Anno di corso: 1

Crediti: 8
Crediti: 8
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 3
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 3
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 3
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 3
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 3
Tipo: Altro

Anno di corso: 2

Anno di corso: 3

Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 8
Crediti: 6
Crediti: 6
Crediti: 12
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 8
Tipo: Lingua/Prova Finale

ANTROPOLOGIA CULTURALE

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2016/2017
Anno di corso: 
2
Anno accademico di erogazione: 
2017/2018
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
8
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' didattica: 
56
Prerequisiti: 

A-L e M-Z
Conoscenze di base di geografia e storia

Moduli

Metodi di valutazione

Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

A-L
Prova scritta e prova finale con esame orale dove, con opportune domande, il docente verificherà la solidità delle competenze acquisite e la capacità degli studenti di leggere criticamente i testi e stabilire confronti e connessioni con altri insegnamenti.
L'appello d'esame, diviso in scritto e poi orale, non è disgiungibile: lo scritto vale solo per la data di appello in cui è stato svolto e valutato e non per altri appelli, assieme alla seconda prova orale.
Lo scritto verte sul "manuale" di antropologia ed è costituito da tre domande aperte, l'orale è un colloquio sugli altri testi (etnografici).
I risultati dello scritto, appena vagliati, verranno messi sulla pagina del corso; solo se non si ottiene il 18 (il minimo) chiaramente non si sarà ammessi all'orale, che ha un secondo appello segnalato nella vostra bacheca appelli. L'appello per la registrazione del voto d'esame è l'appello ORALE. Ciò significa che se non ci si iscrive a questo ultimo appello non si potrà nè conseguire l'esame nè registrare il voto: ricordatevi quindi di iscrivervi si ad entrambi gli appelli, ma obbligatoriamente al secondo/orale.

M-Z:
Prova scritta ed esame orale. Con opportune domande, il docente verificherà la solidità delle competenze acquisite e la capacità degli studenti di leggere criticamente i testi e stabilire confronti e connessioni con altri insegnamenti.
L'appello d'esame, diviso in scritto e poi orale, non è disgiungibile: lo scritto vale solo per la data di appello in cui è stato svolto e valutato e non per altri appelli. Lo scritto, pertanto, deve essere sempre completato dall’esame orale.
Lo scritto verte sul testo “Elementi di antropologia Culturale” ed è costituito da tre domande aperte.
L'orale è un colloquio sugli altri due testi (Malighetti-Molinari, Tassan).
I risultati dello scritto, appena vagliati, verranno messi sulla pagina del corso. L’ammissione alla prova orale è subordinata al superamento dello scritto (voto minimo: 18).
Le date dello scritto e dell’orale sono segnalate nella bacheca appelli.
La REGISTRAZIONE del voto avviene a conclusione dell’esame ORALE. Ciò significa che se non ci si iscrive all’esame orale non si potrà né conseguire l'esame, né registrare il voto. È necessario quindi iscriversi sia alla prova scritta che a quella orale, ma obbligatoriamente a quella orale.

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

A-L e M-Z:
Il corso si propone di fornire agli studenti solide conoscenze di base in antropologia culturale, presentando alcune nozioni costitutive della disciplina come società, etnia, religione, rito, potere, genere, ecc. Il corso intende inoltre presentare le specificità metodologiche dell'antropologia quali la ricerca sul campo, cioè l’“immersione” in un altro mondo di vita e in un altro ambiente, il decentramento dello sguardo e lo spaesamento. In tal senso la dimensione educativa insita nella disciplina si svela nei fenomeni di acculturazione nell’incontro con l’”altro” ma anche nello scontro e negli attriti oppure nella fascinazione che la diversità può suscitare.
Attraverso le lezioni e le letture proposte verranno forniti agli studenti gli strumenti per la comprensione delle dinamiche delle identità e delle differenze culturali. L’obiettivo è sviluppare un’attitudine al confronto e al riconoscimento critico alle diverse realtà culturali. Gli studenti acquisiranno conoscenze utili a una riflessione critica sulla complessità del mondo contemporaneo.

