PRATICHE FILOSOFICHE

Scheda dell'insegnamento

Anno accademico di regolamento: 
2017/2018
Anno di corso: 
1
Anno accademico di erogazione: 
2017/2018
Tipo di attività: 
Obbligatorio
Lingua: 
Italiano
Crediti: 
8
Ciclo: 
Secondo Semestre
Ore di attivita' didattica: 
56
Prerequisiti: 

Nessuno

Moduli

Metodi di valutazione

Modalita' di verifica dell'apprendimento: 

Esame orale.

Valutazione: 
Voto Finale

Obiettivi formativi

Sviluppare:
1) la capacità di lettura e interpretazione;
2) le capacità di esposizione autonoma;
3) le capacità critico-dialettiche;
4) la capacità formativa e la conoscenza di sé;
5) la capacità di ascolto e dialogo in contesto pedagogico e analitico.

Contenuti

In che rapporto stanno vita e pensiero secondo la meditazione filosofica nella sua radice greca? Come si intrecciano filosofia, azione (praxis) ed esperienza (intesa, quest'ultima, sia nel suo senso quotidiano che in quello propriamente spirituale)? In che modo l'essere umano è frutto di un lavoro architettonico-formativo? Il corso affronta queste domande con riferimento a fonti filosofiche antiche e tardo-antiche.

Programma esteso

Il corso introduce alle pratiche filosofiche, ovvero alla filosofia come forma (e formazione) di vita e agli esercizi filosofico-spirituali. Nelle elaborazioni sistematiche delle scuole tardo-antiche, così come nella riflessione platonica e aristotelica, la filosofia intesa nella sua dimensione originariamente (essenzialmente) pratica illumina i problemi cruciali dei processi formativi e delle relazioni di cura.

Bibliografia consigliata

Pierre Hadot, Che cos'è la filosofia antica?, tr. it. Einaudi
Claudia Baracchi, L'architettura dell'umano. Aristotele e l'etica come filosofia prima, Vita e Pensiero
Aristotele, Etica Nicomachea, tr. Natali, Laterza
Platone, Repubblica, a cura di F. Sartori, Laterza

Metodi didattici

Lezione, discussione, seminari.