TRANSLATIONAL APPROACH TO NEUROLOGICAL DISORSERS

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2016/2017
Anno di corso: 
2
Anno accademico di erogazione: 
2017/2018
Tipo di attività: 
Obbligatorio a scelta
Crediti: 
6
Ciclo: 
Primo Semestre
Ore di attivita' didattica: 
52
Prerequisiti: 

Conoscenze di base di anatomia e istologia, di fisiologia e di neurofarmacologia. conoscenze approfondite di biochimica, biologia molecolare e genetica

Moduli

Metodi di valutazione

Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

Prova scritta e prova orale

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

Risultati di apprendimento attesi
lo studente dovra’ essere in grado di integrare le conoscenze di base relative al campo delle neuroscienze, oltre ai meccanismi patogenetici, alle prospettive terapeutiche e alle attuali linee di ricerca nell’ambito delle pincipali malattie del sistema nervoso e cardiocerebrovascolari

Contenuti

Il corso si propone di contribuire alla formazione di un biotecnologo medico che sia in grado di integrare i principi basilari delle neuroscienze in modo da permettere di comprendere le basi biologiche, i principali meccanismi patogenetici e i modelli di studio delle malattie del sistema nervoso.
Analogamente, si propone inoltre di fornire al biotecnologo le nozioni di base per comprendere il ruolo delle malattie cardiocerebrovascolari nelle patologie del sistema nervoso e analizzare le applicazioni dei modelli sperimentali in questo campo. Essi verranno analizzati sottolineandone le criticità oltre al coinvolgimento nello sviluppo di nuove strategie terapeutiche.

Programma esteso

Neuroscienze, un approccio integrativo:
struttura e funzione (sistema nervoso. dottrina neuronale. cellule gliali. impulso nervoso. trasmissione sinaptica. percezione sensitiva. movimento. topografia cerebrale. regioni cerebrali specializzate. asimmetria cerebrale)
il cervello dinamico (migrazione cellulare. morte cellulare. potatura sinpatica. neuroplasticita’. adolescenza. stress e cervello. cervello e invecchiamento. neurodegenerazione)
neurodogmi infranti (neurogenesi nell’adulto. epigenetica)
le sfide emergenti (stem cell neuronali. interfaccia cervello-computer)
meccanismi e biomarkes di danno neuronale:
ruolo del glutammato in fisiologia e patologia; meccanismi di eccito tossicità. rapporti tra eccitotossicità, infiammazione e stress ossidativo. interazioni tra snc e sistema immunitario. ruolo del glutammato e del sistema gabaergico nell’epilessia fisiopatologia dell’ictus cerebrale e della sclerosi multipla.genetica della malattia di parkinson, della sla e della malattia di alzheimer. meccanismi molecolari alla base delle malattie neurodegenerative.

applicazione dei modelli sperimentali nel danno vascolare
applicazione dei modelli sperimentali nell’aterosclerosi coronarica
applicazione dei modelli sperimentali nell’aterosclerosi carotidea nella genesi dell’ischemia cerebrale
applicazione dei modelli sperimentali nell’aterosclerosi periferica
applicazione dei modelli sperimentali nell’iperplasia intimale e nella restenosi
applicazione dei modelli sperimentali nella malattia aneurismatica aortica
applicazione dei modelli sperimentali nella dissecazione aortica

Metodi didattici

Lezioni frontali ed esercitazioni