Anno di corso: 1

Anno di corso: 2

Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 22
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 2
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 2
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 2
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 2
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 2
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 2
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 2
Tipo: A scelta dello studente

Anno di corso: 3

Crediti: 26
Crediti: 6
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 2
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 6
Tipo: Lingua/Prova Finale

EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE E NEONATALI

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2014/2015
Anno di corso: 
3
Anno accademico di erogazione: 
2016/2017
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Crediti: 
6
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' didattica: 
62

Moduli

Metodi di valutazione

Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

Prova scritta: quiz a risposta singola/multipla e domande a risposta aperta breve. Colloquio finale.

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

Lo studente conoscerà clinica, diagnosi e trattamento delle emergenze ostetrico ginecologiche. Lo studente conoscerà clinica, diagnosi e trattamento delle principali patologie ed emergenze neonatali, delle principali complicazioni emorragiche del neonato e delle più frequenti patologie cardiorespiratorie. Lo studente saprà inoltre descrivere le tecniche di supporto respiratorio e conoscere ed attuare la rianimazione neonatale. Lo studente saprà descrivere le modificazioni fisiologiche in gravidanza di interesse anestesiologico. Al termine del corso lo studente sarà in grado di definire i principi per la valutazione preoperatoria in ostetricia e la quantificazione e pianificazione del rischio operatorio in ostetricia. Lo studente saprà descrivere le tecniche di preanestesia, le tecniche di controllo delle vie aeree, le apparecchiature anestesiologiche. Lo studente conoscerà i principali monitoraggi respiratori e cardio-circolatori usati in ostetricia. Lo studente sarà in grado di conoscere i principi di assistenza in sala parto, sala operatoria e post operatorio, i principi di anestesia generale e anestesia loco regionale in ostetricia, per taglio cesareo e per altra chirurgia ostetrica. Lo studente conoscerà i principali effetti e/o complicanze dei farmaci anestetici sul feto e sulla gravidanza. Lo studente conoscerà la definizione di urgenza/emergenza e saprà mettere in atto le tecniche di comunicazione tra gli operatori sanitari. Lo studente conoscerà la gestione delle urgenze/emergenze emorragiche, cardiovascolari e respiratorie, neurologiche, endocrino-metaboliche, della help sindrome. Lo studente sarà in grado di conoscere e attuare l’assistenza ostetrica alle urgenze emorragiche della gravidanza iniziale, della gravidanza avanzata, del post-partum e puerperio. Lo studente sarà in grado di conoscere e attuare l’assistenza ostetrica alle urgenze ostetriche non emorragiche. Lo studente sarà in grado di conoscere e attuare l’assistenza ostetrica alle urgenze ginecologiche.

Contenuti

Il corso fornisce allo studente le nozioni relative alle situazioni di urgenza-emergenza in ambito ostetrico, ginecologico e neonatale; fornisce inoltre la competenza assistenziale nelle situazioni ad alto rischio di morbosità e mortalità materna e feto-neonatale. Il corso fornisce allo studente le nozioni di base relative all’anestesiologia e rianimazione e i criteri di scelta terapeutica in ostetricia, ginecologia e neonatologia.

Programma esteso

EMERGENZE OSTETRICO GINECOLOGICHE MED\40
Urgenze\emergenze ginecologiche
Urgenze\emergenze ostetriche emorragiche 1° Trimestre di gravidanza: Aborto, Gravidanza ectopica
Urgenze\emergenze ostetriche emorragiche 2°, 3° Trimestre di gravidanza: Distacco di placenta, Placenta praevia, Vasi previ, Traumi della gravidanza, Rottura dell’utero.
Urgenze\emergenze ostetriche non emorragiche: Procidenza-Prolasso di funicolo. Embolia da liquido amniotico, Distocia di spalle
Urgenze\emergenze ostetriche non emorragiche : DIC, HELLP
Urgenze\emergenze ostetriche emorragiche del post-partum e puerperio: Atonia uterina, Ritenzione di placenta, Inversione uterina, Ematomi,
EMERGENZE NEONATALI MED/38
STEN trasporto emergente del neonato;
Patologia endocrino-metabolica: ipocalcemia, ipernatriemia; neonato di bassissimo peso
Patologia gastro-enterica: ostruzioni del tratto intestinale, enterocolite necrotizzante
Patologia renale insufficienza renale acuta nefro-uropatie malformative
Patologia neurologica: asfissia neonatale, quadri comportamentali, clinici-strumentali di patologia del SN
Patologia ematologica: anemia policitemia trombocitopenia coagulopatie neonatali patologie da malattie autoimmuni materne
Patologia infettiva (shock settico batterica virale micotica)
Patologia respiratoria (sindrome d’aspirazione meconiale, apnee sindrome da distress respiratorio, polmonite tachipnea transitoria sindromi da air-leak, malformazioni delle vie aeree malformazioni polmonari)
Incidenti domestici
Rianimazione neonatale
adattamento feto-neonatale
asfissia neonatale
rianimazione cardio-polmonare in sala parto (tappe iniziali della rianimazione, aspirazione delle vie aeree, ventilazione con pallone e maschera, massaggio cardiaco esterno, assistenza all’intubazione tracheale
stabilizzazione del neonato critico
ANESTESIOLOGIA MED/41
Modificazioni fisiologiche extra genitali in gravidanza di interesse anestesiologico
Definizione di Urgenza/Emergenza
Il dolore: sistemi di conduzione. Analgesia epidurale in travaglio, Anestesia Generale, Anestesia Loco Regionale
Valutazione preoperatoria in ostetricia, ginecologia e neonatologia: rischio operatorio
Apparecchiature anestesiologiche
Principali monitoraggi respiratori e cardio-circolatori usati in ostetricia
Assistenza in sala parto, sala operatoria e post operatorio
Principali farmaci anestesiologici: effetti, complicanze materno-fetali
Raccomandazione Ministero della Salute per la sicurezza in sala operatoria
Rianimazione cardio –polmonare nella donna adulta
Rianimazione cardio - polmonare nella donna in gravidanza
ASSISTENZA OSTETRICA ALLE EMERGENZE MED/47
Lo studente, avvalendosi del Midwifery Partnership, del Midwifery Management e delle Scale di valutazione delle Scienze Ost-Gin e Neonatali, deve sapere Conoscere il sistema di gestione del rischio clinico impiegato nelle emergenze TRIAGE:
Applicare l’accertamento ostetrico in condizione di emergenza
Identificare il codice colore
Identificare, applicare i principi scientifici e le procedure di assistenza ostetrica nell’ambito delle
emergenze nel secondo e terzo trimestre di gravidanza
(Assistenza ostetrica alle urgenze emorragiche della gravidanza iniziale: Aborto, Gravidanza ectopica (GEU), Mola vescicolare); (Assistenza ostetrica alle urgenze emorragiche della gravidanza avanzata, Distacco di placenta, Placenta praevia, Vasi praevi, Traumi della gravidanza, Rottura dell’utero). Shock ostetrico
emergenze emorragiche del post-partum e puerperio (Atonia uterina Ritenzione di placenta Traumi da parto, Inversione uterina Ematomi )
emergenze non emorragiche: prolasso - procidenza di funicolo, embolia da liquido amniotico. Distocia di spalle
Applicare i principi scientifici e le procedure assistenziali (in collaborazione con i medici anestesisti) nella gestione dei metodi di monitoraggio non-invasivo ed invasivo dei parametri vitali)
Applicare i principi scientifici e le procedure assistenziali nella gestione dei farmaci life-saving (emoderivati, em

