TECNOLOGIE DELLA FORMAZIONE

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2015/2016
Anno di corso: 
1
Anno accademico di erogazione: 
2015/2016
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
8
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' didattica: 
56
Prerequisiti: 

- gli studenti devono possedere conoscenze base dell'uso delle tecnologie e di internet. Si ritiene sufficiente il conseguimento dei 3 cfu di informatica obbligatori dei corsi di laurea triennale;

Moduli

Metodi di valutazione

Tipo di esame: 
Orale
Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

Orale

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

- Possedere conoscenze riguardanti le teorie della formazione e della didattica on line per adulti;
- conoscere i modelli di apprendimento e le metodologie di insegnamento on line e blended;
- padroneggiare e gestire le procedure relative all'analisi delle domande di formazione continua e di educazione permanente connesse ai bisogni individuali;
- gestire momenti formativi d'aula e in rete, in situazioni di gruppo, anche mediante tecnologie informatiche e a distanza;
- conoscere le metodologie di intervento formativo;
- gestire attività di progettazione e valutazione delle domande di formazione.

Contenuti

-Didattica on line
-Ambienti per l’apprendimento in rete
-Gli oggetti di conoscenza multimediali
-E-learning
-Comunità di apprendimento e di pratica
-Recenti sviluppi del mercato dell’e-learning

Programma esteso

Il corso è erogato in blended learning e si focalizza sulla comprensione della natura della didattica on line, in modo specifico i processi formativi in e-learning per gli adulti. Il percorso è inizialmente centrato sull’analisi di tre dimensioni della formazione attraverso la rete: l'ambiente, le attività e gli oggetti di conoscenza e prosegue con attività laboratoriali che prevedono anche le fasi progettuali di un percorso formativo on line per adulti. Nelle fasi laboratoriali si consiglia agli studenti di portare il portatile a lezione. I non frequentanti hanno due possibilità per sostenere l'esame: possono aderire al percorso blended che prevede tre e-activity (attività on line) oppure scegliere il programma tradizionale.

Bibliografia consigliata

1. Garavaglia A. (2010). Didattica on line. dai modelli alle tecniche. Milano: Unicopli

2.un testo a scelta tra
a. Garavaglia A. (2006). Ambienti per l'apprendimento in rete: gli spazi dell'e-learning, Bergamo: Edizioni Junior.

b. Garavaglia A. (2014). Transmedia Education. Milano: Unicopli.
3. Petti L. (2011). Apprendimento informale in rete: dalla progettazione al mantenimento delle comunità on line. Milano: Franco Angeli.
4. un articolo a scelta:

a. Al-Qahtani, A. A.Y. and Higgins, S.E. (2012), Effects of traditional, blended and e-learning on students' achievement in higher education. Journal of Computer Assisted Learning. doi: 10.1111/j.1365-2729.2012.00490.x

b. Downes, S. (2010, 12 05). The role of the educator . Huffpost Education. Retrieved from http://www.huffingtonpost.com/stephen-downes/the-role-of-the-educator_b_790937.html

c. Ossiannilsson, E. and Landgren, L. (2012), Quality in e-learning – a conceptual framework based on experiences from three international benchmarking projects. Journal of Computer Assisted Learning, 28: 42–51. doi: 10.1111/j.1365-2729.2011.00439.x

d. Marshall, S. (2012), Improving the quality of e-learning: lessons from the eMM. Journal of Computer Assisted Learning, 28: 65–78. doi: 10.1111/j.1365-2729.2011.00443.x

e. Hamza-Lup, F. G. and Sopin, I. (2009). Web-Based 3D and haptic interactive environments for e-Learning, simulation, and training web information systems and technologies. volume 18 of Lecture Notes in Business Information Processing, chapter 26, pages 349–360. Springer Berlin Heidelberg, Berlin, Heidelberg.

f. Cheng, Y.-M. (2011), Antecedents and consequences of e-learning acceptance. Information Systems Journal, 21: 269–299. doi: 10.1111/j.1365-2575.2010.00356.x

g. Du, H., Hao, J.-X., Kwok, R. and Wagner, C. (2010), Can a lean medium enhance large-group communication? Examining the impact of interactive mobile learning. J. Am. Soc. Inf. Sci., 61: 2122–2137. doi: 10.1002/asi.21376

Metodi didattici

Lezione frontale
Lavori di gruppo
Videoconferenza
Discussione on line
Attività on line