Anno di corso: 1

Crediti: 12
Crediti: 6
Crediti: 12
Crediti: 12
Crediti: 3
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 3
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 3
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 3
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 1
Tipo: Altro

Anno di corso: 2

Crediti: 8
Crediti: 8
Crediti: 10
Crediti: 8
Crediti: 8
Crediti: 12
Crediti: 12

Anno di corso: 3

Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 12
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 7
Tipo: Lingua/Prova Finale

GEOLOGIA STRUTTURALE

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2016/2017
Anno di corso: 
2
Anno accademico di erogazione: 
2017/2018
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
10
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' didattica: 
95
Prerequisiti: 

geologia strutturale:
Conoscenze di base di geologia.

Cartografia geologica:
Principi di petrografia, stratigrafia, matematica e informatica

Moduli

Metodi di valutazione

Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

esame orale e scritto

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

Geologia strutturale:
Fornire le basi per il riconoscimento, classificazione e descrizione delle strutture geologiche

Geological and structural cartography:
Capacità di leggere e produrre carte e sezioni geologiche

Contenuti

Il corso comprende due moduli: Geologia strutturale (6 cfu) e Cartografia geologica.

Leggere, interpretare e implementare delle carte geologiche. Comprendere e rappresentare l’architettura tridimensionale delle unità geologiche e delle strutture rappresentate in carta.

Programma esteso

I modulo:
Sforzi e deformazioni. Equazioni fondamentali e legami in diverse condizioni di pressione, temperatura e tempo. Simple shear e pure shear. La scala delle deformazioni. Le principali categorie di deformazioni: faglie, caratteristiche, tipologie, classificazione basata sulla loro giacitura e cinematica, metodi e limiti per dedurre sul terreno la cinematica di una faglia, problemi e limiti relativi al calcolo di un rigetto, faglie con espressione morfologica e prive di tale espressione, possibili cause ed interazioni tra la dinamica endogena ed il modellamento esogeno. Associazioni possibili di faglie inverse, trascorrenti e normali. Esempi di strutture geologiche fragili regionali in aree europee ed extra-europee. Le pieghe: nomenclatura, ampiezza, lunghezza d’onda, persistenza, coerenza ed interferenza, stili in rapporto alla reologia delle rocce, alla natura dello sforzo e all’ambiente crostale. Metodi di studio sul terreno. Le pieghe polifasiche. Esempi di strutture plicative in Italia e all’estero. Foliazioni e scistosità. Fratture e giunti tettonici, tipologie, caratteristiche, cause ed ambiente di formazione, disposizioni spaziali. Elementi di neotettonica. Le principali strutture connesse agli sforzi magmatici e i metodi per distinguerle dalle deformazioni tettoniche s.s.
II modulo:
Cartografia geologica e strutturale.
Il corso si articolerà in brevi lezioni teoriche immediatamente seguite da esercitazioni pratiche. Gli argomenti del corso sono: (1) basi teoriche (scale di rappresentazione e basi topografiche, sistemi di riferimento e proiezioni, modelli digitali del terreno, tipi di cartografia geologica, schemi a margine e note illustrative, dati strutturali, proiezioni stereografiche, statistica direzionale, individuazione di elementi strutturali e definizione di domini omogenei); (2) costruzione di sezioni geologiche (orientazione ottimale delle sezioni, proiezione di limiti geologici ed elementi strutturali, spessori ed inclinazioni reali e apparenti); (3) argomenti avanzati (semplici modelli tridimensionali, software per la cartografia geologica e per la costruzione di sezioni geologiche, uso integrato di dati da sondaggi).

Bibliografia consigliata

Tibaldi Alessandro, 2015. Fondamenti di Geologia Strutturale. Lulu Press, (disponibile anche su: www.Lulu.com; www.Amazon.com; ecc

Metodi didattici

Lezione frontale

Lezioni frontali e un consistente numero di esercitazioni

Contatti/Altre informazioni

Sul sito web: www.disat.unimib.it nell'area didattica è possibile trovare le informazioni sul c.v. del docente, il numero di telefono dello studio, la sede universitaria o di lavoro, l’orario di ricevimento studenti e l’indirizzo e-mail.