Anno di corso: 1

Anno di corso: 2

Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 12
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 3
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 33
Tipo: Lingua/Prova Finale

LABORATORIO DI INTERACTION DESIGN

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2015/2016
Anno di corso: 
2
Anno accademico di erogazione: 
2016/2017
Tipo di attività: 
Obbligatorio a scelta
Crediti: 
6
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' didattica: 
52

Moduli

Metodi di valutazione

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

Questo corso mette lo studente in condizione di analizzare, progettare e realizzare (in forma prototipale) un sistema per l'utente finale ad alta interattività in campi diversi come il web computing, l’ubiquitous computing, l’internet delle cose

Contenuti

• 1. L'interaction design come nuovo modo di progettare
• 2. Qualità dei sistemi interattivi
• 3. Semplicità (John Maeda)
• 4. Apertura, molteplicità, continuità
• 5. Discussione di alcuni progetti
• 6. Presentazione dei temi su cui svolgere il progetto

Programma esteso

1 L'Interaction Design e le sue qualità

2 Discussione di alcuni progetti

3 Progettazione da parte degli studenti

Bibliografia consigliata

 G. De Michelis, Aperto, molteplice, continuo, Dunod Italia Milano, 1998.
 G. De Michelis, The Swiss Pattada: designing the ultimate tool, (with original drawings by Marco Susani), Interactions, 10.3, 2003, pp. 44-53.
 G. De Michelis, The Design of Interactive Applications: A Different Way - First Notes, in P: Spirakis, A, Kameas, S. Nikoletseas (editors), Proceedings of the International workshop on Ambient Intelligence Computing, Santorini (Greece), June 2003, pp. 101-114.
 G. De Michelis, Situare le workstation: itsme, Sistemi Intelligenti 24.1, 2012 pp. 141-156.
 J Maeda, Le leggi della semplicità, Bruno Mondadori, 2007.
 R. Polillo, Facile da usare. Una moderna introduzione alla ingegneria della usabilità, Milano: Apogeo. 2010.
 Telier. Design Things, MIT Press, 2011
 Telier, G. Jacucci, G. De Michelis, Il design degli ambienti interattivi, in: L. Gamberini, L. Chittaro, F. Paternò (a cura di), Human Technologies Interaction, Pearson, 2012 (in corso di stampa).

Metodi didattici

Il corso è principalmente una esperienza di design. Le lezioni e i materiali didattici sono aiuti che possono guidare l’attività di design degli studenti. L’assenza di materiali didiattici ben organizzati non è casuale: la conoscenza di cui abbiamo bisogno per progettare qualcosa di nuovo non è già scritta in un libro!