Bibliografia consigliata

PAIRMAN S., PINCOMBE J., THOROGOOD C., TRACY S. Midwifery. Preparation for practice, Churchill Livingstone - Elsevier, Marrikville, 2010, capp. 33, 36, 38, 39. BILLINGTON MARY & STEVENSON MANDY, Critical Care in Childbearing for Midwives, Blackwell Publishing, 2007
MACKWAY KEVIN - JONES, JANET MARSDEN, JILL WINDLE, Manchester Triage System (MTS), 2° edition 2005. CAMBIERI, GIRARDI, D’ALFONSO, LUONGO,BOCK, Il reparto operatorio. Progettazione, organizzazione, Controllo, 1° ed. Il pensiero scientifico editore, Roma 2010
ANGELINI D.J, LAFONTAINE D., Obstetric Triage and Emergency Care Protocols. 2013 Springer Publishing Company e-book
AMICO-ROXAS, CAPUTI, DEL TACCA, Compendio di farmacologia generale e speciale, Ed.: UTET, 2007. TESI DI APPROFONDIMENTO: Raynor Maureen, Marshall Jayne and Jackson Kare. Midwifery practice: critical illness, complications and Emergencies case book, MacGraw Hill,,2013;WHO: Basic Newborn Resuscitation, 2012; Guidelines for the management of postpartum haemorrhage and retained placenta, 2009;Recommendation for the prevention of postpartum haemorrage, 2007; Managing complications in pregnancy and childbirth: a guide for midwives and doctors, 2003; ICM, Managing eclampsia Education material for teachers of teachers of midwifery, 2008; Recommendations for the Prevention of Postpartum Haemorrhage, 2007. Ministero della Salute: Raccomandazione 6/2008 per la prevenzione della morte materna o malattia grave correlata al travaglio e/o parto. Documento di integrazione ed indirizzo relativo alla raccomandazione per la prevenzione della morte materna correlata al travaglio e/o al parto, aprile 2007; RCOG: Bacterial Sepsis in Pregnancy Green-top Guideline No. 64a, 2012. Bacterial Sepsis following Pregnancy Green-top Guideline No. 64b, 2012. Shoulder Dystocia, Green-top Guideline No. 42, 2012. Prevention and management of postpartum haemorrhage, Green-top Guideline No. 52, May 2009 minor revision november 2009. The Management of Severe PRE-eclampsia/eclampsia Guideline No 10, 2005. The role of emergency and elective interventional radiology in postpartum haemorrhage, RCOG, RC of Radiologists, British Society of Interventional Radiology, Good Practice No. 6, June 2007. TABITHA A CAMPBELL, TRACY G SANSON, Cardiac Arrest and pregnancy, Journal of Emergencies, Trauma and Shock 2009; January-April Vol 2 Issue 1 Traduzione a cura di Carlo Arrigo, Pronto Soccorso di Montichiari (BS). ACOG Critical Care in Pregnancy Clinical Management Guidelines for Obstetricians- Gynecologists, OBSTETRIC & GYNECOLOGY, Vol. 113, No. 2, part1, february 2009 Practice bulletin number 100. STEPHANIE R. MARTIN, MICHAEL R. FOLEY, Intensive care in obstetric: an evidence-based review, American Journal of Obstetrics & Gynecology, 195, 637-89, may 2006. SIMTI , SIGO Raccomandazioni per la prevenzione ed il trattamento della malattia Emolitica del Feto e del Neonato, 2014.

Metodi didattici

Lezioni frontali ed esercitazioni