Anno di corso: 1

Crediti: 12
Crediti: 8
Crediti: 3
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 3
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 3
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 3
Tipo: Lingua/Prova Finale

Anno di corso: 2

Anno di corso: 3

Crediti: 12
Tipo: A scelta dello studente
Crediti: 3
Tipo: Lingua/Prova Finale
Crediti: 13
Tipo: Per stages e tirocini

OTTICA DELLA CONTATTOLOGIA GENERALE

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2017/2018
Anno di corso: 
2
Anno accademico di erogazione: 
2018/2019
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
12
Ciclo: 
Annualita' Singola
Ore di attivita' didattica: 
84
Prerequisiti: 

MODULO I
avere acquisito conoscenze di anatomia e fisiologia oculare, ottica visuale e geometrica.

Non sono previste attività di sostegno in ingresso o in itinere, in quanto il programma procede in parallelo con quello del laboratorio di Ottica della Contattologia generale I dove i contenuti vengono applicati praticamente e vengono pertanto verificate in questo modo le conoscenze e competenze acquisite nello sviluppo del percorso didattico .

MODULO 2
Frequenza del corso di contattologia generale modulo 1

Moduli

Metodi di valutazione

Tipo di esame: 
Orale
Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

MODULO I
Esame congiunto dei moduli 1 e 2.

Esame scritto mediante piattaforma informatica composto da domande a scelta multipla ed esercizi relativi all'applicazione e scelta di lenti a contatto

Esame orale obbligatorio dopo il superamento della prova scritta

Non sono previste prove in itinere.

MODULO 2
Esame congiunto dei moduli 1 e 2.

Esame scritto mediante piattaforma informatica mediante domande a risposta multipla ed esercizi relativi all'applicazione e scelta di lenti a contatto.

Esame orale obbligatorio dopo il superamento della prova scritta.

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

MODULO I
Il corso si pone l’obiettivo di far acquisire le conoscenze, le abilità e le competenze per gestire in autonomia l'applicazione delle lenti a contatto morbide.

lo studente acquisirà le più recenti nozioni scientifico tecnologiche e conoscenze della contattologia e le abilità per l’utilizzo clinico ed interpretativo delle tecnologie strumentali sia di base, sia evolute oltre a sviluppare le capacità di utilizzare le tecniche di applicazione e controllo delle lenti a contatto.

MODULO 2
Imparare a gestire e ad applicare lenti a contatto su misura e speciali.

Imparare a gestire l'applicazione e le eventuali complicanze cliniche.

Contenuti

MODULO I
1. gestione delle condizioni rifrattive con lenti a contatto morbide

2. conoscenze relative alla relazione geometrica, fisica e fisiologica tra lac e segmento anteriore esterno oculare

3 conoscenze delle varie tipologie di lac morbide ed i relativi materiali

4. metodologie applicative delle lac morbide previa selezione del candidato ed accurata valutazione oculare, parametrica e fisiologica

5 studio approfondito del film lacrimale e la sua relazione con le lac. studio dell'occhio secco marginale

6. criteri applicativi di lac morbide sferiche, asferiche, toriche,multifocali ed applicazioni speciali

7. prevenire e gestire le complicanze indotte dalle lac morbide, anche attraverso l'utilizzo di grading scale

