Anno di corso: 1

Crediti: 3
Crediti: 3
Crediti: 3
Crediti: 3
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 1
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 2
Tipo: Altro
Crediti: 1
Tipo: Altro
Crediti: 2
Tipo: Altro
Crediti: 1
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 2
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro

Anno di corso: 2

Crediti: 15
Crediti: 12
Crediti: 15

Anno di corso: 3

Anno di corso: 4

Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 3
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 6
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 3
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 3
Tipo: A scelta dello studente

Anno di corso: 5

Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 6
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 6
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 6
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 6
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 6
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 32
Tipo: Lingua/Prova Finale

STORIA DEL DIRITTO DI FAMIGLIA

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2015/2016
Anno di corso: 
4
Anno accademico di erogazione: 
2018/2019
Tipo di attività: 
Obbligatorio a scelta
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
6
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' didattica: 
42
Prerequisiti: 

Si chiede lo studio e il superamento dell’esame di Storia del diritto medievale e moderno dal momento che lo studio della storia del diritto di famiglia presuppone e richiede la conoscenza delle normative e del pensiero giuridico che hanno caratterizzato l’esperienza europea dal medioevo alla contemporaneità.

Moduli

Metodi di valutazione

Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

Prova orale
Allo studente si chiede di mostrare approfondita conoscenza del programma svolto e delle fonti analizzate, capacità di analisi critica, di sviluppo di ragionamento dialettico e di conoscenza dell'evoluzione del diritto di famiglia, cogliendo continuità e discontinuità rispetto al passato; si richiede inoltre proprietà di linguaggio, conoscenza delle categorie giuridiche relative al diritto di famiglia, della dottrina e della giurisprudenza analizzata.

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

Il corso si propone di fornire uno specifico apprendimento della storia del diritto di famiglia, al fine di meglio comprendere il presente e i suoi possibili sviluppi futuri. In particolare, lo studente frequentante avrà modo di essere parte attiva (e non solo lettore passivo di manuali) attraverso l’analisi di fonti e documenti. Si vuole aiutare lo studente frequentante a sviluppare la capacità di soluzione di casi pratici offerti dall’esperienza del passato e alla luce delle normative volta per volta in vigore. In questo modo si vuole consentire allo studente di approcciarsi all’interpretazione delle fonti, acquisendo la consapevolezza che il giurista opera attraverso tecniche logico-argomentative valide in ogni tempo

Contenuti

Il corso si propone lo studio della storia del diritto di famiglia, evidenziando continuità e discontinuità nel processo evolutivo. Al centro del corso vi è lo studio di tematiche classiche (patria potestà, condizione dei figli, ruolo e condizione giuridica della donna, rapporti patrimoniali tra coniugi, dote, fedecommesso, matrimonio, separazione e divorzio ecc.), delineando le trasformazioni più significative avvenute dal medioevo ad oggi, senza trascurare i profili penalistici che attraversano la legislazione familiare. Legislazione, dottrina e giurisprudenza saranno i tre poli privilegiati di osservazione per cogliere la dimensione della famiglia italiana ed europea nel delicato transito dal sistema d’ancien regime, connotato da un forte particolarismo e pluralismo di fonti, a quello codicistico dell’Ottocento borghese.

Programma esteso

Eredità del passato: dalla famiglia medievale all’età moderna; “patrimonio e affetti”: successione, dote e fedecommesso; il cuore e la ragione: il matrimonio tra libero consenso e alleanze familiari; il matrimonio clandestino; la patria potestà nel tempo: dovere o potere?; “la sposa obbediente”: il ruolo della donna nella famiglia tra ancien régime ed esperienza codicistica; la famiglia nel XVIII secolo: critiche e istanze riformiste; la legislazione rivoluzionaria; il ritorno al passato: codice francese e austriaco tra conservatorismo e modernità; quale famiglia per l’Ottocento?: i codici europei a confronto con le scelte italiane; il matrimonio civile: conquista del nuovo secolo?;le scelte in tema di famiglia dell'Italia unita; la separazione personale dei coniugi tra legislazione e prassi giurisprudenziale; la battaglia divorzista; dal codice Pisanelli a quello del 1942 tra slanci riformistici ed esiti innovativi

Bibliografia consigliata

Testi di riferimento per soli frequentanti
Agli studenti frequentanti è riservato l’accesso ad un’apposita piattaforma e-learning, sulla quale potranno trovare i materiali didattici, le fonti, normative, dottrinali e giurisprudenziali, illustrate e commentate a lezione, un forum interattivo con il docente e le dispense integrali del corso.
Testi di riferimento per non frequentanti
1. E. DEZZA, Lezioni di Storia della codificazione civile. Il Code Civil (1804) e l’Allgemeines Bürgerliches Gesetzbuch (ABGB, 1812), Giappichelli, Torino, 2000.
2. G. VISMARA, Il diritto di famiglia in Italia dalle riforme ai codici, Giuffrè, Milano, 1978.

Metodi didattici

Lezione frontale; uso della piattaforma e-learning; uso di fonti e documenti del tempo; proiezioni di slides e video.