Anno di corso: 1

Crediti: 3
Crediti: 3
Crediti: 3
Crediti: 3
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 1
Tipo: Altro
Crediti: 2
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 1
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 2
Tipo: Altro
Crediti: 1
Tipo: Altro
Crediti: 2
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro

Anno di corso: 2

Anno di corso: 3

Anno di corso: 4

Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6

Anno di corso: 5

Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 32
Tipo: Lingua/Prova Finale

DIRITTO GRECO

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2012/2013
Anno di corso: 
4
Anno accademico di erogazione: 
2015/2016
Tipo di attività: 
Opzionale
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
6
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' didattica: 
42

Moduli

Metodi di valutazione

Tipo di esame: 
Orale
Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

Prova orale

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

Raggiungere competenza e padronanza dei contenuti del corso

Contenuti

A partire dal prossimo anno accademico 2014/2015, la cattedra di Diritto Romano e quella di Diritto Greco si coordinano, allo scopo di mettere a disposizione degli studenti interessati alle radici storiche del diritto contemporaneo un’offerta didattica completa. L’offerta formativa dei due corsi svolgerà quindi un programma di ispirazione comune, declinato secondo le specificità dell’una e dell’altra materia, allo scopo di offrire agli studenti la possibilità di accedere ad un ‘discorso giuridico’ riguardante nel suo complesso la civiltà classica, tuttora componente fondamentale della cultura europea.
Il tema prescelto è: “Il ruolo del diritto nei rapporti tra femminile e maschile”.
Il corso verterà in particolare sull’organizzazione familiare, indagando il rapporto fra ruoli maschili e ruoli femminili: marito e moglie; padre e figli; madre e figli; fratello e sorella. Verranno poi presi in particolare considerazione in seguenti temi: la regolamentazione giuridica della partecipazione di donne e uomini alla vita sociale ed economica della città greca; i riflessi delle differenze di genere nella riflessione filosofica sulla città ideale (Platone, Aristotele), nelle opere letterarie (in particolare Tragedia e Commedia Antica e Nuova) e scientifiche (in particolare i trattati di medicina), e nella regolamentazione delle manifestazioni di culto (c.d. leggi sacre).
Non è richiesta la conoscenza del greco antico. I testi che verranno letti e commentati a lezione saranno tradotti in italiano.

Bibliografia consigliata

E. Cantarella, L’ambiguo malanno. Condizione e immagine della donna nell’antichità greca e romana, ed. Feltrinelli, 2010, pp. 256 (libro di testo comune a Diritto Romano; chi sostenga entrambi gli esami sarà tenuto a prepararlo per uno solo dei due esami).
Articoli pertinenti alle tematiche trattate a lezione e appunti dalle lezioni.

Studenti non frequentanti:
E.Cantarella, L’ambiguo malanno. Condizione e immagine della donna nell’antichità greca e romana, ed. Feltrinelli, 2010, pp.256 (libro di testo comune a Diritto Romano; chi sostenga entrambi gli esami sarà tenuto a prepararlo per uno solo dei due esami).
N. Loraux, Il femminile e l’uomo greco, Roma-Bari, Laterza, 1991

Modalità di erogazione

Convenzionale

Metodi didattici

Lezioni frontali