Anno di corso: 1

Crediti: 3
Crediti: 3
Crediti: 3
Crediti: 3
Crediti: 7
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 1
Tipo: Altro
Crediti: 2
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 1
Tipo: Altro
Crediti: 2
Tipo: Altro
Crediti: 1
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 2
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro

Anno di corso: 2

Crediti: 15
Crediti: 12
Crediti: 15

Anno di corso: 3

Anno di corso: 4

Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Tipo: A scelta dello studente

Anno di corso: 5

Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 6
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 6
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 32
Tipo: Lingua/Prova Finale

DIRITTO DELL'UNIONE EUROPEA

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2014/2015
Anno di corso: 
3
Anno accademico di erogazione: 
2016/2017
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
9
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' didattica: 
63
Prerequisiti: 

Gli studenti devono aver superato l’esame di Diritto internazionale.

Moduli

Metodi di valutazione

Tipo di esame: 
Orale
Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

Prova orale per gli studenti non frequentanti; opzione di n. 1 prova scritta per gli studenti frequentanti.
La partecipazione a tali verifiche è riservata a coloro che hanno seguito con assiduità.
La frequenza verrà rilevata nel corso delle lezioni.

E' possibile accedere alla piattaforma di e-learning dove sono reperibili quiz di autovalutazione per verificare la propria conoscenza della materia.

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

Lo scopo del corso è quello di introdurre gli studenti al funzionamento dell’ordinamento dell’Unione europea.
Esso comprende i valori fondanti l’Unione, la cittadinanza europea e la protezione dei diritti fondamentali, i principi di attribuzione, di sussidiarietà e di proporzionalità, le relazioni esterne, il sistema istituzionale, le fonti del diritto dell’UE, il sistema di tutela giurisdizionale, i rapporti tra il diritto dell’Unione e quello degli ordinamenti nazionali.

Contenuti

Il corso è volto a fornire una visione complessiva dell’evoluzione istituzionale del diritto dell’Unione europea, quale codificato nel Trattato di Lisbona.

L’evoluzione della materia è affrontata mediante il riferimento sistematico alla giurisprudenza della Corte di giustizia dell’Unione europea e del Tribunale. L’intento è quello di illustrare il contributo significativo che detta giurisprudenza ha dato all’affermazione delle competenze dell’Unione e alla precisazione dei caratteri e dei principi generali del diritto dell’Unione europea.

Programma esteso

Nel corso delle lezioni verranno esaminati, dapprima, le origini storiche delle Comunità europee e dell’Unione europea e l’evoluzione dell’ordinamento comunitario fino al trattato di Lisbona, compreso un raffronto con il trattato-Costituzione; seguirà l’esame dei principio di democrazia e dei valori fondanti l’Unione, i principi costituzionali e la cittadinanza europea; il sistema delle competenze, il principio di attribuzione, di sussidiarietà e di proporzionalità.
In seguito, verranno esaminati nel dettaglio il quadro istituzionale, con specifico riferimento all’evoluzione delle competenze e alla composizione delle istituzioni; il sistema delle fonti e gli atti dell’Unione europea e la loro efficacia, la funzione legislativa e quella di controllo ; la funzione giurisdizionale, contenziosa e non contenziosa.
Verranno altresì forniti cenni all’azione esterna dell’Unione, alla politica estera e di sicurezza comune e alle relazioni commerciali dell’Unione.
Infine verranno esaminati i rapporti tra l’ordinamento dell’Unione europea e l’ordinamento italiano, con particolare attenzione all’evoluzione della legge per l’attuazione degli obblighi comunitari e ai rapporti con le regioni.

Bibliografia consigliata

1. Per la preparazione dell’esame si consiglia uno fra i seguenti testi (in alternativa tra loro).
NB A causa delle sostanziali modifiche intervenute con il Trattato di Lisbona, si raccomanda di studiare sull’ultima edizione!:

- R. ADAM, A. TIZZANO, Lineamenti di Diritto dell’Unione europea, III edizione, Giappichelli, Torino, 2014
(attenzione: "Lineamenti" ; a cura degli stessi autori esiste anche un "Manuale... " che è più ampio!!)
oppure
- G. STROZZI, R. MASTROIANNI, Diritto dell’Unione europea. Parte istituzionale, VI edizione, Giappichelli, Torino, 2013
oppure
- U. VILLANI, Istituzioni di Diritto dell’Unione europea, IV edizione, Cacucci, Bari, 2016.

Per la consultazione dei Trattati si consiglia F. POCAR F., M. TAMBURINI, Norme fondamentali dell’Unione europea, 14a ed., Giuffré, Milano, 2009

La versione consolidata del Trattato sull'Unione europea e del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea, è altresì reperibile al seguente indirizzo
http://eur-lex.europa.eu/it/treaties/index.htm

Modalità di erogazione

Convenzionale

Metodi didattici

Verrà dedicata particolare attenzione all’analisi della giurisprudenza della Corte di giustizia. È incoraggiata la partecipazione degli studenti in aula.

I materiali delle lezioni sono pubblicati sulla piattaforma e-learning del corso. Per potersi preparare alle lezioni gli studenti sono tenuti a procurarsi il materiale in anticipo.

Contatti/Altre informazioni