FISICA DELLO STATO SOLIDO

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2015/2016
Anno di corso: 
1
Anno accademico di erogazione: 
2015/2016
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
8
Ciclo: 
Annualita' Singola
Ore di attivita' didattica: 
66
Prerequisiti: 

Conoscenza della Analisi Matematica, nel campo reale e complesso, di alcune funzioni o distribuzioni speciali, dei fondamenti di cristallografia per diffrazione X.

Moduli

Metodi di valutazione

Tipo di esame: 
Orale
Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

esame orale

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

Il Corso si pone come obiettivo l’apprendimento di concetti, metodologie e modelli per la fisica dei solidi cristallini, perfetti ed infiniti. Viene stimolata la riflessione critica su quali elementi siano essenziali nella interpretazione dei risultati.

Contenuti

I Parte
BREVI RICHIAMI DI STRUTTURE CRISTALLINE
DINAMICA RETICOLARE NELLE TRE DIMENSIONI
PROPRIETA’ TERMICHE DEI SOLIDI ARMONICI E ANARMONICI
GAS DI ELETTRONI LIBERI E INDIPENDENTI
FONDAMENTI E CALCOLO DELLE BANDE ELETTRONICHE
TRASPORTO DI CARICA NEI METALLI
PARAMAGNETISMO, DIAMAGNETISMO E LIVELLI DI LANDAU
II Parte
IL CALCOLO DELLE BANDE ELETTRONICHE CON METODI AUTOCONSISTENTI
LO SCHERMO ELETTRONICO E LE ENERGIE STRUTTURALI DEI METALLI
IL FERROMAGNETISMO ITINERANTE E DA SPIN LOCALIZZATI
LA SUPERCONDUTTIVITA’ E LA TEORIA BCS

Programma esteso

Una prima parte del Corso è dedicata alla trattazione ai fenomeni descrivibili in termini di particelle
(elettroni, o fononi) non interagenti, con particolare attenzione a formare quella
capacità di sviluppare modelli analitici, che permettono di risolvere problemi complicati
mediante ingegnose semplificazioni. La seconda parte analizza invece quei fenomeni più
complessi, originati dalla interazione tra particelle, che danno luogo a rilevanti proprietà
macroscopiche dei solidi perfetti ed infiniti. In questa fase, viene posta l’attenzione sulla
comprensione di concetti poco intuitivi e sulla linea ideale del ragionamento, privilegiando -
anche qui - il carattere metodologico rispetto a quello antologico.
La complementazione di un Testo principale con diversi altri, a seconda dell’argomento,
costituisce parte importante dell’insegnamento metodologico, acquisire cioè l’abitudine a
consultare fonti diverse e a compararle criticamente.

Bibliografia consigliata

Testo Principale:
H. Ibach and H. Luth, Solids State Physics, Springer Verlag.
Testi Complementari:
N.W Ashcroft and N.D. Mermin, Solid State Physics, Saunders College Publishing.
F. Bassani e U. Grassano, Fisica dello Stato Solido, Casa Editrice Boringhieri
G. Grosso and G. Pastori Parravicini, Solid state Physics, Academic Press
C. Kittel, Introduction to Solid State Physics, John Wiley Publishing Co.
A.P. Sutton, Electronic Structure of Materials, Oxford University Press

Modalità di erogazione

Convenzionale

Metodi didattici

Lezione frontale ed esercitazioni