Anno di corso: 1

Crediti: 6
Crediti: 9
Crediti: 6
Crediti: 12
Crediti: 3
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 3
Tipo: Altro

Anno di corso: 2

Anno di corso: 3

Crediti: 6
Crediti: 12
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 2
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 3
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 3
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 3
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 2
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 2
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 2
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 2
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 6
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 3
Tipo: Altro
Crediti: 6
Tipo: Altro

METODI E TECNICHE PER LA RICERCA SOCIALE

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2016/2017
Anno di corso: 
1
Anno accademico di erogazione: 
2016/2017
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
12
Ciclo: 
Annualita' Singola
Ore di attivita' didattica: 
96
Prerequisiti: 

Non sono richiesti particolari requisiti.

Moduli

Metodi di valutazione

Tipo di esame: 
Orale
Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

LA RICERCA QUANTITATIVA
Esame scritto. Tutti gli studenti immatricolati nell'A.A. 2016/2017 frequentanti e non frequentanti il corso in modalità blended sosterranno l'esame scritto sulla base dei testi di riferimento.

LA RICERCA QUALITATIVA
Studenti frequentanti: una relazione scritta di gruppo sull’esperienza di ricerca.
Studenti non frequentanti: esame scritto.

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

LA RICERCA QUANTITATIVA
Conoscenza e comprensione
Il corso ha come obiettivo principale quello di presentare la logica della ricerca sociale, le sue basi epistemologiche e metodologiche e le principali tecniche quantitative di raccolta ed analisi dei dati.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione
La competenza trasmessa riguarda la capacità di analizzare i fenomeni sociali secondo una prospettiva sociologica e di progettare e condurre una ricerca quantitativa.

LA RICERCA QUALITATIVA
Conoscenza e comprensione
Conoscenza della storia, dei presupposti epistemologici, delle caratteristiche di fondo e delle principali tecniche di costruzione/analisi dei dati nell’ambito della ricerca qualitativa
Capacità di applicare conoscenza e comprensione
Capacità di progettare e realizzare una ricerca qualitativa in campo su un tema di rilievo per la società contemporanea.

Contenuti

L’insegnamento si compone di due parti: La Ricerca Quantitativa e La Ricerca Qualitativa.
Si rivolge a studenti che si avvicinano per la prima volta alla metodologia della ricerca sociale. Introduce i principali approcci teorici e metodologici nell’analisi dei fenomeni sociali e mostra il legame esistente tra i principi epistemologici della conoscenza sociologica e la ricerca empirica. Inoltre, al fine di chiarire gli aspetti qualificanti di ciascuna tradizione di ricerca e le integrazioni possibili tra i due metodi, gli studenti frequentanti avranno la possibilità di mettere a punto due progetti di ricerca, uno quantitativo e uno qualitativo, su un tema che sarà illustrato all’inizio del corso.

Programma esteso

LA RICERCA QUANTITATIVA
Il corso ha come obiettivo principale quello di presentare la logica della ricerca sociale, le sue
basi epistemologiche e metodologiche e le principali tecniche quantitative di raccolta e analisi dei dati.
Si rivolge a studenti che si avvicinano per la prima volta alla metodologia della ricerca sociale. Introduce i principali approcci teorici e metodologici nell’analisi dei fenomeni sociali e mostra il legame esistente tra i principi epistemologici della conoscenza sociologica e la ricerca empirica.
In particolare, vengono affrontate le questioni relative agli aspetti metodologici del processo di ricerca: la natura dei problemi scientifici, le diverse prospettive nel modo di concepire le scienze sociali (la definizione della natura della realtà, il ruolo in essa del ricercatore, il tipo di linguaggio scientifico utilizzato e gli assunti da cui partire nel processo di ricerca), le fasi del disegno della ricerca, l’introduzione ai principali metodi e tecniche di raccolta dei dati, come l’indagine campionaria e, infine, le fonti dei dati oggi disponibili per la ricerca sociale (fonti nazionali e internazionali) e la logica dell’analisi secondaria di queste basi dati. In particolare, il corso di articola in tre parti:
Prima parte: definizione della natura della realtà, il ruolo in essa del ricercatore, il tipo di linguaggio scientifico utilizzato e gli assunti da cui partire nel processo di ricerca.
Seconda parte: saranno esposti i temi di logica ed impostazione della ricerca sociale quantitativa: le fasi del disegno della ricerca.
Terza parte: rivolta a trasmettere le principali conoscenze di alcuni metodi e tecniche di raccolta dei dati, le fonti dei dati oggi disponibili per la ricerca sociale e la logica dell’analisi secondaria di queste basi dati.

LA RICERCA QUALITATIVA
Nella prima parte del corso, dopo aver fornito un inquadramento storico della ricerca qualitativa, saranno presentati e discussi i suoi aspetti distintivi sul piano epistemologico.
Successivamente, sarà introdotto il metodo etnografico come via privilegiata all’indagine qualitativa, sarà presentata una panoramica di temi centrali della ricerca qualitativa e saranno illustrate le principali tecniche di costruzione e analisi dei dati (l’osservazione partecipante, l’intervista discorsiva e il focus group), viste nelle loro differenti modalità di utilizzo.
Per quanto attiene invece alle competenze di ricerca, gli studenti impareranno a elaborare un progetto di ricerca che preveda l’uso congiunto di più tecniche qualitative, a osservare fenomeni e situazioni sociali, a costruire un campione teoricamente significativo, a produrre e analizzare delle note etnografiche, a elaborare una traccia di intervista su un argomento specifico e a effettuare, trascrivere e analizzare delle interviste discorsive.

