CULTURE E SOCIETÀ EUROPA E MEDITERRANEO

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2014/2015
Anno di corso: 
2
Anno accademico di erogazione: 
2015/2016
Tipo di attività: 
Obbligatorio a scelta
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
8
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' didattica: 
56
Prerequisiti: 

CONOSCENZA MANUALISTICA DELLA STORIA DELL'ANTROPOLOGIA

CAPACITÀ DI ANALISI CRITICA DEI TESTI.

Moduli

Metodi di valutazione

Tipo di esame: 
Orale
Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

ESAME ORALE

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

IL CORSO INTENDE:

-FORNIRE GLI STRUMENTI TEORICI E CRITICI ATTI A CONFRONTARSI CON IL PROCESSO DI INVENZIONE DELLA CATEGORIA ANTROPOLOGICA DI “MEDITERRANEO”
-STIMOLARE LA RIFLESSIONE SULL’ATTUALE VALIDITÀ EURISTICA DELLA CATEGORIA “MEDITERRANEO”, NON COME OGGETTO DI STUDIO MA COME CONTESTO IN CUI METTERE IN ATTO UNA COMPARAZIONE TRA SOCIETÀ ACCOMUNATE DA “SOMIGLIANZE DI FAMIGLIA”
-MOSTRARE LA RILEVANZA DEGLI STUDI MEDITERRANEISTI COME STRUMENTO METODOLOGICO.

Contenuti

IL CORSO COSTITUISCE UNA RIFLESSIONE CRITICA SULLE PRINCIPALI CATEGORIE TEORICHE ELABORATE DALL’ANTROPOLOGIA DEL MEDITERRANEO, ATTRAVERSO LA RICOSTRUZIONE DEI DIBATTITI CHE HANNO PORTATO ALLA LORO DECOSTRUZIONE E RIFORMULAZIONE E L’ANALISI DELLE RICADUTE, TEORICHE E METODOLOGICHE, DERIVATE DAL TENTATIVO DELLA LORO APPLICAZIONE IN ALTRI CONTESTI REGIONALI E GEOGRAFICI.

Programma esteso

IL CORSO RAPPRESENTA UNA RIFLESSIONE CRITICA SUI “CONCETTI GUARDIANI” DELL’ANTROPOLOGIA DEL MEDITERRANEO – ONORE, VERGOGNA, CLIENTELISMO, PARENTELA, COMPARAGGIO- NELLA CONCETTUALIZZAZIONE DEGLI STUDI PIONIERISTICI E NELLA LORO SUCCESSIVA DECOSTRUZIONE E RIFORMULAZIONE AD OPERA DEGLI STUDI CONTEMPORANEI. ALLA LUCE DEI LAVORI PIÙ RECENTI, SI ESPLORERANNO I CAMPI DI RICERCA – TECNICHE, SISTEMI SIMBOLICI, FORME DI RELIGIOSITÀ, GRANDI E PICCOLE TRADIZIONI- SVILUPPATI AI MARGINI DELLE CORRENTI DOMINANTI NEGLI STUDI MEDITERRANEISTI E IL LORO CONTRIBUTO ALL’AMPLIAMENTO DI PROSPETTIVA. TRA QUESTI, PARTICOLARE RILEVANZA SARÀ ATTRIBUITA ALL’ANALISI DEI DISCORSI E DELLE PRATICHE NAZIONALISTICHE INDAGATE ATTRAVERSO IL RICORSO ALLE CATEGORIE DI POETICA SOCIALE, “INTIMITÀ CULTURALE”, AGENCY E LA PRESENTAZIONE DI ALCUNI CASI ETNOGRAFICI SPECIFICI.

Bibliografia consigliata

D. ALBERA, A. BLOK, C. BROMBERGER, ANTROPOLOGIA DEL MEDITERRANEO, GUERINI E ASSOCIATI, 2007

- M. HERZFELD, INTIMITÀ CULTURALE. ANTROPOLOGIA E NAZIONALISMO, L’ANCORA DEL MEDITERRANEO, 2003

-L. RODEGHIERO, STORIA, RITUALI E CULTURA. PRATICHE E DISCORSI DELLA NAZIONE NELLA SLOVENIA POSTSOCIALISTA, CISU EDIZIONI, 2008

-S. BARBERANI, ANTROPOLOGIA E TURISMO. SCAMBI E COMPLICITÀ CULTURALI NELL'AREA MEDITERRANEA, GUERINI E ASSOCIATI, 2006

- G. SATTA, TURISTI A ORGOSOLO. LA SARDEGNA PASTORALE COME ATTRAZIONE TURISTICA, LIGUORI, 2001

- E. C. BANFIELD, LE BASI MORALI DI UNA SOCIETÀ AMORALE, IL MULINO, BOLOGNA, 2008

Metodi didattici

LEZIONI FRONTALI E SEMINARIALI