Anno di corso: 1

Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 2
Crediti: 16
Crediti: 3
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 3
Tipo: Altro

Anno di corso: 2

Crediti: 19
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente

Anno di corso: 3

Crediti: 25
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 6
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 6
Tipo: Lingua/Prova Finale

VALUTAZIONE TRATTAMENTO DEL SISTEMA DI MOVIMENTO

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2014/2015
Anno di corso: 
3
Anno accademico di erogazione: 
2016/2017
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Crediti: 
4
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' didattica: 
48

Moduli

Metodi di valutazione

Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

Prova scritta: quiz a risposta singola/multipla, domande a risposta aperta breve, prova pratica/orale Colloquio finale a discrezione del docente.

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

DIAGNOSTICA DIFFERENZIALE MUSCOLOSCHELETRICA: basi per definire una diagnosi di disfunzione del sistema di movimento, attraverso la raccolta dei segni, sintomi e risposte ai test funzionali
DISFUNZIONI UPPER QUARTER e DISFUNZIONI LOWER QUARTER: basi della fisiologia muscolare per comprendere l’utilizzo del test muscolare e le disfunzioni che si possono incontrare nella valutazione clinica. Identificare e trattare i problemi riguardanti il dolore muscolo scheletrico. Alterazioni, della precisione del movimento e conseguenti microtraumi, dal microtrauma al macrotrauma al dolore. Queste alterazioni nella precisione del movimento favoriscono lo sviluppo di movimenti compensatori in direzioni specifiche, classificabili come disfunzioni del sistema di movimento. I fattori che contribuiscono a queste disfunzioni del movimento sono le alterazioni della lunghezza, della forza, della rigidità dei muscoli e del loro schema di reclutamento, provocate da movimenti ripetuti e da posture mantenute. L’obiettivo della valutazione è l’identificazione delle disfunzioni del sistema di movimento e dei loro fattori contribuenti, informazioni necessarie per formulare una diagnosi che
indirizzerà il successivo trattamento.

Contenuti

Al termine del corso lo studente dovrà conoscere i principi metodologici alla base della valutazione funzionale e trattamento del sistema muscolo scheletrico ed essere in grado di eseguire i test di valutazione funzionale sui pazienti giungendo ad una definizione diagnostica funzionale che indirizzi all’applicazione di un
trattamento specifico.

Programma esteso

DIAGNOSTICA DIFFERENZIALE MUSCOLOSCHELETRICA
- Modello kinesiologico: rilevanza clinica Modello patokinesiologico: rilevanza clinica Modello kinesiopatologico: rilevanza clinica Disfunzioni dell’elemento base del sistema muscolare La forza muscolare: l’atrofia, ipertrofia, riduzione della forza per stiramento. Lunghezza muscolare: debolezza da sovra-allungamento, aumento
della lunghezza muscolare da stiramento, il muscolo allungato, il muscolo accorciato; modificazioni di lunghezza nei muscoli sinergici. Rigidità dei muscoli e dei tessuti molli, Flessibilità relativa compensatoria Disfunzioni dell’elemento base del s.scheletrico: variazioni strutturali nell’allineamento articolare Antitorsione retrotorsione dell’anca Disfunzioni dell’elemento base del s. nervoso Schemi di reclutamento alterato Dominanza scorretta negli schemi di reclutamento dei muscoli sinergici Reclutamento e flessibilità relativa Schemi di contrazione eccentrica
Disfunzioni degli elementi biomeccanici Statica: effetti delle forze gravitazionali
Dinamica: relazioni fra il movimento e le forze che lo producono Cinematica e disfunzioni delle funzioni articolari Disfunzioni multiple delle componenti del movimento Disfunzioni degli elementi di supporto Disfunzioni del cammino:
implicazioni cliniche Disfunzioni del quadrante superiore Disfunzioni: implicazioni strutturali e muscolari
UPPER QUARTER MOVEMENT IMPAIRMENTS and LOWER QUARTER
MOVEMENT IMPAIRMENTS
- Meccanismi di modificazione delle componenti: Debolezza-Ipertrofia muscolare
Fattori neurali e muscolari nell’allenamento della forza Muscolo normale -Muscolo atrofizzato Stiramento – rottura delle linee Z: rottura dei filamenti di actina e miosina
Stiramento muscolare
Cambiamenti associati alla lunghezza Aggiunta di sarcomeri in serie – movimento attivo Valutazione della performance muscolare Stretching muscolare: aumentare la lunghezza contro l’elasticità a breve range
Adattamenti della lunghezza muscolare Strategie di streching Cambiamenti dissociati nei sinergisti Rigidità muscolare: resistenza passiva all’allungamento
Flessibilità/rigidità relative Percorso di minor resistenza - quadrante inferiore.
Concetti e principi delle Disfunzioni del Sistema di movimento della colonna lombare e dell’arto inferiore Presentazioni delle 5 Sindromi Lombari e delle sindromi di anca, ginocchio e piede.
Analisi della Postura e del movimento Esempi di casi clinici Disfunzione della componente muscolare, biomeccanica e del controllo motorio,
Esame fisico: osservazione della postura, valutazione dell’allineamento, test in ortostatismo, in posizione supina, in posizione prona, in decubito laterale, in posizione quadrupedica, in posizione seduta, test del gradino e il cammino.
Lavoro a piccoli gruppi: valutazione completa, ragionamento clinico, formulazione della diagnosi di disfunzione del sistema di movimento del quadrante inferiore;
piano di trattamento del soggetto valutato nel gruppo
Discussione dei casi presentati dai vari gruppi. Verifica della diagnosi di disfunzione
del sistema di movimento e del piano di trattamento.
- quadrante superiore.
Concetti e principi delle Disfunzioni del Sistema di movimento della scapola,
dell’omero, cervicale e dorsale.
Presentazioni delle Sindromi di scapola, omero, cervicali e dorsali.
Analisi della Postura e del movimento
Esempi di casi clinici Disfunzione della componente muscolare, biomeccanica e del controllo motorio,
Esame fisico: osservazione della postura, valutazione dell’allineamento, test in ortostatismo, in posizione supina, in posizione prona, in decubito laterale, in posizione quadrupedica, in posizione seduta.
Lavoro a piccoli gruppi: valutazione completa, ragionamento clinico, formulazione della diagnosi di disfunzione del sistema di movimento del quadrante superiore;
piano di trattamento del soggetto valutato nel gruppo Discussione dei casi presentati dai vari gruppi.
Verifica della diagnosi di disfunzione del sistema di movimento e del piano di trattamento.

Bibliografia consigliata

- Valutazione e trattamento delle Sindromi da Disfunzioni del Movimento Autore:
Shirley Sahrmann Edizione italiana a cura di: G. Barindelli Editore: UTET Scienze Mediche 2005, 480 pagine
Movement System Impairment Syndromes of the Extremities, Cervical and Thoracic Spines - Shirley Sahrmann
Elsevier Health Sciences, Nov 19, 2010.

Metodi didattici

Lezioni frontali, esercitazioni

Contatti/Altre informazioni

Frequenza obbligatoria al 70% di ogni attività