Contenuti

A-L e M-Z:
introduzione all’antropologia culturale

Programma esteso

A-L:
Programmi per non frequentanti:
1- Fabietti U. 2015, Elementi di antropologia culturale, Mondadori (Parti da studiare: I: tutto; II: tutto; III: 1, 3.1, 3.2, 3.3; IV:tutto; V:;tutto VI:1, 3; VII,: tutto; VIII: 1, 2; IX: tutto)
Particolare attenzione va posta alle schede contenute nel libro
2 - Brivio, A., 2012, Il vodu in Africa. Metamorfosi di un culto. Roma, Viella
(parti da escludere: cap.1, par. 4, 5, 6 7, 8, 10, 11; cap.2 par. 8; cap.3, par.1; cap.5 par.10, 11)
3 - Pinelli B. 2012 (a cura di), Migrazione e asilo politico, Antropologia n.15 (gli articoli di Pinelli, Brivio, Pinelli, Sorgoni, accesso online sul sito http://www.ledijournals.com/ojs/index.php/antropologia/issue/view/20)
4 - Cerbini F. 2015 La casa di sapone, Mimesis
5-Un testo a scelta tra i seguenti:

a-Bourgois P., Cercando rispetto. Drug economy e cultura di strada, Roma, Derive e Approdi
b-Aime M., (2016) Fuori dal tunnel. Viaggio antropologico nella Val di Susa, Meltemi editore

M-Z:
Programma per studenti frequentanti:
1. Gli appunti presi a lezione costituiscono parte integrante del programma d’esame.
2. Fabietti U., 2015, Elementi di antropologia culturale, Mondadori (tutto ad eccezione del Capitolo 2 della Parte Sesta)
3. Malighetti R., Molinari M., 2016, Il metodo e l’antropologia. Il contributo di una scienza inquieta, Milano, Cortina.
4. Tassan M., 2017, Amazzonia incantata. Luoghi, corpi e malattie in una comunità afro-discendente del Brasile. Roma, Cisu.

Programma per studenti non frequentanti:
1. Fabietti U. 2015, Elementi di antropologia culturale, Mondadori.
2. Malighetti R., Molinari A., 2016, Il metodo e l’antropologia. Il contributo di una scienza inquieta, Milano, Cortina.
3. Tassan M., Amazzonia incantata. Luoghi, corpi e malattie in una comunità afro-discendente del Brasile. Roma, Cisu.

Bibliografia consigliata

A-L
1-Appunti del corso e delle esercitazioni e letture consegnate dal docente
2- Fabietti U. 2015, Elementi di antropologia culturale, Mondadori (Parti da studiare: I: tutto; II: tutto; III: 1, 3.1, 3.2, 3.3; IV:tutto; V:;tutto VI:1, 3; VII,: tutto; VIII: 1, 2; IX: tutto)
Particolare attenzione va posta alle schede contenute nel libro
3 - Brivio, A., 2012, Il vodu in Africa. Metamorfosi di un culto. Roma, Viella
(parti da escludere: cap.1, par. 4, 5, 6 7, 8, 10, 11; cap.2 par. 8; cap.3, par.1; cap.5 par.10, 11)
4 - Pinelli B. 2012 (a cura di), Migrazione e asilo politico, Antropologia n.15 (gli articoli di Pinelli, Brivio, Pinelli, Sorgoni, accesso online sul sito http://www.ledijournals.com/ojs/index.php/antropologia/issue/view/20)
5 - Cerbini F. 2015 La casa di sapone, Mimesis

M-Z:
Fabietti U. 2015, Elementi di antropologia culturale, Mondadori.
2. Malighetti R., Molinari A., 2016, Il metodo e l’antropologia. Il contributo di una scienza inquieta, Milano, Cortina.
3. Tassan M., 2017, Amazzonia incantata. Luoghi, corpi e malattie in una comunità afro-discendente del Brasile. Roma, Cisu.

Metodi didattici

A-L
Le lezione sono supportate da Power Point e da materiale etnografico multimediale (video, foto e audio). Durante la lezione verranno presentati studi su temi contemporanei della disciplina. L'utilizzo di diversi supporti didattici oltre ai testi, tra cui materiali audio-visivi, saranno volte a incoraggiare la capacità di apprendimento e la capacità critica nelle discussioni comuni.

M-Z:
Lezioni frontali, utilizzo di slide e di eventuale materiale audio-video, discussioni in classe. L'utilizzo di diversi supporti didattici oltre ai testi, tra cui i materiali audio-visivi, saranno volte a incoraggiare la capacità di apprendimento e la capacità critica nelle discussioni comuni.