ed erogazione dei medesimi servizi.

Il corso si suddivide in quattro fasi. Il corso analizza in prima battuta la molteplicità di significati e declinazioni che il concetto di organizzazione dei servizi socio-assistenziali può assumere.
Si introducono quindi alcuni elementi di base di teoria ed analisi organizzativa, necessari per la successiva analisi delle configurazioni dei principali enti pubblici e privati che operano in questo settore. In seguito, si illustrano i più recenti passaggi di evoluzione degli assetti istituzionali che regolano a più livelli l’organizzazione dei servizi. La prima parte del corso si conclude con una presentazione dell’offerta complessiva, per area di utenza, dei servizi socio-assistenziali.

Nella seconda parte del corso si affronta il tema della programmazione e della governance dei servizi socio-assistenziali, concentrandosi su alcune questioni dirimenti: la programmazione locale e la gestione associata a livello intercomunale dei servizi; i processi di l’esternalizzazione degli interventi e delle prestazioni assistenziali; la regolazione dell’accesso ai servizi; l’integrazione tra servizi sociali e sanitari.

La terza parte del corso prevede, in primo luogo, un approfondimento delle caratteristiche organizzative delle principali forme di organizzazioni pubbliche e private che agiscono per la programmazione, la gestione e l’erogazione dei servizi socio-assistenziali. In secondo luogo, si provvede ad un’analisi delle principali professioni attive in questo settore e delle loro diverse competenze e responsabilità.

Infine, il corso propone un approfondimento sugli effetti della crisi e le programmatiche emergenti nell’accesso, nella gestione e nell’erogazione dei servizi socio-assistenziali.

Bibliografia consigliata

Rossi P. (2014), “L’organizzazione dei servizi socio-assistenziali”, Carocci, Roma.
Gori C., Ghetti V., Rusmini G., Tidoli R (2014). “Il welfare sociale in Italia”, Carocci, Roma.

Metodi didattici

Lezioni in aula