Anno di corso: 1

Crediti: 8
Crediti: 8

Anno di corso: 2

Crediti: 4
Crediti: 8
Crediti: 4
Crediti: 8
Crediti: 8
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 16
Tipo: Lingua/Prova Finale

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO COGNITIVO

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2015/2016
Anno di corso: 
1
Anno accademico di erogazione: 
2015/2016
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
8
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' didattica: 
56
Prerequisiti: 

Nessuno.

Moduli

Metodi di valutazione

Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

La prova d’esame consiste in una prova scritta costituita da domande
aperte e a scelta multipla, il cui superamento permette l’accesso
a un colloquio orale.

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

Apartire dalle domande alle quali le teorie dello sviluppo sono chiamate
a rispondere, l’obiettivo del corso è quello di fornire un quadro
del modo in cui diversi approcci teorici studiano e spiegano
l’emergere della conoscenza e la genesi delle funzioni cognitive.
Pur non trascurando gli approcci classici allo sviluppo cognitivo, il
corso darà ampio spazio anche ai modelli di spiegazione dello sviluppo
più recenti (Neuroscienze Cognitive dello Sviluppo, Connessionismo, Teorie dei sistemi dinamici, Neurocostruttivismo). Le
diverse posizioni teoriche saranno esemplificate attraverso l'analisi
delle interpretazioni proposte per spiegare lo sviluppo di alcune
funzioni cognitive (sviluppo motorio, percettivo, mnestico) e di alcuni
domini della conoscenza (l’elaborazione dei volti, il concetto di
oggetto, la teoria della mente). Il corso si propone di mettere in luce
il contributo che una prospettiva centrata sullo sviluppo può fornire
allo studio dell’architettura della mente umana, a fianco di altre discipline,
quali le neuroscienze e le scienze cognitive.

Contenuti

I temi e le domande delle teorie dello sviluppo cognitivo.
- Lo sviluppo motorio come terreno di confronto tra le posizioni
innatiste e le posizioni empiriste. L’approccio della Teoria dei sistemi
dinamici alla comprensione dello sviluppo motorio.
- Lo sviluppo percettivo.
- Lo sviluppo dei processi mnestici.
- Le evidenze sulle competenze precoci nei diversi domini della
cognizione e la loro interpretazione: i modelli innatisti e l'approccio
Neurocostruttivista.
- Il contributo dell’approccio connessionista allo studio dello sviluppo
cognitivo.
- Le Neuroscienze Cognitive dello Sviluppo e il Neurocostruttivismo.
La rivalutazione del ruolo dell’esperienza nei processi di sviluppo;
il nuovo significato del termine “innato”; il processo di
modularizzazione e l’emergere della specializzazione neuro-cognitiva.
- Un confronto tra gli approcci classici e l’approccio neurocostruttivista
allo studio dello sviluppo della cognizione sociale: il riconoscimento
dei volti, la teoria della mente, la comprensione delle
azioni e delle emozioni altrui.
- La prospettiva delle neuroscienze cognitive nello studio della
mente che invecchia.
Le conoscenze acquisite nel corso delle lezioni verranno integrate
attraverso la presentazione di ricerche che utilizzano diversi paradigmi
sperimentali per lo studio della cognizione infantile. Verranno presentate e discusse in particolare ricerche i cui risultati
hanno dato luogo a interpretazioni contrastanti circa il ruolo dei
fattori innati e dell’esperienza nello sviluppo della cognizione
umana.

Bibliografia consigliata

Slide delle lezioni.
Macchi Cassia V., Valenza E., Simion F. (2012). Lo sviluppo della
mente umana. Dalle teorie classiche ai nuovi orientamenti. Bologna:
Il Mulino (Cap. 1, pp. 13-29, Cap. 4, 5, 6, 7, 8, 9, pp. 85-261).
Barone L. (2009). Manuale di psicologia dello sviluppo. Roma:
Carocci (Cap. 4 pp. 93-133).
Lecce S., Cavallini E., Pagnin A. (2007). La teoria della mente
nell’arco di vita. Bologna: Il Mulino (Cap. 1, 2, 3 pp. 11-92).
Meltzoff A.N. (2005). Imitation and other minds: The “like me” hypothesis.
In S. Hurley, N. Chater (Eds.), Perspectives on imitation:
From neuroscience to social science (Vol. 2, pp. 55-77).
Cambridge, MA: MIT Press.
Blackmore S.R. (2008). The social brain in adolescence. Nature
Reviews Neuroscience, 9, 267-277.

Metodi didattici

Lezioni frontali.