Bibliografia consigliata

LA RICERCA QUANTITATIVA
Ad esclusione del primo, gli altri testi sono reperibili in formato elettronico all’interno della piattaforma blended.
1. Stefanizzi, S., Il ragionamento sociologico. Questioni metodologiche ed esempi di ricerca, MCGrawHill, Milano, 2012 (cap. 6 escluso).
2. Gallino L., Manuale di sociologia, UTET, 1994, pp. 32-49
3. Calabrò A. R. (a cura di), Oggetto e metodo della sociologia: parlano i classici, Liguori, 2003, pp. 43-60, 63-81, 95-98.
4. Corbetta P., Metodologia e tecniche della ricerca sociale, Il Mulino, 1999, capp. II e III (fino a par. 3 incluso)
5. Schwartz H., Jacobs J., Sociologia qualitativa, Il Mulino, 1987, pp. 33-46
6. Lazarsfeld P., "Dai concetti agli indicatori empirici" in Cardano M., Miceli M. (a cura di), Il linguaggio delle variabili, Rosemberg e Sellier, 1991, pp. 121-132
7. Marradi A., "Concetti e metodi per la ricerca sociale" in Cardano M., Miceli M. (a cura di), Il linguaggio delle variabili, Rosemberg e Sellier, 1991, pp. 17- 43 e 53-71.
8. Bailey, K.D., Metodi della ricerca sociale, Il Mulino, 1985, pp 99-133, 159-203
9. Gobo G., Le risposte e il loro contesto, Franco Angeli, 1997, pp. 41-67
10. Zammuner V. L., Tecniche dell'intervista e del questionario, Il Mulino, 1998, pp. 93-147
11. Corbetta P., Gasperoni G., Pisati M., Statistica per le ricerca sociale, Il Mulino, 2001, pp. 45-66

Gli studenti immatricolati negli A.A. precedenti al 20152016 possono fare riferimento al programma dell’anno accademico 2014/2015:
1. Stefanizzi, S., Il ragionamento sociologico. Questioni metodologiche ed esempi di ricerca, MCGrawHill,
Milano, 2012 (cap. 6 escluso)
2. Bailey K. D., Metodi della ricerca sociale. Vol.II. L’inchiesta, il Mulino, Bologna, 2006

LA RICERCA QUALITATIVA
Studenti frequentanti:
1) Corbetta P., “La ricerca sociale: metodologia e tecniche. Vol. I. I paradigmi di riferimento”, Bologna, Il Mulino (2003); 2) Corbetta P., “La ricerca sociale: metodologia e tecniche. Vol. III. Le tecniche qualitative”, Bologna, Il Mulino (2003); 3) Letture tematiche che saranno indicate all’inizio del corso.
Studenti non frequentanti:
1) Corbetta P., “La ricerca sociale: metodologia e tecniche. Vol. I. I paradigmi di riferimento”, Bologna, Il Mulino (2003); 2) Corbetta P., “La ricerca sociale: metodologia e tecniche. Vol. III. Le tecniche qualitative”, Bologna, Il Mulino (2003); 3) Un testo a scelta tra: a) Dal Lago A., Quadrelli E., “La città e le ombre. Crimini, criminali, cittadini”, Milano, Feltrinelli (2004); b) Perrotta D., “Vite in cantiere. Migrazione e lavoro dei rumeni in Italia”, Il Mulino (2011); c) Scandurra G, Antonelli F, “Tranvieri. Etnografia di una palestra di pugilato”, Roma, Aracne (2010).
Erasmus students:
1) Nagy Hesse-Biber S., Leavy P., “The practice of qualitative research (2nd edition)”, Sage Publications (2011); 2) Un testo a scelta tra: a) Duneier M., “Sidewalk”, New York, Farrar, Straus and Giroux, (1999); b) Venkatesh S., “Gang leader for a day: a rogue sociologist takes to the streets”, New York, Penguin Press, (2008).

Metodi didattici

LA RICERCA QUANTITATIVA
Lezioni in aula ed e-learning. In particolare, il corso si articola in 30 ore di lezioni frontali e 18 ore di lezioni erogate con la modalità blended learning. La didattica in blended learning prevede una serie di attività come web conference, esercitazioni guidate, test di autovalutazione, ricevimento studenti on line.

LA RICERCA QUALITATIVA
Lezioni in aula (19 ore) e e-learning (29 ore). La modalità in presenza sarà utilizzata per presentare agli studenti gli aspetti epistemologici e metodologici della ricerca qualitativa, oltre che per illustrare gli elementi qualificanti delle tecniche di ricerca.
La modalità online sarà, invece, utilizzata per gestire - tramite compiti, web-conference, chat, forum tematici e lezioni videoregistrate - tutte le esercitazioni relative alla:
progettazione di una ricerca qualitativa
osservazione partecipante;
stesura di una traccia intervista qualitativa
presentazione e discussione dei progetti di ricerca.