Anno di corso: 1

Anno di corso: 2

Crediti: 25
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 6
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente

Anno di corso: 3

Crediti: 23
Crediti: 6
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 1
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 6
Tipo: Lingua/Prova Finale

INFERMIERISTICA IN AREA CRITICA

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2016/2017
Anno di corso: 
3
Anno accademico di erogazione: 
2018/2019
Tipologia di insegnamento: 
Caratterizzante
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Settore disciplinare: 
SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE (MED/45)
Crediti: 
3
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' didattica: 
28
Prerequisiti: 

Esami propedeutici: Fondamenti di Scienze Infermieristiche e Ostetriche; Metodologia Clinica nelle Scienze Infermieristiche; Scienze Biomediche 1; Scienze Biomediche 2; Fisiologia Umana; Assistenza infermieristica in Medicina specialistica; Assistenza infermieristica in Chirurgia specialistica.

Partizioni

Metodi di valutazione

Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

TEST A RISPOSTE CHIUSE (Scelta a risposta multipla): per il controllo estensivo della preparazione sul programma d’esame;

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

Riconoscimento precoce di situazioni critiche. Assistenza a quadri clinici specifici: shock, insufficienza respiratoria, coma, insufficienza cardiaca, sepsi. Assistenza alla gestione anestesiologica del paziente chirurgico. Farmacologia: conoscenza dei farmaci e delle soluzioni infusionali utilizzate in emergenza. Conoscenza dei curari, degli anestetici sia gassosi che endovenosi e dei farmaci usati a scopo anestetico e analgesico. Conoscenza delle apparecchiature utilizzate per il supporto delle funzioni vitali (respiratore, contro pulsatore etc.). Saper descrivere il quadro clinico delle principali patologie ivi trattate che possono intervenire sull’organismo alterandone l’equilibrio ed indicarne l’approccio terapeutico; sapere indicare i meccanismi fisiopatologici che li determinano; conoscere la manifestazione delle patologie trattate -segni e sintomi- in quanto riconoscibili come una tra le principali variabili influenzanti l’assistenza infermieristica.

Contenuti

Il corso ha la finalità di preparare lo studente ad identificare e affrontare le problematiche assistenziali correlate alle emergenze mediche-chirurgiche e all’assistenza infermieristica in sala operatoria. Lo studente sarà in grado di elaborare piani di assistenza infermieristica alla persona in terapia intensiva e in situazioni di emergenza.

Programma esteso

ASSISTENZA INFERMIERISTICA IN AREA CRITICA - Il dipartimento di emergenza-urgenza
• Nascita di una cultura dell'urgenza ed evoluzione storica dell'area critica.
• Gli strumenti di pianificazione e documentazione dell’assistenza infermieristica: la scheda di soccorso, la scheda di triage, la cartella infermieristica.
• Gli strumenti di valutazione dei bisogni del paziente critico ( Scale di valutazione)
• Responsabilità e competenze dell’infermiere di area critica nell’applicazione dei protocolli diagnostico
Il mantenimento della funzione respiratoria nel paziente critico
• Tipologie di intubazione rino-oro-tracheale, assistenza a tali procedure e gestione dei presidi.
• Tracheotomia , assistenza alla procedura e gestione dei presidi.
• Aspirazione tracheo-bronchiale (da tubo/cannula endotracheale).
• Modalità di ventilazione invasiva nella persona intubata e ventilazione non invasiva.
• Aspetti generali della gestione dei ventilatori meccanici, relativi monitoraggi e impostazione dei principali parametri.
• Posizionamento e gestione del casco/maschera CPAP
• Monitoraggio respiratorio.
• Esecuzione del prelievo arterioso da polso radiale
Il mantenimento della funzione cardio-circolatoria nel paziente critico
• Monitoraggio emodinamico in Terapia Intensiva (FC, PA, PVC, PAP, PCWP,PICCO).
• Monitoraggio clinico
• Defibrillazione elettrica
• Pacing esterno ed interno
• Alterazioni della temperatura corporea e mantenimento
Il monitoraggio della funzionalità cerebrale nel paziente critico
• Lo stato di coma: possibili cause ed indicatori.
• Monitoraggio strumentale e clinico della funzionalità cerebrale
• Gestione del drenaggio liquorale esterno.
• La stimolazione sensoriale della persona in stato di coma.
Il mantenimento dei processi omeostatici nel paziente critico
• Gestione e mantenimento della omeostasi termica in Terapia Intensiva
• Gestione della nutrizione artificiale
• Monitoraggio della funzionalità urinaria ed intestinale
Responsabilità e competenze infermieristiche relativamente a:
• Gestione della terapia farmacologica in area critica e in situazioni di urgenza
• Prevenzione delle infezioni nosocomiali in Terapia Intensiva
• Utilizzo dei sistemi di riconoscimento precoce del deterioramento delle funzioni vitali
• La contenzione in Terapia Intensiva.
• La comunicazione della “cattiva notizia”
• L’umanizzazione della cura e le terapie intensive aperte
• Gestione delle urgenze intraospedaliere ( con particolare riferimento ai criteri di attivazione del Medical Emergency Team –MET )
Principali obiettivi assistenziali relativamente a:
• Persona con compromissione delle funzioni vitali, instabilità emodinamica
• Persona in stato di coma ricoverata in Terapia Intensiva
• Persona con politrauma in ambito extraospedaliero
 Premesse
 Valutazione dell’evento, ABCDE primaria e secondaria
 Mobilizzazione della persona politraumatizzata (valutazione e gestione Trauma Arti e Colonna Vertebrale)
 Ausili per l’immobilizzazione ed il trasporto
 Monitoraggio della temperatura corporea
 Trattamento e gestione di ferite, ustioni e principali lesione ossee
• Il Triage infermieristico in Pronto Soccorso: obiettivi, processo e competenze
Il programma prevede per ogni studente l'effettuazione del corso di BLS-D con l'acquisizione dell'attestato di esecutore di BLS-D, secondo Linee Guida Regione Lombardia.

Bibliografia consigliata

Chiaranda M. (2016) Urgenze ed Emergenze – Istituzioni, IV ed., Piccin; Linee Guida Italian Resuscitation Council e European Resuscitation Council, 2015; Galvagni M., Perini C. (2010) L'infermiere in sala operatoria, McGraw-Hill Education. Chiaranda M., Urgenze ed Emergenze - Istituzioni. 3° edizione. Piccin (2011). Linee Guida Italian Resuscitation Council e European Resuscitation Council 2015.

Metodi didattici

Lezioni frontali, esercitazioni. Lavori di gruppo.