SERVIZIO SOCIALE IN EUROPA

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2015/2016
Anno di corso: 
1
Anno accademico di erogazione: 
2015/2016
Tipo di attività: 
Obbligatorio a scelta
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
6
Ciclo: 
Secondo Trimestre
Ore di attivita' didattica: 
48
Prerequisiti: 

Padronanza delle conoscenze teoriche e metodologiche di base relative al servizio sociale e buone capacità di apprendimento, di scrittura e comunicazione orale.

Moduli

Metodi di valutazione

Tipo di esame: 
Orale
Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

Tesina per i frequentanti, esame orale per tutti gli altri.

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

Conoscenza e comprensione
Fornire una prospettiva storica e comparata dell’evoluzione del servizio sociale in Europa, sotto il profilo delle teorie e della pratica professionale.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione
Acquisire consapevolezza degli effetti della globalizzazione sul servizio sociale e sull’importanza di azioni di policy practice

Contenuti

- Il servizio sociale in Europa: aspetti comuni e differenze
- La globalizzazione e gli effetti sul servizio sociale
- Il servizio sociale internazionale
- I modelli teorici di servizio sociale in Europa

Programma esteso

Nel corso verranno presentati studi e analisi sulle teorie e sulla pratica del servizio sociale in Europa, in una prospettiva comparata e con approfondimenti sulle esperienze di alcuni paesi. Si analizzerà quanto il servizio sociale professionale, fortemente incardinato nelle diverse realtà nazionali, abbia per sua natura
prodotto esperienze e assunto forme organizzative profondamente differenziate, pur aspirando ad un grado di universalità, attendibilità scientifica, autonomia professionale e responsabilità morale. Allo stesso tempo, si rifletterà sul servizio sociale europeo alla luce degli effetti della globalizzazione per far prendere consapevolezza della necessità di acquisire anche a livello locale, una prospettiva
internazionale e attivare interventi di policy practice

Bibliografia consigliata

Testo obbligatorio comune:
W. Lorenz, “La globalizzazione e il servizio sociale”, Carocci, Roma

Un testo obbligatorio a scelta tra:
a) Bortoli B., “I giganti del lavoro sociale”, Erickson, Trento, (2006);
b) Campanini A., Frost E. (edited by), “European Social Work. Commonalities and Differences”, Carocci, Roma, (2004);
c) Dominelli L., “Il servizio sociale. Una professione che cambia”, Erickson, Trento, (2005);
Social Workers
d) Gal J, Weiss-Gal I. (editor) “Influencing Social Policy: An International Perspective on Policy Practice”, Policy Press, Bristol (2012);
e) Hämäläinen J., Littlechild B., Chytil O., Sramata M., Jovelin E. (editors), “Evolution of Child Protection and Child Welfare Policies in Selected European Countries”, Publisher University of Ostrava – ERIS with Albert Publisher;
f) Healy L., “International Social Work. Professional Action in an Interdipendent World”, Oxford Press (2008, 2nd edition);
g) Lyons K., Lawrence S. (eds), “Social Work in Europe: Educating for Change”, Birmingham, Venture Press, (2006);
h) Lyons K., Manion K., Carlsen M., (eds), “International perspectives on social work. Global conditions and local practice”, New York, Palgrave MacMillan (2006);
i) Payne M., Askeland G.A., “Globalization and International Social Work: Postmodern Change and challenge”, Ashgate, (2008);
j) Payne M., “Modern Social Work Theories”, Palgrave MacMillan, Basingstoke, (2005);
k) Welbourne P, Dixon J. (editors), “Protecting Children: A Global Appraisal”, Jessica Kingsley Publishers, London, (2013).

Metodi didattici

Lezione e lavoro di gruppo. La docente verrà affiancata da studiosi e formatori, esperti a livello europeo e internazionale.