ANTROPOLOGIA DELLA PARENTELA E DI GENERE

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2016/2017
Anno di corso: 
1
Anno accademico di erogazione: 
2016/2017
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
8
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' didattica: 
56
Prerequisiti: 

Conoscenze di base di antropologia culturale.

Moduli

Metodi di valutazione

Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

La valutazione finale dipenderà da:
1) frequenza e partecipazione alle lezioni
2) presentazioni scritte e orali su argomenti assegnati dalla docente
3) esame finale scritto sul manuale
4) esame orale sugli altri testi.

Gli studenti che non potranno seguire le lezioni dovranno preparare un testo aggiuntivo. La loro valutazione si baserà esclusivamente sull’esame finale orale che verterà sia sul manuale che sugli altri testi indicati in bibliografia.
Gli studenti non frequentanti sono invitati a contattare la docente per eventuali chiarimenti sul programma d’esame.

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

Il corso intende:
1) fornire gli strumenti per una riflessione critica sulla costruzione dei vincoli parentali e sulla distinzione tra “biologico” e “sociale”;
2) stimolare la comprensione teorica della costruzione sociale dei corpi e delle sue conseguenze;
3) mostrare la rilevanza della prospettiva di genere come strumento metodologico.

Contenuti

Il corso presenta i principali sviluppi teorici dell’antropologia della parentela e di genere. Affronta quindi i dibattiti contemporanei sulla costruzione sociale dei corpi e della riproduzione e sulla natura del vincolo parentale.
Oltre ad introdurre le principali correnti di pensiero sull’argomento, il corso intende familiarizzare gli studenti con la prospettiva di genere, mettendo in evidenza i modi in cui questa ha consentito di mettere in discussione la teoria.

Programma esteso

Nel dibattito antropologico attuale inerente alla parentela i rapporti tra il dato biologico della riproduzione e le relazioni parentali appaiono più complessi rispetto al passato. Tale trasformazione si deve in parte all’influenza degli studi di genere e all’attenzione dedicata a tematiche quali la persona ed il corpo, in parte all’emergenza di fenomeni inediti quali le tecniche di riproduzione assistita o le nuove forme di famiglia. Dopo aver presentato i nuclei tematici fondamentali all’interno dell’antropologia della parentela e degli studi di genere, il corso ripercorrere i dibattiti più recenti sulla costruzione sociale dei corpi e della riproduzione e sulla natura dei vincoli parentali.

Bibliografia consigliata

L’elenco dei testi sarà disponibile a settembre sul sito di dipartimento.

Metodi didattici

Lezioni frontali
Discussione di testi
Visione di materiali audiovisivi.