Anno di corso: 1

Anno di corso: 2

Crediti: 8
Crediti: 8
Crediti: 8
Crediti: 8
Crediti: 1
Tipo: Altro
Crediti: 2
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro

Anno di corso: 3

Crediti: 16
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 6
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 10
Tipo: Altro

PSICOLOGIA ECONOMICA E DEL LAVORO

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2015/2016
Anno di corso: 
3
Anno accademico di erogazione: 
2017/2018
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
8
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' didattica: 
56
Prerequisiti: 

Non ci sono prerequisiti, oltre a conoscenze psicologiche di base. Né è necessaria una formazione economica di qualche tipo.

Moduli

Metodi di valutazione

Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

Colloquio orale per tutti gli studenti; tesine redatte da singoli o da gruppi solo su base volontaria.

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

Conoscenza e comprensione
• La storia e le teorie della psicologia del lavoro
• La psicologia applicata alle organizzazioni.
• Kafka studioso delle organizzazioni
• Individualismo e collettivismo
• L’homo oeconomicus.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione
• Miglioramento dell’alfabetizzazione sui termini delle organizzazioni
• Conoscenze di base per decodificare un’organizzazione
• L’approccio narrativo alle organizzazioni
• Conoscenze di base per decodificare il lato economico degli eventi economici

Contenuti

L’insegnamento mira a fornire allo studente un’introduzione alle principali tematiche psicologiche necessarie alla comprensione delle dinamiche organizzative nei contesti lavorativi. L’insegnamento è inoltre finalizzato a un’introduzione generale allo studio delle variabili psicologiche nell’economia con particolare riferimento al tema dell’Homo Oeconomicus.

Programma esteso

• La struttura del modello economico agrario feudale
• Il collettivismo psicologico del modello economico agrario feudale
• La rivoluzione industriale e le sue implicazioni psicologiche: la nascita dell’individualismo
• Taylor e la nuova organizzazione di fabbrica
• Il superamento di Taylor e il movimento delle Human Relations
• Kafka esperto e narratore del lavoro
• La lunga e lenta fine del collettivismo nelle società occidentali
• Il problemi psicologici emergenti dall’egemonia dell’ homo oeconomicus individualista

Bibliografia consigliata

Novara F., Sarchielli G. (1996). Fondamenti di psicologia del lavoro. Bologna: Il Mulino (solo da p.50 a p.111).
Ferrari L. (2014). Alle fonti del kafkiano. Lavoro e individualismo in Franz Kafka. Piacenza: Vicolo del Pavone (capitoli: 1, 2, 3).
Ferrari L. (2016). L’ascesa dell’individualismo economico. Seconda edizione Piacenza: Vicolo del Pavone (capitoli: 1, 2, 3, 4, 16; un capitolo a scelta tra i capitoli: 5 -15).
Informazioni dettagliate circa altro materiale didattico saranno pubblicate sulla relativa pagina del sito e-learning.

Metodi didattici

Lezioni frontali, discussioni, seminari su temi scelti, gruppi di studio su argomenti specifici.