Anno di corso: 1

Crediti: 6
Crediti: 9
Crediti: 9
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 3
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 3
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 3
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 3
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 3
Tipo: Altro

Anno di corso: 2

Anno di corso: 3

STATISTICA MEDICA

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2016/2017
Anno di corso: 
1
Anno accademico di erogazione: 
2016/2017
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Crediti: 
6
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' didattica: 
44
Prerequisiti: 

Nessuno

Moduli

Metodi di valutazione

Tipo di esame: 
Orale
Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

ESAME SCRITTO E ORALE

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

Il corso si propone di fornire gli strumenti concettuali per capire le peculiarità del metodo statistico nell’Area della ricerca biomedica. Alla fine del corso lo studente deve essere in grado di: (1) impostare correttamente il calcolo di una misura di frequenza di una malattia e dei suoi possibili esiti; (2) riconoscere e interpretare la differenza tra approccio sperimentale e osservazionale; (3) riconoscere ed interpretare i vantaggi e i limiti dei principali disegni sperimentali e osservazionali.

Contenuti

1) Introduzione al corso; 2) Misure di frequenza; 3) La ricerca biomedica tra sperimentazione e osservazione pianificata; 4) Principali disegni sperimentali; 5) Principali disegni osservazionali.

Programma esteso

1) Ruolo delle scienze statistiche nella ricerca e nella pratica clinica: il processo induttivo e quello deduttivo. 2) Frequenza della malattia e dei suoi possibili esiti: costruzione e significato di un indice (casi incidenti e prevalenti; coorte fissa e popolazione dinamica); tasso e rischio – differenze concettuali e relazione matematica - ; metodo attuariale; relazione tra prevalenza, incidenza e mortalità. 3) La ricerca scientifica in medicina: osservazione pianificata e sperimentazione (concetto di causa; definizione di ricerca sperimentale e osservazionale). 4) La ricerca scientifica in medicina: studi clinici controllati randomizzati (le fasi preclinica e clinica della sperimentazione di un farmaco; norme di buona pratica clinica; principio guida di un esperimento; studi clinici tra ed entro pazienti; introduzione ai disegni completamente randomizzato, a blocchi randomizzati e fattoriale; misure di efficacia). 5) La ricerca scientifica in medicina: studi epidemiologici osservazionali (studi ecologici e analitici; la fallace ecologica; disegno prospettico e retrospettivo, misure di insorgenza e di associazione).Teorema
Fondamentale dell’ Algebra e sue Conseguenze.
Spazi vettoriali lineari su R – Dipendenza e indipendenza lineare –
Sottospazi – Basi e dimensione di uno spazio – Spazio vettoriale Rn sul
campo reale – Norme e relative proprietà – Norma euclidea – Prodotto
interno e proprietà, disuguaglianza di Cauchy-Schwarz, vettori ortogonali
– Basi ortonormali – Costruzione di una base ortonormale. Complementi
Ortogonali e Proiezioni- Distanza minima e approssimazione.
Trasformazioni lineari: definizione, matrice di rappresentazione, nucleo e
immagine di una trasformazione, teorema nullità+rango, Proiezioni –
Matrici, operazioni tra matrici – Rango di una matrice – Determinante di una matrice quadrata e sue proprietà – Teorema di Binet – Matrice
inversa: definizione, condizione per l’esistenza, calcolo – Applicazione ai
sistemi lineari: teorema di Capelli, principio di sovrapposizione, teorema
di Cramer.
Autovalori e autovettori di una matrice quadrata, indipendenza lineare di
autovettori associati ad autovalori distinti – Matrici simili e relative
proprietà – Proprietà della relazione di similitudine – Matrici
diagonalizzabili – Condizioni per la diagonalizzabilità – Matrici ortogonali –
Matrici simmetriche.
Forme quadratiche, studio del segno di una forma quadratica.

Bibliografia consigliata

G. Corrao, slide del corso, 2011, scaricabili dalla pagina personale del docente
Per alcune parti del corso verrà indicato materiale aggiuntivo ad integrazione degli appunti.

Metodi didattici

LEZIONI FRONTALI