8. presentazione e discussione in aula di casi clinici

MODULO 2
Lenti a contatto su misura e speciali

Programma esteso

MODULO I
Introduzione alla contattologia, glossario dei termini tecnici
Argomenti base:
Storia ed evoluzione delle lenti a contatto.
Cenni di anatomia e fisiologia della cornea e delle strutture in relazione ad essa. Cenni di morfologia e microscopia
elettronica della cornea e della congiuntiva.
Ossigenazione corneale e fenomeni ipossici. Cenni di immunologia e dei processi infiammatori.
Caratteristiche geometriche delle lenti a contatto , ottica delle lenti a contatto.
Preliminari
Valutazione iniziale. Il colloquio anamnestico. Valutazione pre applicativa : Indicazioni generali all'utilizzo delle lenti a
contatto . Misurazioni preliminari, valutazione dello stato rifrattivo, valutazione della visione binoculare , esame in
lampada a fessura, coloranti vitali. Significato clinico e valutazione del film lacrimale . Interazione tra film lacrimale e
lente a contatto. Anomalie palpebrali e dell'ammiccamento, anomalie della componente mucinica e della
componente lipidica del film lacrimale. Interpretazione delle figure di interferenza del film lacrimale .
Tecniche strumentali avanzate per la rilevazione delle caratteristiche oculari
Topografia corneale
Pachimetria
Microscopia endoteliale
Aberrometria ed analisi dei fronti d'onda
Lenti a contatto in idrogel
Materiali idrogel convenzionali, materiali in silicone idrogel
Aspetti applicativi delle lenti a contatto morbide: proprietà dei materiali, classificazione, indicazioni per l'utilizzo di lenti
morbide, valutazioni e misurazioni oculari di base, procedure applicative, caratteristiche e valutazioni applicative,
tempi di porto e di adattamento. Controlli post applicativi.
Studio delle lenti a contatto morbide customizzate, disposable e a ricambio frequente in idrogel.
Lenti a contatto in silicone idrogel
Struttura e proprietà dei materiali. Lenti ad uso continuo e prolungato. Condiderazioni fisiologiche e criteri applicativi.
Lenti a contatto morbide biomimetiche e biocompatibili
Struttura e proprietà dei materiali . Considerazioni fisiologiche e criteri applicativi
La correzione dell'astigmatismo con lenti a contatto morbide toriche.
Proprietà dei materiali . Indicazioni per l'utilizzo di lenti a contatto toriche Sistemi di stabilizzazione. Lenti toriche
morbide customizzate
La correzione della presbiopia con lenti a contatto morbide
Struttura e proprietà dei materiali. Valutazione preliminare e selezione del portatore. Opzioni correttive della
presbiopia con lenti a contatto. Le lenti a contatto morbide bifocali e multifocali e le relative geometrie.
Le complicanze in relazione all'utilizzo delle lenti a contatto morbide
classificazione e gestione delle complicanze, sistemi di classificazione, le grading scales Compliance e prevenzione
delle complicanze I sistemi di acquisizione digitali
Occhio secco
Sistemi di classificazione dell'occhio secco. La gestione optometrica dell'occhio secco marginale Test oggettivi e
soggettivi per la valutazione della condizione di occhio secco marginale. Gestione della condizione: polimeri idonei,
integratori e sotituti lacrimali

MODULO 2
Le lenti a contatto gas-permeabili
Requisiti di base, materiali e geometrie RGP, profilo corneale, pattern fluorescinici, principi generali nell'applicazione
delle lenti rigide, procedure e critri applicativi, procedure per riapplicare soggetti portatori di PMMA, identificazione e
scelta dei materiali rgp .
La correzione dell'astigmatismo con lenti a contatto RGP.
Proprietà dei materiali . Indicazioni e criteri per l'utilizzo di lenti a contatto toriche RGP .la geometria delle lenti a
contatto rigide toriche , considerazioni ottiche per il calcolo della lente finale .
La correzione della presbiopia con lenti a contatto RGP
Struttura e proprietà dei materiali. Valutazione preliminare e selezione del portatore. Opzioni correttive della
presbiopia con lenti a contatto. Le lenti a contatto RGP bifocali e multifocali e le relative geometrie.
La correzione del Cheratocono e degli astigmatismi irregolari con lenti a conta

Bibliografia consigliata

MODULO I
consegna, ad ogni lezione della presentazione in power point agli studenti.

testo obbligatorio: Clinical Contact Lens Practice , Bennet, LIppincott Williams&Wilkins

testo consigliato: Contact Lenses, Phillips, , Butterworth Heinemann

. appunti e dispense del docente

MODULO 2
Libro di testo Clinical manual of contact lenses fourth edition

autori: Edward S. Bennet e Vinita Allee Henry

editore Wolters Kluwer Lippincott Williams&Wilkins

materiale fornito dal docente

Metodi didattici

MODULO I
lezioni frontali, con ausilio di presentazione in power point, video e presentazione e discussione di casi clinici

MODULO 2
Lezioni frontali con filmati e slide formato elettronico